Lavoro 20 Giugno 2022 10:30

Sanità, la Lombardia conferma una qualità superiore alla media nazionale

Presentato a Milano il rapporto “Qualità degli Out Comes clinici negli Ospedali. Confronto tra Regione Lombardia e le altre Regioni Pne 2020” realizzato da Fondazione Sanità Futura

Sanità, la Lombardia conferma una qualità superiore alla media nazionale

La Sanità Lombarda pubblica e privata vince il confronto con le altre regioni. Il risultato ottenuto elaborando i dati del Piano Nazionale Esiti di Agenas 2019 è stato reso noto da Fondazione Sanità Futura.

La nuova lettura, dopo la precedente edizione che aveva misurato l’efficacia delle prestazioni sanitarie relative al periodo 2016-2018, ha preso in esame i dati pre-pandemici e dunque può essere un indicatore prezioso per capire come uscirà la sanità dalla tempesta Covid-19.

Su 42 indicatori 33 primi posti

Il rapporto, coordinato dal professor Gabriele Pelissero con la collaborazione tecnica della società di consulenza Innogea e con il supporto scientifico del Consorzio Pavese per studi post-universitari nell’area sanitaria, Confindustria Lombardia Sanità e Servizi, Assolombarda e Aiop Lombardia, misura 42 “Out Comes”, cioè gli indicatori di esito che quantificano il miglioramento o il peggioramento dello stato di salute del paziente in differenti situazioni di intervento.

Rispetto al precedente, questo secondo rapporto relativo all’anno 2019 conferma, in generale, la buona qualità delle cure ospedaliere del SSN a partire dall’eccellente livello qualitativo della rete ospedaliera della Lombardia, che presenta globalmente il 79% degli esiti migliori rispetto alla media nazionale. Pubblico e privato lombardo concorrono a questo risultato con il 50% di esiti migliori per il pubblico e del 81% degli esiti migliori per il privato.

Su 42 indicatori analizzati la Lombardia registra dunque 33 esiti migliori della media nazionale, dato ottenuto analizzando il dato accorpato pubblico e privato. La principale finalità dello studio è di evidenziare i livelli di qualità e soprattutto le opportunità di miglioramento delle prestazioni specialistiche ospedaliere. In questo senso il confronto fra i diversi modelli operativi e gestionali dei Sistemi Sanitari Regionali, e la loro articolazione in erogatori di diritto pubblico ed erogatori di diritto privato, va finalizzato all’individuazione delle migliori soluzioni per assicurare il più alto livello di qualità ai pazienti.

Primi nella cura del tumore del colon, del polmone, dell’ictus ischemico e dell’embolia polmonare

Lo studio di 199 pagine tra le tante eccellenze indica che per esempio per l’intervento chirurgico sul tumore del colon la media della mortalità a 30 giorni nella sanità lombarda è del 3,40 contro quella nazionale di 3,95, stesso discorso per l’intervento chirurgico per il tumore ai polmoni con la media della sanità lombarda allo 0,92 contro quella nazionale al 1,09. Per l’ictus ischemico la media della mortalità a 30 giorni in Lombardia è al 9.02 rispetto il 9,72 della media nazionale, stesso discorso per l’embolia polmonare con la media nazionale all’8,88 e quella lombarda al 7,85.

«In questa edizione – precisa Gabriele Pelissero, Presidente di Fondazione Sanità Futura – abbiamo aggiunto inoltre due nuovi studi sulla dispersione degli esiti nelle Regioni, purtroppo non di rado piuttosto elevata, e sulla correlazione fra volumi e qualità degli esiti, che mostra una realtà più articolata e complessa rispetto alla diffusa convinzione dell’esistenza di un rigido e automatico rapporto positivo. Quanto analizzato dovrebbe indurre la politica sanitaria ad avviare efficaci piani di azione, con audit clinici e organizzativi in tutti gli ospedali il cui valore dell’esito clinico sia significativamente disperso rispetto ai valori medi, sia in difetto che in eccesso».

Per Dario Beretta, Presidente Aiop Lombardia: «È fondamentale monitorare la qualità e la performance degli ospedali lombardi nel corso del tempo rispetto ad una serie di indicatori validati e capaci di fornire informazioni esaustive sull’attività delle strutture. La ricerca ha l’obiettivo di avere dei dati per programmare un miglioramento continuo della qualità in sanità sul territorio regionale».

«L’analisi sugli esiti di salute è la dimostrazione non solo di un’eccellenza nella qualità delle cure ma soprattutto di uno sforzo comune di tutti gli attori della Filiera lombarda delle Scienze della Vita che contribuiscono, ognuno secondo le proprie aree di attività – dalla ricerca farmaceutica, all’innovazione nel campo dei dispositivi medici sino al letto del paziente -, a rendere il Sistema Sanitario Lombardo un’eccellenza in Italia e all’estero», ha concluso Sergio Dompé, Vicepresidente Assolombarda con delega alle Life Sciences.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
Sanità, Parente (Iv): «Bene standard per assistenza territoriale ma servono assunzioni e formazione personale»
«Senza medici, infermieri e personale socio-sanitario e senza la formazione le nuove case di comunità sono destinate a restare delle scatole vuote» mette in guardia la presidente della commissione Igiene e Sanità del Senato
Più sanità pubblica e valorizzazione dei professionisti. Speranza: «Necessario grande “patto Paese”»
Idee e obiettivi per il Ssn emersi durante l’agorà “la Sanità pubblica è sostenibile. Assicurare le risorse, proteggere e valorizzare i professionisti”, organizzata dal Partito Democratico. Bonaccini: «Con Pnrr grande opportunità ma attenzione a non perdere le risorse. Rivedere numero chiuso in Medicina»
Sileri: «Il territorio al centro della nuova sanità, ma bisogna investire sul personale»
Per il Sottosegretario Sileri la sanità ha bisogno di investire sul personale, aumentando le retribuzioni e puntando sulla formazione
È legge la “Sanità Trasparente”, cosa cambia per imprese produttrici e professionisti della sanità
La legge disciplina la pubblicizzazione delle erogazioni delle imprese verso chi opera nella sanità in un apposito registro consultabile sul sito del Ministero della Salute
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali