Lavoro 15 marzo 2016

Formazione, contratto e assunzioni: sciopero rinviato. Ma i medici preparano una Leopolda della sanità…

Positivo il primo incontro con il Governo. Cassi (CIMO): «Spiragli, ma mobilitazione va avanti»

Immagine articolo

Il governo si fa carico delle doglianze dei medici. Lo sciopero è stato sospeso. Ma i camici bianchi e i loro sindacati continuano, sulla spinta di queste prime interlocutorie vittorie di tappa, il loro giro d’Italia per compattare la categoria e offrire dialogo e ascolto in vista dei prossimi decisivi passaggi.


All’orizzonte già un importante appuntamento: una Leopolda dei medici proprio a “casa Renzi”. Nel frattempo si sono aperti i tavoli con Governo e Regioni con una prima riunione  lunedì presso il ministero della Salute: al centro dell’incontro formazione, contratto e assunzioni.

«Abbiamo sospeso per sessanta giorni lo sciopero – conferma Riccardo Cassi, presidente di CIMO, il sindacato di riferimento dei medici ospedalieri –, continuando, comunque, le altre iniziative: le assemblee negli ospedali, le riunioni che dovremmo fare a Milano e a Firenze nei prossimi mesi. Abbiamo trovato una buona disponibilità da parte del Governo ad accogliere le nostre richieste, ma anche attenzione ai nostri problemi. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, in rappresentanza del premier Matteo Renzi, si è fatto carico di una serie di problemi. Il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin ha invece annunciato di aver fatto una nuova richiesta alle Regioni per identificare il fabbisogno di personale per risolvere il problema degli orari di lavoro. È il primo atto legato alla legge di Stabilità e anche col ministro alla Funzione Pubblica Marianna Madia – aggiunge – abbiamo trovato un punto d’accordo:il ministro ha accolto la nostra richiesta anche sulla questione di andare a definire qual è un lavoro flessibile consentito nella pubblica amministrazione, anche per evitare tutta questa miriade di contratti al limite dello sfruttamento del lavoro del medico. Quello che abbiamo apprezzato da parte del Sottosegretario è stata la conferma della scelta di un servizio sanitario pubblico, prendendo ad esempio la sanità americana che costa tre volte quella italiana con risultati inferiori».

Il fronte sindacale compatto ha, dunque, apprezzato la risposta del governo. «Ma abbiamo bisogno di non allentare le tensione – afferma Giacomo Milillo, segretario nazionale della FIMMG (la Federazione dei Medici di famiglia) – e di riservarci eventuali azioni qualora niente venisse fatto concretamente. Il rinvio è comunque doveroso, sostanzialmente il Governo ha accettato di mettere la sanità al centro della sua agenda e di formulare un progetto nazionale nel rispetto del titolo V attraverso la soluzione di tanti problemi che vanno risolti parallelamente. La vertenza salute continua soprattutto come messaggio ai cittadini. Non è solo la rivendicazione di esigenze della classe medica».

Riallacciati i rapporti con il governo, i sindacati continuano, però, ad essere ai ferri corti con le Regioni. Il nodo principale resta quello delle assunzioni e da alcune sigle, a margine dell’incontro a Palazzo Chigi, è uscita una provocazione: sanzionare i presidenti delle Regioni se non comunicano il fabbisogno di medici al Ministero. «È una provocazione che sottoscrivo – commenta ancora Milillo – e come medico convenzionato credo che proprio la convenzione nazionale sia, in termini giuridici, un negoziato fra pari: quindi se i medici vengono sanzionati se non rispettano il contratto, anche le aziende sanitarie devono essere sanzionate. Siamo in pressing sullo sblocco del turnover e soprattutto sulla stabilizzazione dei precari perché questo serve a creare l’aggancio fra la vecchia generazione e la nuova e a dare continuità alle competenze che ci sono negli ospedali e sul territorio».

Articoli correlati
Liste d’attesa, approvato il nuovo Piano nazionale. Il ministro Grillo esulta, ma per i sindacati è «un gioco di prestigio»
Il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini: «È meritorio che sia stato trovato un accordo tra Regioni e Governo». CIMO: «Il nodo reale da affrontare è il ridotto finanziamento su sanità e personale». Anaao: «È la fiera dell’ipocrisia»
Si uniscono CIMO e FESMED: nasce sindacato da 15mila iscritti. Il presidente della Federazione Quici: «Ora dritti ai problemi con spirito rinnovato»
Le due organizzazioni della dirigenza medica danno vita alla Federazione CIMO-FESMED. Il presidente vicario Giuseppe Ettore: «Evento importante per dare vita ad un progetto ancora più forte ed efficace. Tutto quello che sta accadendo nella sanità rende necessaria minore frammentarietà sindacale». Tra le priorità da affrontare rinnovo del contratto, libera professione, disagio lavorativo e formazione
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»
Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Medici di famiglia, è ancora polemica su norme per precari. Noemi Lopes (Fimmg): «Vigileremo, basta svilire formazione MMG»
La maggioranza ha ritirato l’emendamento Patuanelli che estendeva l'assegnazione degli incarichi convenzionali non solo ai medici di Medicina generale ma anche a quelli di emergenza-urgenza. Per il segretario della sezione formazione della Fimmg una soluzione per uscire dall’impasse potrebbe essere quella di separare il settore dell'emergenza dalla Medicina generale stabilizzando i precari del 118 direttamente nel loro settore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...