Lavoro 6 Novembre 2020

Rsa e Covid: protocolli di sicurezza e intervento più efficaci, ma medici e infermieri sono ancora troppo pochi

Claudio Costantini, presidente Sigot Piemonte-Valle d’Aosta: «Il numero di positivi all’interno delle Rsa sta subendo una nuova impennata, ma grazie anche ai tamponi antigenici abbiamo un miglior controllo degli asintomatici»

di Isabella Faggiano

A San Giorgio a Cremano, nella provincia di Napoli, 30 contagiati. Cinquantasei a Fiuggi, ventitré a Montedomini, Firenze. Sono solo alcuni dei più recenti focolai di Covid-19 esplosi all’interno delle Residenze sanitarie assistenziali italiane.

«Il numero di positivi all’interno delle Rsa sta subendo una nuova impennata – avverte  Claudio Costantini, geriatra, consigliere nazionale Sigot (Società Italiana di Geriatria Ospedale e Territorio) e presidente Piemonte-Valle d’Aosta della stessa società scientifica -. Ma, a differenza della fase 1 della pandemia, ora siamo in grado di individuare più facilmente anche i positivi asintomatici, grazie all’utilizzo dei tamponi antigenici. Questi test, pur avendo il limite di non rilevare una carica virale molto bassa, hanno il vantaggio di essere veloci e flessibili. I protocolli sull’uso dei tamponi variano a seconda dei territori ma, in media, sono effettuati ogni due settimane su ospiti e personale, tempo che per i dipendenti, in alcune realtà, si riduce a sette giorni».

Il virus arriva quasi sempre dall’esterno, nonostante la maggior parte delle strutture abbia già vietato le visite di amici e parenti. «I protocolli di sicurezza ed intervento, grazie all’esperienza vissuta la scorsa primavera, sono oggi più efficaci ed efficienti» dice Costantini, responsabile sanitario in due diverse Rsa per anziani di oltre 100 posti letto ciascuna. Ma, ovviamente, anche in questo caso ci sono le eccezioni che confermano la regola: «La situazione non è affatto omogenea e, inoltre,  non abbiamo ancora a disposizione un’indagine in grado di mappare la condizione reale delle Rsa di tutta Italia: l’Istituto superiore di Sanità ha avviato uno studio per fare il punto della situazione, ma su 3.400 Rsa contattate solo la  metà ha inviato il proprio resoconto».

Le Residenze sanitarie assistenziali – molte ma non tutte – hanno redatto anche dei protocolli di sicurezza e di intervento in caso di contagi da Covid-19. «Non dimentichiamoci, però, – dice il geriatria – che la capacità di accoglienza delle singole strutture può variare in modo significativo: il potenziale organizzativo di una residenza che ospita più di 200 persone non può essere equiparato a quello di una Rsa con 20 posti letto».

All’efficacia dei protocolli interni va associata, poi, la risposta territoriale: «Ci sono alcuni casi di contagio che possono essere trattati in struttura – commenta lo specialista -. Ma i pazienti più critici, quelli che presentano gravi difficoltà respiratorie, devono essere trasferiti nei reparti Covid. Di conseguenza, la possibilità di offrirgli cure adeguate dipenderà dall’organizzazione territoriale e dai posti letto che la Regione avrà a disposizione».

È grazie all’esperienza dei mesi scorsi, dunque, che il sistema oggi può funzionare meglio anche all’interno delle strutture che accolgono solo persone fragili. Eppure, i focolai continuano a svilupparsi all’interno delle Rsa ed a mietere vittime. Qual è il tassello mancante affinché tutti gli ingranaggi della macchina possano funzionare al meglio? «Prima di tutto una corretta  informazione da parte delle unità di crisi e delle strutture che sono deputate alla gestione dell’epidemia», risponde Costantini.

Il secondo nodo da sciogliere è, invece, presente da prima che la pandemia facesse la sua comparsa: «La presenza di medici e infermieri all’interno delle Rsa è troppo scarsa. E, nonostante questo abbia creato grosse difficoltà anche durante la fase 1 – sottolinea il geriatra – non si è fatto nulla per incrementarne il numero in vista di questa nuova ondata. Le Rsa sono oggi strutture che accolgono malati cronici, multipatologie, demenze, individui che necessitano di nutrizione artificiale, persone in stato vegetativo. Per la complessità delle malattie trattate le Rsa possono essere paragonate a tutti gli effetti a reparti ospedalieri di geriatria o di lungodegenza e, come tali, – conclude Costantini – necessitano di una ristrutturazione dell’organico che contempli la presenza di un numero di medici e infermieri adeguato ai posti letto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
«Per il coronavirus serve una risposta planetaria. E la Global Health può aiutarci»
Intervista a Emanuele Montomoli (Università di Siena): «Oggi la pandemia viene gestita addirittura a livello di ASL, serve sovranazionalità»
di Tommaso Caldarelli
Covid, la Gran Bretagna ha approvato l’uso del vaccino Pfizer: distribuzione tra 7 giorni
L'Mhra, autorità del farmaco inglese, ha dato l'ok. La Gran Bretagna ha approvato il vaccino Pfizer per la distribuzione. I primi, tra una settimana, saranno personale sanitario e anziani
Speranza: «Durante le feste stop a spostamenti tra regioni e tra comuni. Vaccino non sarà obbligatorio»
Il Ministro della Salute, al Senato, avverte: «Se abbassiamo la guardia la terza ondata è dietro l’angolo, non dobbiamo perdere la memoria». Poi spiega: «Il modello della classificazione delle regioni sta funzionando, puntiamo a portare incidenza a 50 casi ogni 100mila abitanti». Sui vaccini: «L'Italia ha opzionato al momento 202.573.000 dosi, probabile che serviranno due dosi a testa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli