Lavoro 28 febbraio 2014

Rimborsi ex specializzandi,  “il Parlamento affronta il tema”

Intervista esclusiva al senatore Piero Aiello: “Estendere il diritto anche a farmacisti, psicologi e veterinari”

Immagine articolo

In Italia, i medici ancora in attesa che lo Stato corrisponda loro la borsa di studio relativa agli anni di specializzazione, ad oggi sono più di 120mila. Si tratta dei camici bianchi che hanno frequentato una scuola post-laurea tra l‘82 e il ‘91 e tra il ‘94 e il 2006. Questi professionisti non hanno ricevuto quanto previsto da alcune direttive comunitarie, recepite con ritardo dallo Stato italiano, il quale ora rischia di dover sborsare circa 4 miliardi di euro complessivi. Sanità Informazione segue da tempo l’argomento e, dopo aver documentato la presentazione, avvenuta lo scorso luglio, del disegno di legge relativo agli specializzandi ’82-’91, oggi intervista il senatore Piero Aiello, membro della commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama che, insieme ad altri colleghi di commissione, segue da vicino l’iter di un nuovo Ddl che dovrebbe rappresentare, anche per gli specializzati 1994-2006, che abbiano precedentemente fatto ricorso, un buon compromesso tra la tutela dei diritti dei medici danneggiati e quella delle casse pubbliche. Un impegno parlamentare confermato anche in una fase di assestamento per il governo del Paese.

Senatore Aiello, qualche mese fa il Parlamento ha cominciato ad occuparsi, con un importante disegno di legge, del caso dei rimborsi non corrisposti dallo Stato ai medici per gli anni di specializzazione.
Quello dei rimborsi è un diritto sacrosanto per tutti i colleghi: sia per quelli che hanno seguito corsi di specializzazione tra l’82 e il ‘91, di cui ci stiamo occupando da tempo, sia per quelli che lo hanno fatto tra il 1994 e il 2006. In questo momento in Parlamento stiamo lavorando affinché questo diritto sia garantito anche a coloro che si sono specializzati dopo il 1991. Dico di più: sono convinto che questo diritto debba essere esteso anche alle altre specializzazioni del mondo sanitario, come farmacisti, psicologi, veterinari, e insomma a tutti i professionisti che si sono specializzati e non hanno ricevuto alcuna indennità.

Abbiamo ritenuto giusto formulare una proposta che tuteli sia i professionisti che le casse dello Stato

Lo Stato deve prendere atto di ciò che accade.
È una situazione paradossale: innanzi tutto, lo Stato rischia di dover sborsare cifre astronomiche per pagare interessi su interessi; in secondo luogo, occorre prendere atto del fatto che a molti colleghi non viene garantito un diritto riconosciuto dall’Unione Europea, e così non può andare. Abbiamo ritenuto giusto formulare una proposta sensata: una transazione che possa garantire sia il diritto dei professionisti che le esigenze di contenimento della spesa da parte dello Stato. Siamo molto fiduciosi che tutto andrà per il verso giusto, anche perché sia il ministro della Salute Lorenzin che il sottosegretario Fadda stanno seguendo la vicenda con grande attenzione.

Arrivano quasi ogni mese notizie di rimborsi milionari: migliaia di medici che attraverso azioni collettive, guidati e tutelati da importanti associazioni mediche, ottengono quanto loro spetta. Un rischio di esborso enorme, cui lo Stato deve far fronte.
Non c’è dubbio, e noi spingeremo molto su quest’aspetto. C’è già forte attenzione da parte del governo, ma noi politici abbiamo il dovere di continuare ad insistere in quanto amministratori e in quanto legislatori: è una nostra responsabilità nei confronti dello Stato e del Parlamento, ma soprattutto verso i cittadini che si sono visti depauperati di prerogative sacrosante.

A che punto è l’iter istituzionale di questo nuovo disegno di legge?
L’iter va avanti. Sia io, in qualità di capogruppo di NCD, sia gli altri membri della commissione Igiene e Sanità e la sua presidente, la senatrice De Biasi del PD, siamo molto fiduciosi e fortemente impegnati sul tema.

Articoli correlati
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...