Lavoro 15 marzo 2016

Formazione, contratto e assunzioni: sciopero rinviato. Ma i medici preparano una Leopolda della sanità…

Positivo il primo incontro con il Governo. Cassi (CIMO): «Spiragli, ma mobilitazione va avanti»

Immagine articolo

Il governo si fa carico delle doglianze dei medici. Lo sciopero è stato sospeso. Ma i camici bianchi e i loro sindacati continuano, sulla spinta di queste prime interlocutorie vittorie di tappa, il loro giro d’Italia per compattare la categoria e offrire dialogo e ascolto in vista dei prossimi decisivi passaggi.


All’orizzonte già un importante appuntamento: una Leopolda dei medici proprio a “casa Renzi”. Nel frattempo si sono aperti i tavoli con Governo e Regioni con una prima riunione  lunedì presso il ministero della Salute: al centro dell’incontro formazione, contratto e assunzioni.

«Abbiamo sospeso per sessanta giorni lo sciopero – conferma Riccardo Cassi, presidente di CIMO, il sindacato di riferimento dei medici ospedalieri –, continuando, comunque, le altre iniziative: le assemblee negli ospedali, le riunioni che dovremmo fare a Milano e a Firenze nei prossimi mesi. Abbiamo trovato una buona disponibilità da parte del Governo ad accogliere le nostre richieste, ma anche attenzione ai nostri problemi. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, in rappresentanza del premier Matteo Renzi, si è fatto carico di una serie di problemi. Il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin ha invece annunciato di aver fatto una nuova richiesta alle Regioni per identificare il fabbisogno di personale per risolvere il problema degli orari di lavoro. È il primo atto legato alla legge di Stabilità e anche col ministro alla Funzione Pubblica Marianna Madia – aggiunge – abbiamo trovato un punto d’accordo:il ministro ha accolto la nostra richiesta anche sulla questione di andare a definire qual è un lavoro flessibile consentito nella pubblica amministrazione, anche per evitare tutta questa miriade di contratti al limite dello sfruttamento del lavoro del medico. Quello che abbiamo apprezzato da parte del Sottosegretario è stata la conferma della scelta di un servizio sanitario pubblico, prendendo ad esempio la sanità americana che costa tre volte quella italiana con risultati inferiori».

Il fronte sindacale compatto ha, dunque, apprezzato la risposta del governo. «Ma abbiamo bisogno di non allentare le tensione – afferma Giacomo Milillo, segretario nazionale della FIMMG (la Federazione dei Medici di famiglia) – e di riservarci eventuali azioni qualora niente venisse fatto concretamente. Il rinvio è comunque doveroso, sostanzialmente il Governo ha accettato di mettere la sanità al centro della sua agenda e di formulare un progetto nazionale nel rispetto del titolo V attraverso la soluzione di tanti problemi che vanno risolti parallelamente. La vertenza salute continua soprattutto come messaggio ai cittadini. Non è solo la rivendicazione di esigenze della classe medica».

Riallacciati i rapporti con il governo, i sindacati continuano, però, ad essere ai ferri corti con le Regioni. Il nodo principale resta quello delle assunzioni e da alcune sigle, a margine dell’incontro a Palazzo Chigi, è uscita una provocazione: sanzionare i presidenti delle Regioni se non comunicano il fabbisogno di medici al Ministero. «È una provocazione che sottoscrivo – commenta ancora Milillo – e come medico convenzionato credo che proprio la convenzione nazionale sia, in termini giuridici, un negoziato fra pari: quindi se i medici vengono sanzionati se non rispettano il contratto, anche le aziende sanitarie devono essere sanzionate. Siamo in pressing sullo sblocco del turnover e soprattutto sulla stabilizzazione dei precari perché questo serve a creare l’aggancio fra la vecchia generazione e la nuova e a dare continuità alle competenze che ci sono negli ospedali e sul territorio».

Articoli correlati
Contratto medici, la protesta continua con stop a straordinari, assemblee e scioperi: «Istituzioni evitino crack SSN»
Le richieste dei sindacati: l'incremento del finanziamento del FSN, un vasto programma di assunzioni ed il finanziamento di almeno 3mila nuovi contratti di formazione specialistica
Rinnovo del contratto e difesa della sanità pubblica, i medici scendono in piazza. Sit in a Montecitorio: «Così il SSN muore»
Il ministro Grillo: «Contratto stipulato da precedente Governo che non ha previsto le dovute coperture». La reazione di Fp Cgil: «Inaccettabile che il Ministro non sappia che il contratto della dirigenza medica non sia stato rinnovato col passato Governo». Prima dello sciopero del 9 novembre, nuova audizione dei sindacati alla Camera
Contratto medici, Ettore (Fesmed): «Non scioperiamo solo per l’aumento ma per mettere in sicurezza la sanità pubblica»
«Ogni giorno dentro gli ospedali è a rischio la vita», l'allarme del leader sindacale. Sulla carenza di professionisti aggiunge: «Oggi mancano almeno 3mila medici tra ginecologi e neonatologi, specializzazioni tra l'altro rischiose più di altre»
MMG, Scotti a Grillo: «No a sanatorie, non svendere futuro giovani medici». La replica del Ministro: «Valorizzeremo merito»
Botta e risposta tra il Segretario della Fimmg e la titolare della Salute sul tema dei medici precari e della formazione dei medici di famiglia: «I provvedimenti annunciati dal ministero – spiega Scotti - altro non farebbero che gettare alle ortiche il grande lavoro fatto per ottenere l’incremento delle borse»
Ponte Morandi, il racconto del medico: «Noi camici bianchi genovesi in prima linea. Ora la città ha voglia di ripartire»
Stefano Alice era in servizio quel fatidico 14 agosto: dal suo studio si vede il viadotto crollato. «Nelle prime ore libere che ho avuto – racconta - mi sono unito alle squadre dei soccorsi per organizzare l’assistenza agli sfollati». Al Congresso Fimmg omaggio alle vittime con un flash mob
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...