Lavoro 19 Luglio 2022 10:52

Rossi (OMCeOMI): «Necessari ristori per medici vittime del virus»

A distanza di oltre due anni dall’inizio della pandemia Carlo Roberto Rossi presidente dell’Ordine dei Medici di Milano chiede che venga riconosciuto un risarcimento ai famigliari dei medici deceduti a causa del Covid e a coloro che hanno una invalidità permanente per effetto del long Covid

Sono 369 i medici deceduti in seguito al Covid dall’inizio della pandemia, professionisti che hanno perso la battaglia sul campo, le cui famiglie meritano di essere risarcite al pari delle vittime da incidenti sul lavoro. A chiedere a gran voce al governo di riprendere in mano la questione e stanziare una somma per i ristori di chi è deceduto o ha avuto una invalidità permanente è Carlo Roberto Rossi, Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano.

Un risarcimento per i famigliari di chi è caduto in battaglia

«Noi teniamo molto al ristoro dei medici che hanno contratto una forma di Long Covid o che sono deceduti – spiega Rossi-. Sono circa 370 le vittime del Covid tra i camici bianchi, molti di più coloro che hanno una invalidità permanente per effetto del virus. Questo sarebbe un atto dovuto per quanti, non essendo dipendenti, ma liberi professionisti convenzionati, non sono neppure tutelati dall’Inail. Allo stesso modo sarebbe necessario per quanti pur essendo dipendenti, non riescono a farsi riconoscere l’infortunio sul lavoro».

Una proposta di legge anche per chi ha subito una invalidità permanente

Vuoti di memoria, difficoltà a deambulare, problematiche muscolari, sono solo alcune delle tante conseguenze di un virus che si è insidiato nella vita dei medici che hanno contratto la malattia sul lavoro e che ancora oggi, a distanza di oltre due anni, crea un’enorme difficoltà per effetto del Long Covid.

«Come Ordine di Milano, già nell’estate 2020, avevamo fatto una proposta di legge per dare un ristoro ai famigliari dei medici deceduti per Covid. A questi vanno poi aggiunti tutti coloro, e non sono pochi, che hanno riportato una invalidità permanente per effetto del virus. Questa proposta di legge è stata accolta da alcuni parlamentari, è stata presentata in Parlamento, ma ha avuto alterne fortune».

Dopo un primo momento in cui sembrava essere destinata all’approvazione, la proposta di legge ha seguito un iter alterno nelle commissioni parlamentari per poi essere dimenticata, ma non per il Presidente Rossi che lancia un appello: «Chiedo al Parlamento un atto concreto affinché ai colleghi che hanno contratto il Covid sul lavoro e oggi si trovano ad avere una invalidità permanente venga riconosciuto un ristoro, lo stesso per i famigliari dei colleghi deceduti».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’antivirale Paxlovid riduce il rischio di Long Covid
L'antivirale Paxlovid sviluppato contro Covid-19, non solo riduce le probabilità di ospedalizzazione e morte, ma diminuisce anche il rischio di sviluppare il Long Covid. Almeno questo è quanto emerso da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Dipartimento Veterans Affairs degli Stati Uniti
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto per sostenerle
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
Long Covid, dopo 12 mesi crescono solo i sintomi psichiatrici
Uno studio tutto italiano condotto per 12 mesi denuncia un aumento dei sintomi psichiatrici. La Sinpf denuncia «una situazione difficilissima per la psichiatria italiana alle prese con un drammatico calo di risorse, strutture, personale e completamente dimenticata dal PNRR»
Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?
I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola
Cosa succede se ho il Long Covid e mi reinfetto?
Le reinfezioni mentre si è alle prese con il Long Covid saranno sempre più comuni. E questo può portare a un peggioramento dei sintomi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...