Lavoro 4 Marzo 2014

Rimborsi ex specializzandi: a Firenze restituiti altri 6 milioni ai camici bianchi

I medici rimborsati: “Fate come noi, aderite alle cause collettive!” Il 20 marzo nuova azione Consulcesi.
 

Immagine articolo

Nuova consegna milionaria di rimborsi per i medici ex specializzandi. E’ toccato a Firenze accogliere lo scorso 25 febbraio decine di  camici bianchi che, non avendo ricevuto alcuna borsa di studio per gli anni di scuola post-laurea, hanno fatto ricorso ed hanno vinto. “Dopo Venezia, Genova, Roma, Milano e Torino, questa volta gli assegni consegnati ai professionisti sanitari hanno raggiunto l’ennesima cifra record di 6 milioni, completamente esentasse”. E’ quanto fanno sapere da Consulcesi, la grande associazione medica Italiana che oggi conta oltre 50 mila medici associati e che, ci dice “solo nell’ultimo anno abbiamo riconsegnato oltre 25,5 milioni di euro”.

“Sono lieto per i singoli medici – ha dichiarato il presidente dell’OMCeO di Firenze Antonio Panti – che oggi hanno visto riconosciuto un diritto a lungo negato e hanno potuto ricevere un compenso che premia l’impegno e la dedizione con cui hanno svolto la specializzazione”.

 “Congratulazioni a tutti i professionisti rimborsati oggi, un ottimo augurio per il futuro” arrivano anche dal presidente dell’OMCeO di Pisa, Giuseppe Figlini.

Doppia la specializzazione e doppio il rimborso: invito tutti i colleghi a richiedere quanto è loro diritto ricevere per ottenere da Consulcesi quella che non è una speranza, ma una certezza

 

Fino ad ora i rimborsi riconosciuti dai tribunali di tutta Italia ai camici bianchi danneggiati hanno superato la cifra record di 327 milioni di euro, dato riferito  soltanto alle cause portate avanti da Consulcesi. La vicenda, come è noto, risale agli inizi degli anni ottanta, quando l’Unione Europea impose a tutti gli Stati membri di corrispondere un giusto compenso ai medici che stavano frequentando le scuole di specializzazione, normativa a cui il nostro Paese si è adeguata in ritardo.
I professionisti specializzati tra l’82-’83 e il ’90-’91 non hanno quindi ricevuto quanto spettava loro di diritto. In aggiunta a questo, un altro fronte si è aperto più recentemente, e riguarda i medici che si sono iscritti ad un corso di specializzazione tra il ’94 ed il 2006. In questo caso le borse di studio vennero pagate ma non comprendevano copertura assicurativa dei rischi e oneri previdenziali.
Ma se sono tanti i medici che hanno finalmente ricevuto quel che spettava loro, molto più numerosi sono quelli che non hanno ancora ottenuto giustizia: si calcola che nella sola Toscana i camici bianchi che hanno diritto ai rimborsi siano più di 5mila, 120 mila in tutta Italia. È per questo che i professionisti che sono giunti vittoriosi al termine dell’iter processuale hanno invitato i colleghi che ancora non lo hanno fatto a partecipare alle prossime cause collettive organizzate da Consulcesi: “Doppia la specializzazione che ho frequentato – ha dichiarato la dottoressa Monica Puttini, specializzata in Odontostomatologia e Medicina Legale – e doppio il rimborso. Invito tutti i colleghi a richiedere quanto è loro diritto ricevere per ottenere da Consulcesi quella che non è una speranza, ma una certezza”
“Ormai quasi ogni mese – spiega Edoardo Pantano, Vice Presidente dell’Associazione –, i nostri Associati vedono premiata la propria fiducia e costanza con rimborsi milionari. Ma non ci fermiamo qui: il prossimo 20 marzo parte un’altra azione collettiva di rimborso per tutti i medici specializzati tra il 1982 e il 2006. Invito dunque tutti gli interessati a richiedere una consulenza, totalmente gratuita, sulla propria situazione specifica al numero verde 800.122.777 o collegandosi al sito www.consulcesi.it”.
Articoli correlati
Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»
In concomitanza con la sentenza di appello che conferma il diritto degli ex specializzandi alla giusta remunerazione, i medici di famiglia lamentano un borsa di formazione dimezzata rispetto ai colleghi specialisti
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»
L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato al risarcimento perché ha violato la giurisprudenza dell'Unione europea e dell'Italia», sottolinea l’avvocato. La materia è anche oggetto di un Master alla Luiss
Ex specializzandi, lo Stato paga altri 12 milioni di euro a 400 medici. Il Lazio è la Regione più rimborsata
Antonio Magi (Presidente OMCeO Roma): «Importante il lavoro di Consulcesi Group a tutela dei diritti dei medici ex specializzandi. In un momento particolarmente difficile per la professione conforta sapere che ci sono professionisti in grado di far rispettare le leggi e i regolamenti posti in essere in ambito Ue». Andrea Tortorella (AD Consulcesi): «Continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici con nuove soluzioni e servizi esclusivi sulla nostra rinnovata piattaforma web e con l’innovazione della tecnologia Blockchain anche gli operatori sanitari italiani potranno certificare la loro formazione»
ECM, Leoni (FNOMCeO) contro la carenza di personale: «Così non riusciamo a sopperire alla formazione»
«La formazione permanente è parte integrante di quello che è anche l’orario di lavoro del medico», spiega Giovanni Leoni vicepresidente FNOMCeO. Per questo è necessario «il ripristino dell’organico normale degli ospedali per avere uno staff adeguato per far tutte quante le funzioni a loro richieste»
Ex specializzandi, Tortorella (Consulcesi): «Con nuovo Parlamento Ue pronta la soluzione»
Le elezioni europee, tra riconferme e volti nuovi, segnano una svolta nel lungo contenzioso tra lo Stato italiano e gli ex specializzandi. Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi: «Boom di preferenze per i candidati che si sono confrontati con noi e hanno siglato un contratto bipartisan incentrato sui diritti da rivendicare per la classe medica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...