Lavoro 27 Maggio 2016

Responsabilità: breve guida alle assicurazioni. Polizze, premi e coperture: le novità per i medici

Che succede con la legge in discussione in Parlamento. Il relatore della Legge, Federico Gelli (Pd): «Una norma che ridefinisce i ruoli delle parti in causa». «Ma attenti a costi, massimali e retroattività», tutti i chiarimenti dell’esperto di assicurazioni

Garantire la sicurezza delle cure tutelando medici e pazienti. Riannodare il rapporto tra camici bianchi e cittadini inficiato negli ultimi anni da un aumento esponenziale – ed economicamente insostenibile – del contenzioso legale. È questo l’obiettivo del DDL Gelli sulla responsabilità professionale che si avvia a diventare legge e promette, tra le altre cose, di «porre un freno al mercato selvaggio delle assicurazioni» come spiega ai microfoni di Sanità informazione lo stesso relatore del provvedimento.


Ed è proprio sul mercato delle assicurazioni e sulle novità per i medici legate a polizze, premi e coperture che si concentra il nostro focus con uno dei principali esperti del settore, il consulente di SanitAssicura Ennio Profeta, per capire in concreto cosa cambia per i camici bianchi italiani.

Per l’onorevole Gelli, relatore del Disegno di Legge, a cambiare saranno innanzitutto i tempi della giustizia: «La legge ha uno scopo ben preciso, quello di diminuire il contenzioso e le lungaggini della giustizia italiana. Con questa legge renderemo più certa la responsabilità del professionista, definendo inoltre l’azione di rivalsa e il ruolo delle compagnie di assicurazione. Non più quindi – aggiunge Gelli – un mercato completamente abbandonato a sé stesso, ma finalmente una legge che definisce compiti e responsabilità di tutti gli attori del sistema, compreso quello delle compagnie assicurative».
Un obiettivo condiviso anche dall’onorevole Michele Baldi, capogruppo alla Regione Lista Civica Nicola Zingaretti: «Vogliamo trovare forme legislative e forme di garanzia per i pazienti ma anche per i medici, per evitare che il mettersi sulla difensiva di entrambe le parti si tramuti in un salasso che le casse della Regione non possono certo permettersi».

Ecco le principali novità:

DIPENDENTI – I dipendenti di una struttura sanitaria, pubblica o privata, saranno responsabili direttamente (e dovranno quindi obbligatoriamente assicurarsi) solo per colpa grave, mentre per i casi di “colpa lieve” continueranno ad essere coperti dall’azienda. La colpa grave, inoltre, sarà anche disciplinata in modo più stringente dalla legge. La competenza sul tema, però, passerà dalla Corte dei Conti al giudice ordinario e questo comporta procedure molto più veloci e, presumibilmente, un aumento dei costi. Perché il medico (attraverso la compagnia di assicurazione) dovrà difendersi presso il giudice ordinario, mentre finora non veniva chiamato in giudizio dalla propria azienda, la quale si limitava ad effettuare una segnalazione alla Corte dei Conti, senza che questa segnalazione significasse un automatico inizio di un giudizio con relative spese.

COLLABORATORI E OPERATORI SANITARI – Il Ddl prevede l’estensione della copertura personale a tutti gli operatori sanitari delle strutture pubbliche o private, non solo ai dipendenti ma anche ai collaboratori.

LIBERI PROFESSIONISTI – I medici che esercitano la libera professione dovranno assicurarsi non solo per colpa grave, ma “in toto”, con la grande novità della possibilità dell’azione diretta del danneggiato rivolta alla compagnia assicuratrice. Il medico risulterà più tutelato, ma contemporaneamente la compagnia sarà più esposta. È anche previsto che questa non potrà opporre al richiedente eccezioni relative a limitazioni di garanzia presenti nella polizza del suo assicurato, salvo successiva azione di rivalsa nei suoi confronti (il cui esito non sempre è certo). Può accadere, infatti, che il paziente danneggiato citi la compagnia per un rischio non coperto dalla polizza, come nel caso di un danno accaduto fuori del periodo di retroattività stabilito nella polizza. In questi casi, pagherà comunque la compagnia per poi rivalersi sul medico. È presumibile che questi due fattori, l’azione diretta e il pagamento integrale a prescindere dalla limitazione delle garanzia, potranno comportare un aumento delle tariffe assicurative.

COPERTURE DELLE STRUTTURE – Novità anche sul rapporto tra assicurazioni e strutture sanitarie assicurate. Finora l’adozione del sistema SIR, per il quale fino al valore della franchigia contrattuale la liquidazione dei danni è delegata alla struttura assicurata, stava contribuendo al calmieramento dei prezzi delle polizze. Con l’azione diretta questa utile innovazione rischia di essere vanificata. La compagnia pagherà per il sinistro e poi si rivarrà eventualmente sulla struttura (anche in questo caso con una forte componente di difficoltà ed aleatorietà circa i tempi del recupero).

COSTI – Come reagiranno gli assicuratori? Presumibilmente così: il medico è obbligato ad assicurarsi, ma la singola compagnia non è obbligata ad assicurarlo; il mercato di compagnie disposte ad assicurare a queste condizioni si restringerà e le compagnie rimaste vorranno monetizzare questo rischio aggiuntivo, alzando i prezzi. Il consulente Ennio Profeta suggerisce: «La legge non prevede un massimale minimo, pertanto sarà il medico a dover valutare in relazione alla sua attività il rischio massimo che corre in termini quantitativi: è chiaro che un ortopedico e un cardiochirurgo devono prevedere massimali diversi in relazione al danno potenziale delle loro attività».

COME MUOVERSI – È importante che il medico o l’operatore, una volta scelta la compagnia con cui assicurarsi, si accerti di alcuni essenziali fattori: che la polizza riporti una descrizione della sua attività professionale esattamente corrispondente a quella che effettivamente svolge; che la polizza sia a primo rischio e non a secondo rischio; che la retroattività sia adeguata all’anzianità professionale (chi esercita da 3 anni non ha motivo di contrarre una polizza con retroattività decennale, mentre un medico attivo da 20 anni ha bisogno di una retroattività che tenga conto dei tempi di prescrizione previsti dalla legge); che la garanzia “postuma” sia presente: spesso infatti la richiesta di risarcimento arriva dopo anni, quando magari il medico è già in pensione per fatti avvenuti quando esercitava.

CONSULENZE PERSONALIZZATE – La materia della responsabilità medica è particolarmente specialistica. Il medico non ha e non può avere una competenza costantemente aggiornata su una materia in costante evoluzione. Il “fai da te” in questo campo non funziona; tantomeno è utile rivolgersi ad un assicuratore generalista. Serve un consulente specializzato, come SanitAssicura. «In questo modo – osserva il consulente Ennio Profeta – il medico avrà una panoramica esaustiva delle coperture assicurative sul mercato nazionale e quindi potrà avere il meglio delle condizioni e i prezzi più bassi offerti dal mercato in quel momento per le sue esigenze specifiche».

Articoli correlati
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Healthcare e tecnologia, Leogrande (Presidente AIIC): «Rendere disponibile l’innovazione in sanità»
«Le novità ci sono, il mercato e l’industria spingono in questa direzione e le soluzioni non mancano. Manca, ancora, un collegamento più diretto e concreto con le modalità con cui questa innovazione deve essere resa disponibile» così il Presidente AIIC Lorenzo Leogrande
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Acoi Campania: «Formazione e nuove tecnologie: queste le sfide per la chirurgia d’urgenza del futuro»
Formazione e nuove tecnologie: queste le sfide per la chirurgia d’urgenza del futuro. A dettare l’agenda delle priorità è l’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI) – Gruppo Campania, nel corso della due giorni “Chirurgia d’urgenza 2019: tra linee guida e real life. Cos’è cambiato in questi anni e qual è la realtà dei fatti”, che ha riunito a […]
Sanità, Nursing Up al ministro della PA: «Sì a valorizzazione professionale ma per tutta la categoria infermieristica»
“Apprendiamo dagli organi di stampa in questi giorni che sono state avanzate proposte di natura sindacale al ministro della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, da soggetti istituzionali su problematiche inerenti la collocazione contrattuale della professione infermieristica con particolare attenzione alle posizioni dirigenziali, e ci chiediamo come mai vengano presentate tali richieste prevalentemente a vantaggio dei dirigenti […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...