Lavoro 4 marzo 2014

Rimborsi ex specializzandi: a Firenze restituiti altri 6 milioni ai camici bianchi

I medici rimborsati: “Fate come noi, aderite alle cause collettive!” Il 20 marzo nuova azione Consulcesi.
 

Immagine articolo

Nuova consegna milionaria di rimborsi per i medici ex specializzandi. E’ toccato a Firenze accogliere lo scorso 25 febbraio decine di  camici bianchi che, non avendo ricevuto alcuna borsa di studio per gli anni di scuola post-laurea, hanno fatto ricorso ed hanno vinto. “Dopo Venezia, Genova, Roma, Milano e Torino, questa volta gli assegni consegnati ai professionisti sanitari hanno raggiunto l’ennesima cifra record di 6 milioni, completamente esentasse”. E’ quanto fanno sapere da Consulcesi, la grande associazione medica Italiana che oggi conta oltre 50 mila medici associati e che, ci dice “solo nell’ultimo anno abbiamo riconsegnato oltre 25,5 milioni di euro”.

“Sono lieto per i singoli medici – ha dichiarato il presidente dell’OMCeO di Firenze Antonio Panti – che oggi hanno visto riconosciuto un diritto a lungo negato e hanno potuto ricevere un compenso che premia l’impegno e la dedizione con cui hanno svolto la specializzazione”.

 “Congratulazioni a tutti i professionisti rimborsati oggi, un ottimo augurio per il futuro” arrivano anche dal presidente dell’OMCeO di Pisa, Giuseppe Figlini.

Doppia la specializzazione e doppio il rimborso: invito tutti i colleghi a richiedere quanto è loro diritto ricevere per ottenere da Consulcesi quella che non è una speranza, ma una certezza

 

Fino ad ora i rimborsi riconosciuti dai tribunali di tutta Italia ai camici bianchi danneggiati hanno superato la cifra record di 327 milioni di euro, dato riferito  soltanto alle cause portate avanti da Consulcesi. La vicenda, come è noto, risale agli inizi degli anni ottanta, quando l’Unione Europea impose a tutti gli Stati membri di corrispondere un giusto compenso ai medici che stavano frequentando le scuole di specializzazione, normativa a cui il nostro Paese si è adeguata in ritardo.
I professionisti specializzati tra l’82-’83 e il ’90-’91 non hanno quindi ricevuto quanto spettava loro di diritto. In aggiunta a questo, un altro fronte si è aperto più recentemente, e riguarda i medici che si sono iscritti ad un corso di specializzazione tra il ’94 ed il 2006. In questo caso le borse di studio vennero pagate ma non comprendevano copertura assicurativa dei rischi e oneri previdenziali.
Ma se sono tanti i medici che hanno finalmente ricevuto quel che spettava loro, molto più numerosi sono quelli che non hanno ancora ottenuto giustizia: si calcola che nella sola Toscana i camici bianchi che hanno diritto ai rimborsi siano più di 5mila, 120 mila in tutta Italia. È per questo che i professionisti che sono giunti vittoriosi al termine dell’iter processuale hanno invitato i colleghi che ancora non lo hanno fatto a partecipare alle prossime cause collettive organizzate da Consulcesi: “Doppia la specializzazione che ho frequentato – ha dichiarato la dottoressa Monica Puttini, specializzata in Odontostomatologia e Medicina Legale – e doppio il rimborso. Invito tutti i colleghi a richiedere quanto è loro diritto ricevere per ottenere da Consulcesi quella che non è una speranza, ma una certezza”
“Ormai quasi ogni mese – spiega Edoardo Pantano, Vice Presidente dell’Associazione –, i nostri Associati vedono premiata la propria fiducia e costanza con rimborsi milionari. Ma non ci fermiamo qui: il prossimo 20 marzo parte un’altra azione collettiva di rimborso per tutti i medici specializzati tra il 1982 e il 2006. Invito dunque tutti gli interessati a richiedere una consulenza, totalmente gratuita, sulla propria situazione specifica al numero verde 800.122.777 o collegandosi al sito www.consulcesi.it”.
Articoli correlati
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
Medici in corsia senza essere pagati, lo Stato li risarcisce con oltre 15 milioni di euro
Marco Tortorella, avvocato specialista del contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi: «Come confermato dal recente e autorevole parere pro veritate il termine di prescrizione non è decorso, noi continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...