Lavoro 7 novembre 2017

Rinnovo contratto, Quici (CIMO): «Ci stiamo avvicinando allo stadio terminale del SSN»

«A queste condizioni noi non abbiamo intenzione di avvicinarci al tavolo contrattuale. Collaboreremo solo se il Governo cambia strategia e decide di investire nella sanità». L’intervista al Presidente CIMO Guido Quici

Immagine articolo

«Il governo deve dirci una volta per tutte se crede nella sanità oppure no». È laconico il commento di Guido Quici, Presidente della Cimo. A pochi giorni dall’emanazione dell’Atto di indirizzo per la dirigenza e mentre la discussione sulla legge di bilancio si incendia sempre più, la Cimo, per voce del suo Presidente, focalizza l’attenzione su due elementi ritenuti essenziali per poter continuare con la trattativa per il rinnovo del contratto della categoria. È questo infatti l’altro grande tema su cui i sindacati dovranno continuare a lavorare nei prossimi giorni: «Se il governo crede nella sanità allora deve investirvi, altrimenti non si capisce perché le strutture pubbliche sono ritenute un costo e le strutture private un fattore produttivo. Il secondo aspetto – precisa Quici – è che le professioni vanno valorizzate: se si continua a mortificare la professione medica, così come tutte le altre professioni, arriveremo all’esodo o verso la pensione o verso le strutture private. E questo probabilmente è lo stadio terminale verso il quale ci stiamo avvicinando».

«Nessuno ha il coraggio di dire, con chiarezza, che la sanità italiana è in fase di dismissione e che quella pubblica è in saldo» si legge in una nota della Cimo, sottolineando il concetto già espresso dal Presidente ai nostri microfoni. Quello dei fondi per la sanità è stato argomento oggetto di un serrato botta e risposta tra Massimo Garavaglia (Presidente del Comitato di settore Regioni – Sanità) e il Ministro della salute Beatrice Lorenzin, che si sono rimpallati la responsabilità della mancanza di soldi per il SSN. E per il rinnovo del contratto.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO A RISCHIO, SERVONO 1,3 MILIARDI. GARAVAGLIA: «SENZA RISORSE SI RINVIA ALL’ANNO PROSSIMO»

«Assistiamo, davvero con grande sconcerto, al rimpallo di responsabilità tra Governo e regioni su chi dovrà sotto finanziare il rinnovo del contratto di lavoro dei medici e sanitari del SSN», prosegue la nota, che evidenzia anche «la drastica cura dimagrante a danno delle strutture ospedaliere», «l’enunciazione di un piano delle cronicità non operativo perché non finanziato», «l’aumento esponenziale dell’out of pocket a danno dei cittadini» e la« progressiva riduzione dell’offerta sanitaria nei presidi ospedalieri e negli ambulatori». L’ultimo tratto di quello che Quici definisce «un disegno perverso» è «demotivare il personale sanitario per aprire definitivamente la strada alla sanità privata e a chi ha interessi correlati».

«Come CIMO non abbiamo alcuna intenzione di avvicinarci a un tavolo contrattuale a queste condizioni – chiarisce Quici -. E per raggiungere questo obiettivo cercheremo di convincere anche le altre organizzazioni sindacali. Alcune di queste forse la pensano diversamente, e ritengono che l’importante sia mettere una firma e chiudere una questione che poi creerà dei danni a tutti i colleghi. Poi, per carità, se il governo cambia strategia e decide di investire nella sanità saremo i primi a collaborare», prosegue il Presidente.

Intanto, sono poche e dirette le domande che il sindacato dei medici rivolge alle regioni e al governo: «Che fine hanno fatto i risparmi dei fondi aziendali? E il tesoretto delle Regioni sulla mancata sostituzione del personale? Come sono stati utilizzati?».

Articoli correlati
Contratto medici, Sileri (Commissione Sanità): «Turni massacranti e stipendi offensivi, stiamo lavorando a rinnovo»
Il Presidente della Commissione Sanità del Senato parla a margine del convegno sulle malattie croniche intestinali e dei problemi della cronicità: «È necessario far conoscere i problemi di questi pazienti e trovare soluzioni. A breve ISS redigerà Registro nazionale»
Contratto medici, il 17 ottobre sit-in a Montecitorio. Di Tullio (Fassid): «Basta improvvisazioni in sanità»
La coordinatrice nazionale della federazione spiega i motivi dello stato di agitazione proclamato dall’intersindacale, che vanno al di là del contratto della dirigenza: «Avvertiamo una precisa volontà contraria alla sanità pubblica»
Contratto medici: quei numeri delle Regioni che non tornano
CIMO esprime piena soddisfazione per la rottura delle trattative sul contratto della dirigenza medica in ARAN e l’apertura dello stato di agitazione comunicato insieme alle altre organizzazioni sindacali. Sottolinea, inoltre, che una delle principali ragioni che impedisce il rinnovo del contratto è strettamente legata agli accantonamenti che le regioni avrebbero dovuto sostenere, e che pare […]
di Guido Quici - Presidente Nazionale CIMO
Contratto, Grasselli (FVM): «Stiamo andando verso il precipizio: sanità a rischio per 60 milioni di italiani. Il Governo dia risposte»
Anche la Federazione Veterinari e Medici aderisce allo stato di agitazione annunciato dall’Intersindacale: «O c’è un disegno dietro a tutto questo, o l’ottusità delle forze politiche»
Contratto medici, l’Intersindacale annuncia lo stop alle trattative e lo stato d’agitazione: a ottobre scioperi e manifestazioni
Oltre al mancato finanziamento del contratto della categoria, sono le notizie (non buone) che arrivano dal Governo per il Def ed il momento critico per il SSN, «che rischia di inabissarsi» ad aver portato i sindacati sulla strada della protesta. L'annuncio del Ministro Grillo: «Per il 2019 il Fondo Sanitario Nazionale sarà incrementato di un miliardo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila