Lavoro 31 Gennaio 2022 10:19

Responsabilità sanitaria, SISMLA al Ministro Cartabia: «Rivedere ADR o occasione persa»

Il segretario nazionale Enrico Pedoja scrive al Ministro della Giustizia affinché vengano riviste le procedure di risoluzione alternative inserendo l’Alternative Dispute Risolution che ridurrebbe costi e tempi di conciliazione

Responsabilità sanitaria, SISMLA al Ministro Cartabia: «Rivedere ADR o occasione persa»

Il disegno di legge in materia di Riforma della Giustizia Civile non convince il SISMLA (Sindacato Italiano Specialisti Medicina legale e delle Assicurazioni) che lancia un appello al Ministro della Giustizia, Marta Cartabia, affinché riveda le procedure di risoluzione alternative, e faccia in modo che l’ADR entri a pieno titolo come strumento conciliativo anche in ambito di mediazione per i casi di Responsabilità Sanitaria. «È una grande occasione persa – recrimina Enrico Pedoja segretario nazionale SISMLA – perché l’ADR, che ricordo essere una procedura di risoluzione alternativa stragiudiziale, ha il vantaggio di essere veloce ed efficace nei conflitti di consumo e permetterebbe quindi uno snellimento del carico giudiziario, dal momento che si procede per via alternative senza ricorrere al Giudice. Inoltre, evita che i consumatori, scoraggiati dalla durata del procedimento, rinuncino alla tutela dei propri diritti».

Solo il 10% dei procedimenti si conclude in ambito extra giudiziario

Proprio questo sembra essere il punto su cui insistere perché oggi solo il 10 percento dei procedimenti si conclude in ambito extra giudiziario, con un accordo tra le parti, tenendo conto che si tratta di liti con un valore medio di 50mila euro, ovvero tra i più alti tra tutte le materie oggetto dei procedimenti. «Non solo, occorre tenere presente poi che la consulenza tecnica fatta in sede di mediazione è un mezzo di prova analogo alla consulenza d’ufficio in ATP (ex 696 del codice di procedura civile), ovvero quando è il giudice a nominare un consulente tecnico d’ufficio per accertare e determinare il dovuto – spiega Pedoja – quindi utilizzarla anche in ambito di responsabilità sanitaria permetterebbe un oggettivo snellimento dei tempi di istruttoria e delle procedure, con conseguente sgravio del precontenzioso giudiziario sia nel caso di definizione del risarcimento, sia nel caso si renda necessaria l’azione giudiziaria».

SIMSLA: unica rappresentanza tecnica al tavolo ministeriale per l’incremento e la valorizzazione delle procedure stragiudiziali di gestione dei conflitti

Ad avvalorare la tesi anche il fatto che il SISMLA nel 2020 è stata l’unica rappresentanza tecnica medico legale nazionale a partecipare al tavolo Ministeriale per la definizione del manifesto della Giustizia Complementare per l’incremento e la valorizzazione delle procedure stragiudiziali di gestione dei conflitti. «La nostra figura si integra a pieno nelle Associazioni Nazionali Professionali che hanno nelle loro finalità la valorizzazione del grado di esperienza e il titolo di formazione professionale degli iscritti – conclude Pedoja – favorendo, in stretto collegamento con le Società Scientifiche di riferimento (SISMLA e COMLAS), l’aggiornamento professionale e l’inserimento dei giovani professionisti negli albi di CTU, così da garantire l’autonomia culturale,  la terzietà e le speciali competenze dell’iscritto in materia di valutazione del danno alla persona, in particolare in ambito di responsabilità sanitaria».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Assistenza ospedaliera, medici legali “dimenticati”. SISMLA non ci sta e scrive al Ministro Speranza
Pedoja (segretario SISMLA): «La revisione del decreto 70 del 2015 in merito alla definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici degli ospedali proposta dal Ministero della Salute non tiene conto del ruolo dell’area medico legale»
di Federica Bosco
Medici legali chiedono al Ministero del Lavoro equo compenso e minimi salariali
Il segretario nazionale di SISMLA: «Categoria e dignità professionali a rischio per oltre 2000 medici legali. Tariffe irrisorie mettono a rischio la qualità dei servizi»
di Federica Bosco
Covid-19 e responsabilità medica, D’Elia (Procura Roma): «Mi chiedo se legge Gelli sia adeguata all’emergenza»
Nel confronto su Covid e responsabilità medica tra medici, avvocati e giuristi dell’Università Cattolica e Fondazione Policlinico A. Gemelli, si prospettano i possibili scenari del contenzioso medico legale post-epidemia
Cura Italia, Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Vergognosi emendamenti che vogliono ridimensionare la responsabilità dei datori di lavoro»
Il Presidente del Maxi Ordine delle Professioni sanitarie TSRM e PSTRP Alessandro Beux contesta alcuni emendamenti al Dl Cura Italia sull’emergenza coronavirus: «Questa emergenza ha dei responsabili anche tra i decisori politici e gli amministratori. Entrambi dovranno farsene carico»
Un libro mette sotto la lente di ingrandimento la responsabilità degli operatori sanitari
Vito Tenore, consigliere della Corte dei Conti lombarda e autore dello studio sulla responsabilità disciplinare, civile, penale e amministrativo contabile del personale sanitario: «La legge Gelli tutela medici e pazienti, ma bisogna elaborare le linee guida»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali