Lavoro 19 Luglio 2022 10:52

Rossi (OMCeOMI): «Necessari ristori per medici vittime del virus»

A distanza di oltre due anni dall’inizio della pandemia Carlo Roberto Rossi presidente dell’Ordine dei Medici di Milano chiede che venga riconosciuto un risarcimento ai famigliari dei medici deceduti a causa del Covid e a coloro che hanno una invalidità permanente per effetto del long Covid

Sono 369 i medici deceduti in seguito al Covid dall’inizio della pandemia, professionisti che hanno perso la battaglia sul campo, le cui famiglie meritano di essere risarcite al pari delle vittime da incidenti sul lavoro. A chiedere a gran voce al governo di riprendere in mano la questione e stanziare una somma per i ristori di chi è deceduto o ha avuto una invalidità permanente è Carlo Roberto Rossi, Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano.

Un risarcimento per i famigliari di chi è caduto in battaglia

«Noi teniamo molto al ristoro dei medici che hanno contratto una forma di Long Covid o che sono deceduti – spiega Rossi-. Sono circa 370 le vittime del Covid tra i camici bianchi, molti di più coloro che hanno una invalidità permanente per effetto del virus. Questo sarebbe un atto dovuto per quanti, non essendo dipendenti, ma liberi professionisti convenzionati, non sono neppure tutelati dall’Inail. Allo stesso modo sarebbe necessario per quanti pur essendo dipendenti, non riescono a farsi riconoscere l’infortunio sul lavoro».

Una proposta di legge anche per chi ha subito una invalidità permanente

Vuoti di memoria, difficoltà a deambulare, problematiche muscolari, sono solo alcune delle tante conseguenze di un virus che si è insidiato nella vita dei medici che hanno contratto la malattia sul lavoro e che ancora oggi, a distanza di oltre due anni, crea un’enorme difficoltà per effetto del Long Covid.

«Come Ordine di Milano, già nell’estate 2020, avevamo fatto una proposta di legge per dare un ristoro ai famigliari dei medici deceduti per Covid. A questi vanno poi aggiunti tutti coloro, e non sono pochi, che hanno riportato una invalidità permanente per effetto del virus. Questa proposta di legge è stata accolta da alcuni parlamentari, è stata presentata in Parlamento, ma ha avuto alterne fortune».

Dopo un primo momento in cui sembrava essere destinata all’approvazione, la proposta di legge ha seguito un iter alterno nelle commissioni parlamentari per poi essere dimenticata, ma non per il Presidente Rossi che lancia un appello: «Chiedo al Parlamento un atto concreto affinché ai colleghi che hanno contratto il Covid sul lavoro e oggi si trovano ad avere una invalidità permanente venga riconosciuto un ristoro, lo stesso per i famigliari dei colleghi deceduti».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Stanchezza e mal di testa: studio rivela i sintomi principali del Long Covid
Uno studio del Medical College of Georgia ha rilevato quali sono i sintomi più segnalati dai pazienti a più di quattro mesi dal Covid-19. I principali sono stanchezza e mal di testa, seguono dolori muscolari, tosse, alterazioni dell'olfatto e del gusto, febbre, brividi e congestione nasale
Long Covid, boom di pazienti alla ricerca di terapie costose e dubbie
Un'inchiesta condotta dal The British Medical Journal e da ITV News ha fatto luce su un fenomeno molto preoccupante: la migrazione di migliaia di pazienti con Long Covid verso paesi che offrono trattamenti costosi e molto probabilmente inutili
Usa: primo caso di «Covid cronico», uomo positivo da oltre 1 anno
Negli Stati Uniti è stato documentato quello che possiamo definire il primo caso di «Covid cronico». Un uomo del Connecticut, già malato di cancro, è positivo da più di 470 giorni. Oltre un anno. A descrivere il caso è stato un gruppo di ricercatori della Yale University in uno studio riportato su MedRxiv, in attesa di revisione. Dopo ulteriori indagini, gli scienziati hanno anche scoperto che nel sangue del paziente circolavano tre diversi varianti del virus, di cui una ritenuta estinta
Protocollo italiano contro il Long Covid sbarca all’estero
Il protocollo italiano, messo a punto dalla neuroscienziata Arianna Di Stadio, per recupare il gusto e l'olfatto persi a causa del Long Covid viene esportato all'estero. Precisamente negli Stati Uniti, in Spagna e in Germania
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale