Lavoro 7 Febbraio 2020 15:50

Rischio clinico, contenzioso e fine vita. Dal 12 al 14 febbraio se ne parla alla Sapienza di Roma

Ritorna il convegno annuale sui principali temi di interesse per il settore medico. Previsti ospiti eccellenti e tavoli di confronto. Il professor Fineschi: «Centrale nel nostro dibattito l’applicazione della Legge Gelli». La professoressa Frati: «Approfondiremo anche la sentenza della Corte Costituzionale che rende possibile anche in Italia il suicidio assistito»

Dal 12 al 14 febbraio torna all’università Sapienza di Roma l’ormai annuale appuntamento con il confronto sul rischio medico e il contenzioso medico legale. In questa occasione verrà dedicato ampio spazio al confronto sulle recenti novità giurisprudenziali che hanno interessato il settore della responsabilità professionale con 10 sentenze della Corte di Cassazione in ambito civilistico e una più datata, ma della Cassazione a sezioni unite, in ambito penalistico.

Le tematiche affrontate spazieranno, quindi, dalla violazione del consenso informato al verificarsi della complicanza o delle infezioni, al nesso di causa, alla perdita di chances e alle molteplici problematiche in materia di valutazione del danno. La gestione del contenzioso verrà comunque affrontata in un’ottica sinergica con la gestione del rischio clinico, chiamando a confronto i massimi esperti del settore. È possibile iscriversi alle sessioni mandando una mail a info@sanitainformazionespa.it.

«Ormai è da tempo – spiega la professoressa Paola Frati, ordinario di Medicina Legale alla Sapienza – che dura questo sodalizio con Consulcesi e Sanità in-Formazione e, insieme al professor Fineschi, ci teniamo a portare annualmente qui alla Sapienza un evento che vada a coniugare le varie sfaccettature della responsabilità sanitaria, sempre in un’ottica di gestione integrata con il rischio clinico. Anche quest’anno, dunque, l’appuntamento è in Sapienza con questo convegno che, per la prima volta, vedrà una partecipazione mista, quindi un gran numero di professionisti sanitari, strutture private e pubbliche e studenti. Ci saranno anche tavole rotonde con un confronto attivo fra direttori generali ed esponenti del rischio clinico e del contenzioso».

«Abbiamo pensato – spiega il professor Vittorio Fineschi, ordinario di Medicina Legale alla Sapienza – di dare spazio ai temi del rischio clinico e del contenzioso già in seduta inaugurale. Nella prima giornata avremo ospiti illustrissimi come il Presidente della Cassazione, il Presidente della Sezione specializzata sulla responsabilità sanitaria del Tribunale di Roma, e tanti altri. Abbiamo voluto dare un imprinting immediato sull’attualizzazione della Legge Gelli partendo dai primi 4 articoli, che attenzionano il problema della gestione del rischio clinico dentro le Aziende sanitarie, andando poi verso la gestione del contenzioso».

«Parleremo di questi temi – continua Fineschi – anche nelle giornate successive, quando molti colleghi d’Italia, che gestiscono a loro volta il contenzioso per le loro Aziende, esporranno le loro esperienze. Un modo per confrontarci, per crescere metodologicamente insieme e per sviluppare una sorta di linea guida che consenta a tutti gli ospedali italiani di seguire il medesimo approccio. Chiaramente la Legge Gelli ci agevola molto in questo, perché è una buona legge che ha messo i paletti su come bisogna lavorare. Molto importante è ad esempio la gestione del contenzioso quando non si riesce a trovare una soluzione stragiudiziale. Si arriva nelle aule dei tribunali sapendo che, grazie all’articolo 15 della legge, chi giudicherà il contenzioso avrà tutte le capacità per poterlo fare attraverso i collegi in cui ci sono almeno il medico legale e lo specialista di riferimento. La qualità è fondamentale per giudicare l’operato dei medici».

Altra tematica centrale nella tre giorni alla Sapienza sarà quella del fine vita. La recente sentenza della Corte Costituzionale in materia di suicidio assistito occuperà infatti un’intera sessione, con ampio spazio al dibattito fra docenti e discenti, in cui verranno ripercorse le motivazioni che hanno portato i giudici a tale pronuncia estremamente innovativa per il nostro Paese.

«Anche in questo delicato settore ci sono state novità importantissime – spiega la professoressa Frati –. Già nel 2017 è intervenuta la legge 219 che ha ridisegnato tutto il percorso della relazione di cura fra il professionista e il paziente. La legge, di fatto, ha disciplinato il consenso informato, il rifiuto di cure, la pianificazione condivisa delle stesse, ha definito l’idratazione e la nutrizione artificiale come atti medici, e quindi rifiutabili. Conosciamo tutti il caso di Dj Fabo. È un episodio che ha scosso l’Italia e sono contenta che la sua compagna, Valeria Imbrogno, abbia accettato l’invito a partecipare al nostro convegno il 13 febbraio. In questa sessione entreremo nel dettaglio e capiremo cosa effettivamente ha fatto la Corte Costituzionale in merito: con una sentenza storica ha stabilito che, in determinati casi, in Italia sarà possibile effettuare il suicidio assistito. Una decisione storica sulla quale dobbiamo fare formazione, confrontarci e vedere quanto siamo effettivamente pronti a recepire una pronuncia così importante».

Ulteriori sessioni interesseranno, infine, metodologie innovative in materia di tanatocronologia forense, in particolare sullo studio dell’umor vitreo e le applicazioni in ambito di stima dell’epoca della morte. Le tematiche illustrate si articoleranno in un confronto attivo fra docenti e discenti nelle giornate del 12, 13 e 14 febbraio 2020. È possibile iscriversi alle sessioni mandando una mail a info@sanitainformazionespa.it.

Articoli correlati
Sanità e regioni, Rasi: «Pandemia ha mostrato debolezza di un sistema frammentato. Puntare su formazione»
L’ex direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco: «Auspico incentivi a formazione ECM del personale sanitario». E sulla gestione dell’emergenza da parte delle Regioni: «Sulla salute serve maggiore centralizzazione»
Che fine hanno fatto i decreti attuativi della legge Gelli? Sono ostaggio delle Regioni
La Conferenza Stato-Regioni ritarda l’approvazione del decreto che regola le polizze assicurative dei professionisti sanitari. Tra gli elementi ostacolati, la proposta di legare la formazione continua alla prevenzione del rischio clinico
Vaccinatori, è necessario uno scudo penale? Gelli: «No, Legge 24 parla chiaro»
Dopo i casi di iscrizione nel registro indagati dei medici somministratori dei vaccini nelle persone poi decedute, su cui le indagini sono ancora in corso, FNOMCeO è in prima linea per la richiesta di uno scudo penale a protezione dei professionisti. Ma Federico Gelli (FIS) chiarisce: «Tutelati dalla Legge24, non c'è responsabilità»
Ritardi o omissione delle cure a causa della pandemia, chi ne risponderà legalmente?
L’analisi del professore Antonio Oliva, associato di Medicina Legale all’università Cattolica: «Le aziende ospedaliere potrebbero essere chiamate in causa per il risarcimento del danno per colpa organizzativa»
di Isabella Faggiano
Rischio clinico, oltre 300mila download per il manuale promosso da Fondazione Italia in Salute
Pubblicato da Springer, fornisce le basi metodologiche della gestione del rischio. Il presidente Gelli: «Tema sempre più attuale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...