Lavoro 7 novembre 2017

Rinnovo contratto, Quici (CIMO): «Ci stiamo avvicinando allo stadio terminale del SSN»

«A queste condizioni noi non abbiamo intenzione di avvicinarci al tavolo contrattuale. Collaboreremo solo se il Governo cambia strategia e decide di investire nella sanità». L’intervista al Presidente CIMO Guido Quici

Immagine articolo

«Il governo deve dirci una volta per tutte se crede nella sanità oppure no». È laconico il commento di Guido Quici, Presidente della Cimo. A pochi giorni dall’emanazione dell’Atto di indirizzo per la dirigenza e mentre la discussione sulla legge di bilancio si incendia sempre più, la Cimo, per voce del suo Presidente, focalizza l’attenzione su due elementi ritenuti essenziali per poter continuare con la trattativa per il rinnovo del contratto della categoria. È questo infatti l’altro grande tema su cui i sindacati dovranno continuare a lavorare nei prossimi giorni: «Se il governo crede nella sanità allora deve investirvi, altrimenti non si capisce perché le strutture pubbliche sono ritenute un costo e le strutture private un fattore produttivo. Il secondo aspetto – precisa Quici – è che le professioni vanno valorizzate: se si continua a mortificare la professione medica, così come tutte le altre professioni, arriveremo all’esodo o verso la pensione o verso le strutture private. E questo probabilmente è lo stadio terminale verso il quale ci stiamo avvicinando».

«Nessuno ha il coraggio di dire, con chiarezza, che la sanità italiana è in fase di dismissione e che quella pubblica è in saldo» si legge in una nota della Cimo, sottolineando il concetto già espresso dal Presidente ai nostri microfoni. Quello dei fondi per la sanità è stato argomento oggetto di un serrato botta e risposta tra Massimo Garavaglia (Presidente del Comitato di settore Regioni – Sanità) e il Ministro della salute Beatrice Lorenzin, che si sono rimpallati la responsabilità della mancanza di soldi per il SSN. E per il rinnovo del contratto.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO A RISCHIO, SERVONO 1,3 MILIARDI. GARAVAGLIA: «SENZA RISORSE SI RINVIA ALL’ANNO PROSSIMO»

«Assistiamo, davvero con grande sconcerto, al rimpallo di responsabilità tra Governo e regioni su chi dovrà sotto finanziare il rinnovo del contratto di lavoro dei medici e sanitari del SSN», prosegue la nota, che evidenzia anche «la drastica cura dimagrante a danno delle strutture ospedaliere», «l’enunciazione di un piano delle cronicità non operativo perché non finanziato», «l’aumento esponenziale dell’out of pocket a danno dei cittadini» e la« progressiva riduzione dell’offerta sanitaria nei presidi ospedalieri e negli ambulatori». L’ultimo tratto di quello che Quici definisce «un disegno perverso» è «demotivare il personale sanitario per aprire definitivamente la strada alla sanità privata e a chi ha interessi correlati».

«Come CIMO non abbiamo alcuna intenzione di avvicinarci a un tavolo contrattuale a queste condizioni – chiarisce Quici -. E per raggiungere questo obiettivo cercheremo di convincere anche le altre organizzazioni sindacali. Alcune di queste forse la pensano diversamente, e ritengono che l’importante sia mettere una firma e chiudere una questione che poi creerà dei danni a tutti i colleghi. Poi, per carità, se il governo cambia strategia e decide di investire nella sanità saremo i primi a collaborare», prosegue il Presidente.

Intanto, sono poche e dirette le domande che il sindacato dei medici rivolge alle regioni e al governo: «Che fine hanno fatto i risparmi dei fondi aziendali? E il tesoretto delle Regioni sulla mancata sostituzione del personale? Come sono stati utilizzati?».

Articoli correlati
Si uniscono CIMO e FESMED: nasce sindacato da 15mila iscritti. Il presidente della Federazione Quici: «Ora dritti ai problemi con spirito rinnovato»
Le due organizzazioni della dirigenza medica danno vita alla Federazione CIMO-FESMED. Il presidente vicario Giuseppe Ettore: «Evento importante per dare vita ad un progetto ancora più forte ed efficace. Tutto quello che sta accadendo nella sanità rende necessaria minore frammentarietà sindacale». Tra le priorità da affrontare rinnovo del contratto, libera professione, disagio lavorativo e formazione
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»
Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Ministro Grillo: a che punto è la notte?
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari, medici farmacisti e Dirigenti sanitari
Carenza medici in Veneto, Leoni (Cimo): «Allarmi ignorati da anni. Ora, fatalità, non ci sono candidati ai concorsi»
«Chi è l’assassino del ricambio generazionale?» si chiede Giovanni Leoni, segretario regionale di Cimo Regione Veneto. Prendendo atto «con profondo sollievo» delle comunicazioni di questi giorni da parte delle Istituzioni come Ministero, Regione e AULSS del Veneto sulla carenza dei medici dipendenti e del personale, evidenzia però come le stesse istituzioni siano «da sempre preposte […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...