Lavoro 24 febbraio 2015

Arrivano altri 60 milioni agli ex specializzandi: emorragia continua per lo Stato

Maxi-rimborso per i medici tutelati da Consulcesi. L’annuncio dato alla presenza del presidente dell’ OMCeO di Roma e di Jimmy Ghione

Immagine articolo

Rimborsi da Guinness. Altri sessanta milioni in arrivo per i medici ex specializzandi. L’annuncio “shock” è stato dato nella sede italiana di Consulcesi Group alla presenza di due testimoni d’eccezione: il presidente dell’OMCeO di Roma Roberto Lala e Jimmy Ghione, il popolare inviato di “Striscia la Notizia”.

Una notizia importantissima per tutta la classe medica. Un chiaro segnale di quanto la giurisprudenza sia ormai totalmente favorevole ai camici bianchi. I rimborsi per i medici che non hanno ricevuto il giusto trattamento economico per la scuola post-laurea tra gli anni 1982 e 2006 ora arrivano sempre più rapidamente. E per lo Stato è un’emorragia continua che impone di trovare una rapida soluzione.

“Voliamo alto nei cieli su questa montagna di denaro – ha dichiarato Roberto Lala, presidente del più grande Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri d’Europa – per rispettare quello che era previsto per legge. Grazie a Consulcesi, sempre più camici bianchi otterranno ora quello che già meritavano di avere. È un risultato eclatante perché dimostra che quando la giustizia c’è, e arriva all’obiettivo, la soddisfazione è di tutti; anche delle istituzioni che hanno finalmente ottemperato ad una normativa europea”. Sempre Lala sottolinea come sia diventato più agile e veloce il percorso giudiziario dei medici che hanno fatto – e continuano a fare in maniera sempre più massiccia – ricorso presso i Tribunali di tutta Italia: “Agli inizi della battaglia – spiega infatti Lala – chi ricorreva contro lo Stato si scontrava con difficoltà e diffidenza in quanto quello che si presentava ai loro occhi era un percorso lungo e dall’esito tutt’altro che scontato. Con il passare degli anni i giudici si sono però sempre più convinti della giustezza del risarcimento richiesto. l tempi sono dunque diminuiti e gli esiti positivi aumentati. Così i colleghi hanno preso sempre più coraggio”.

Mai come ora, dunque, il terreno appare fertile per presentare ricorso e ottenere finalmente giustizia. Se ne è reso conto anche lo Stato che paga spontaneamente e subito chi vince, continuando ad aprire le casse della Banca d’Italia e rischiando un esborso che supera i 4 miliardi: “Le istituzioni – conclude Lala –  vogliono affrontare il problema e in Parlamento sono presenti tre Ddl che propongono un accordo transattivo, valido solo per chi avrà fatto ricorso prima della trasformazione in legge: si tratta di un segnale di buon senso e intelligenza, in quanto una volta dimostrata la bontà della causa è giusto attivare un processo di sanatoria legislativa per limitare i danni”. La certezza – ormai di tutti – è che fra non molto nessun medico rimarrà senza rimborso.

“Consulcesi ha portato avanti questa battaglia – afferma invece Jimmy Ghione – raggiungendo ottimi risultati. Già in passato, con “Striscia”, abbiamo seguito le consegne milionarie e sottolineato quanto questo lavoro abbia portato buoni frutti per i medici. Adesso arrivano altri 60 milioni e non è finita qui: so che la Banca d’Italia dovrà darne ancora tanti altri”.
“Sta accadendo proprio quello che abbiamo sempre sostenuto. Siamo gli unici – afferma il presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella – ad essere riusciti a far riconoscere ai nostri medici, ad oggi, oltre 373 milioni. Una cifra destinata ad aumentare in poco tempo. Dopo questa maxi consegna da 60 milioni proseguiremo il “Giro d’Italia” dei rimborsi e continueremo a dare battaglia per il riconoscimento dei diritti negati ai camici bianchi. A tal proposito, è imminente la nuova azione collettiva. Per ogni informazione specifica sono già a disposizione oltre 350 avvocati e consulenti legali che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777 e sul sito www.consulcesi.it”.

Articoli correlati
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
Medici in corsia senza essere pagati, lo Stato li risarcisce con oltre 15 milioni di euro
Marco Tortorella, avvocato specialista del contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi: «Come confermato dal recente e autorevole parere pro veritate il termine di prescrizione non è decorso, noi continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...