Lavoro 15 Marzo 2016

Formazione, contratto e assunzioni: sciopero rinviato. Ma i medici preparano una Leopolda della sanità…

Positivo il primo incontro con il Governo. Cassi (CIMO): «Spiragli, ma mobilitazione va avanti»

Immagine articolo

Il governo si fa carico delle doglianze dei medici. Lo sciopero è stato sospeso. Ma i camici bianchi e i loro sindacati continuano, sulla spinta di queste prime interlocutorie vittorie di tappa, il loro giro d’Italia per compattare la categoria e offrire dialogo e ascolto in vista dei prossimi decisivi passaggi.


All’orizzonte già un importante appuntamento: una Leopolda dei medici proprio a “casa Renzi”. Nel frattempo si sono aperti i tavoli con Governo e Regioni con una prima riunione  lunedì presso il ministero della Salute: al centro dell’incontro formazione, contratto e assunzioni.

«Abbiamo sospeso per sessanta giorni lo sciopero – conferma Riccardo Cassi, presidente di CIMO, il sindacato di riferimento dei medici ospedalieri –, continuando, comunque, le altre iniziative: le assemblee negli ospedali, le riunioni che dovremmo fare a Milano e a Firenze nei prossimi mesi. Abbiamo trovato una buona disponibilità da parte del Governo ad accogliere le nostre richieste, ma anche attenzione ai nostri problemi. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, in rappresentanza del premier Matteo Renzi, si è fatto carico di una serie di problemi. Il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin ha invece annunciato di aver fatto una nuova richiesta alle Regioni per identificare il fabbisogno di personale per risolvere il problema degli orari di lavoro. È il primo atto legato alla legge di Stabilità e anche col ministro alla Funzione Pubblica Marianna Madia – aggiunge – abbiamo trovato un punto d’accordo:il ministro ha accolto la nostra richiesta anche sulla questione di andare a definire qual è un lavoro flessibile consentito nella pubblica amministrazione, anche per evitare tutta questa miriade di contratti al limite dello sfruttamento del lavoro del medico. Quello che abbiamo apprezzato da parte del Sottosegretario è stata la conferma della scelta di un servizio sanitario pubblico, prendendo ad esempio la sanità americana che costa tre volte quella italiana con risultati inferiori».

Il fronte sindacale compatto ha, dunque, apprezzato la risposta del governo. «Ma abbiamo bisogno di non allentare le tensione – afferma Giacomo Milillo, segretario nazionale della FIMMG (la Federazione dei Medici di famiglia) – e di riservarci eventuali azioni qualora niente venisse fatto concretamente. Il rinvio è comunque doveroso, sostanzialmente il Governo ha accettato di mettere la sanità al centro della sua agenda e di formulare un progetto nazionale nel rispetto del titolo V attraverso la soluzione di tanti problemi che vanno risolti parallelamente. La vertenza salute continua soprattutto come messaggio ai cittadini. Non è solo la rivendicazione di esigenze della classe medica».

Riallacciati i rapporti con il governo, i sindacati continuano, però, ad essere ai ferri corti con le Regioni. Il nodo principale resta quello delle assunzioni e da alcune sigle, a margine dell’incontro a Palazzo Chigi, è uscita una provocazione: sanzionare i presidenti delle Regioni se non comunicano il fabbisogno di medici al Ministero. «È una provocazione che sottoscrivo – commenta ancora Milillo – e come medico convenzionato credo che proprio la convenzione nazionale sia, in termini giuridici, un negoziato fra pari: quindi se i medici vengono sanzionati se non rispettano il contratto, anche le aziende sanitarie devono essere sanzionate. Siamo in pressing sullo sblocco del turnover e soprattutto sulla stabilizzazione dei precari perché questo serve a creare l’aggancio fra la vecchia generazione e la nuova e a dare continuità alle competenze che ci sono negli ospedali e sul territorio».

Articoli correlati
Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»
In concomitanza con la sentenza di appello che conferma il diritto degli ex specializzandi alla giusta remunerazione, i medici di famiglia lamentano un borsa di formazione dimezzata rispetto ai colleghi specialisti
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
#DestinazioneSanità | Liguria, lavori in corso: si sta costruendo una nuova sanità
La sanità ligure sta attraversando un momento di grande trasformazione. Per raccontarlo, siamo andati a Genova e abbiamo incontrato istituzioni, medici, direzioni ospedaliere e sindacalisti che ci hanno raccontato in che direzione sta andando la sanità della Regione tra privatizzazioni, nuovi ospedali, nuove politiche e nuovi modelli assistenziali. Ma con medici sempre più anziani. Cecchini (CIMO): «Sono cambiamenti importanti che richiedono al sindacato una forte attenzione e un forte impegno»
Sanità, Cgil, Cisl e Uil: «Di fronte a nuovi tagli inevitabile mobilitazione di lavoratori e pensionati»
«Ancora una volta si usa il Ssn come un bancomat, invece che come un formidabile investimento per garantire diritti, sviluppo e buona occupazione
Nuovo patto federativo CIMO-Fesmed e CIMOP, Quici: «Ospedalieri pubblici e privati insieme per la centralità della professione»
Il primo accordo di sinergia del mondo sanitario pubblico e privato in Italia, che porta ad una rappresentanza sindacale convergente di circa 17mila medici ospedalieri. Il segretario CIMOP De Rango: «L’unione rafforza rappresentanza e rappresentatività per i diritti di tutti i medici»
Formazione, Cimo diffida strutture sanitarie: troppi medici costretti a rinunciare a ECM per coprire turni e carenze
«Le aziende - sottolinea il Presidente CIMO Guido Quici - impegnano sempre meno risorse per la formazione, tanto che tra il 2010 e il 2016 la spesa delle aziende sanitarie e ospedaliere è diminuita del 32,55% passando da 147,8 mln a 99,7 mln di euro». Il sindacato chiede che entro 30 giorni siano attivati o ripristinati gli strumenti e i tempi a disposizione dei medici da dedicare ad un effettivo aggiornamento professionale nell’ambito delle ore lavorative istituzionali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...