Lavoro 29 Marzo 2022 12:52

Report Fp Cgil: esplosione contratti di lavoro pirata nel settore socio assistenziale

Lo denuncia la Fp Cgil che ha inviato al ministro del Lavoro, Andrea Orlando, una precisa proposta: «Legare l’attuazione del Pnrr relativamente ai capitoli del welfare, e l’accesso ai fondi da parte delle imprese, al rispetto dei contratti nazionali firmati dalle organizzazioni sindacali e datoriali maggiormente rappresentative»

Report Fp Cgil: esplosione contratti di lavoro pirata nel settore socio assistenziale

Nel settore socio assistenziale privato e nel terzo settore si contano ben 47 contratti nazionali di lavoro, 27 dei quali ‘pirata’, che vanno a incidere su di un campo che conta un numero di addetti pari a 1,250 milioni. Una proliferazione contrattuale fuori controllo, esplosa nel corso degli ultimi dieci anni, e che ha portato i contratti da circa 20 a un totale di 47, la gran parte dei quali cosiddetti ‘pirata’, ovvero sottoscritti da organizzazioni sindacali e datoriali non rappresentative.

A denunciarlo è la Fp Cgil che, per queste ragioni, ha inviato al ministro del Lavoro, Andrea Orlando, una precisa proposta: «Legare l’attuazione del Pnrr relativamente ai capitoli del welfare, e quindi l’accesso ai fondi da parte delle imprese, al rispetto dei contratti nazionali firmati dalle organizzazioni sindacali e datoriali maggiormente rappresentative».

In un report prodotto dalla Funzione Pubblica Cgil che ricostruisce la moltiplicazione contrattuale nel settore, il sindacato denuncia infatti come «nel corso degli ultimi dieci anni vi è stata una proliferazione di contratti applicabili al settore socio assistenziale educativo: solo per il personale non medico operante in strutture riabilitative, residenziali e socio-sanitarie di tipo privato, risultano conclusi e attualmente in vigenza oltre 27 contratti nazionali non firmati da organizzazioni maggiormente rappresentative».

Si tratta, osserva ancora la Fp Cgil «di un vero e proprio scandalo perpetrato nei confronti di lavoratrici e lavoratori impiegati nella cura e nell’assistenza delle persone più fragili. Questi contratti, infatti, contengono condizioni normative ed economiche assolutamente non adeguate a garantire un’esistenza dignitosa alle persone alle quali vengono applicati, così come in termini di diritti sono forti le penalizzazioni rispetto ai contratti firmati invece della organizzazioni sindacali più rappresentative».

Una vessazione contrattuale che incide su un settore, quello socio assistenziale privato, costituito da Rsa (Residenze sanitarie assistenziali) e Rsd (Residenze sanitarie per disabili), che conta 300 mila addetti che operano in circa 1.300 aziende. Mentre nelle oltre 1.100 strutture riabilitative lavorano poco meno di 50 mila addetti. Nel terzo settore invece gli addetti sono circa 900 mila e qui, rileva la Fp Cgil «si registra una minore tendenza alla proliferazione di contratti cosiddetti privata grazie al codice degli appalti». Un totale quindi di 1,250 milioni di lavoratrici e lavoratori, molti dei quali sottomessi a contratti pirata.

Diversi gli esempi concreti di questa vera e propria giungla contrattuale. «Registriamo casi di grandi gruppi privati operanti nel settore socio assistenziale che pur gestendo, ad esempio, Residenze sanitarie assistenziali applicano il Ccnl Aiop Rsa non sottoscritto da Cgil, Cisl e Uil o altri che al loro interno applicano contratti di tipo diverso: un patchwork contrattuale che fa convivere in uno stesso luogo di lavoro contratti diversi; oppure abbiamo il caso dei centri di riabilitazione ex art. 26 accreditati, equiparati a quelli pubblici e che forniscono servizi sanitari a carico del servizio sanitario, dove risultano esserci almeno altri 8 contratti diversi che riguardano oltre il 50% dei lavoratori. Infine si registrano comuni che esternalizzano servizi di assistenza a cooperative che applicano contratti pirata e che proprio in ragione di questo ‘risparmio’ riescono ad aggiudicarsi appalti».

Dati ed esempi di un fenomeno preoccupante e che rischia di degenerare ancora di più. «Il massiccio ricorso a contratti pirata – sostiene la Fp Cgil -, ancor di più adesso alla vigilia della realizzazione dei progetti collegati alle missioni del Pnrr e dello stato in cui versano i bilanci degli enti locali, può costituire l’occasione per l’aggravarsi di questo fenomeno che vede affermarsi nella gestione di servizi particolarmente delicati, e rivolti a fasce di popolazione particolarmente fragili, soggetti non in grado di garantire i necessari standard di qualità».

Da qui la proposta del sindacato «di legare la realizzazione dei progetti del Pnrr collegati al welfare, e di conseguenza l’accesso ai fondi da parte delle imprese, al rispetto dei contratti nazionali firmati dalle organizzazioni sindacali e datoriali maggiormente rappresentative. Per il sindacato si tratterebbe di «una misura che potrebbe rappresentare una chiave di volta nella messa in sicurezza di un settore così delicato e importante per il Paese, sia per quanto riguarda la qualità delle prestazioni erogate sia per quanto riguarda la dignità di chi in quei settori opera» conclude la Fp Cgil.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Filippi (Fp Cgil Medici): «Cambiare organizzazione lavoro del Servizio socio sanitario»
Per il segretario nazionale «la prospettiva organizzativa che dobbiamo intercettare è che nella riorganizzazione del lavoro tutti i professionisti abbiano un solo datore di lavoro e possibilmente lo stesso tipo di rapporto contrattuale»
Sanità, Fp Cgil: «Urge assunzione di medici non obiettori»
«Pochi professionisti lasciati soli a garantire un servizio e un diritto»
Pandemia e Ssn, Landini (Cgil): «Batteremo il virus attraverso il lavoro. Cooperare tutti perché nessuno si salva da solo»
Il Segretario della Cgil ha preso parte all’Assemblea Generale Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn. Filippi: «Mmg, specialisti ambulatoriali e medici fiscali devono rientrare nel contratto collettivo nazionale della dirigenza». Lanza: «Delusi dal PNRR»
Pa, oggi lo sciopero nazionale dei lavoratori pubblici. A Roma il presidio al Ministero
Cgil Cisl Uil: «Grande adesione e servizi essenziali assicurati. Anche chi era a lavoro ha protestato. Per rinnovare la Pa servono assunzioni, sicurezza, stabilizzazioni e rinnovo dei contratti»
Sanità, Fp Cgil in piazza: «Con fondi europei diamo vita ad un new deal per la salute»
Il Piano di riforma del servizio socio-sanitario è stato presentato oggi a Roma dal Segretario Maurizio Landini al Ministro della Salute Speranza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali