Lavoro 23 Gennaio 2023 13:13

Quota B in ritardo? Entro il 29 gennaio la sanzione è minima

Solo l’1% in più per chi si mette in regola entro questa data. E anche per i ritardatari è possibile il rateizzo

Quota B in ritardo? Entro il 29 gennaio la sanzione è minima

Il primo termine di pagamento per la Quota B è scaduto lo scorso 31 ottobre, ma per i ritardatari non c’è (ancora) motivo di disperarsi. Fino al 29 gennaio infatti si potrà pagare il bollettino scaduto dei contributi relativi ai redditi libero professionali con una sanzione minima.

Sanzioni minime per chi si rimette in regola

Questo perché, fermo restando la scadenza del 31 ottobre, per chi non ha scelto la domiciliazione bancaria e paga ancora con bollettino in un’unica soluzione, è possibile versare la Quota B 2022 (relativa ai redditi da libera professione del 2021) per i successivi 90 giorni con una maggiorazione limitata all’1%. Attenzione, però, a non superare questa data, o la sanzione sarà molto maggiore per cause che non dipendono da Enpam, ma dall’applicazione del tasso di interesse legale aggiornato.

Le sanzioni post 29 gennaio

Abbiamo quindi chiarito che il 29 gennaio è il termine ultimo per limitare la sanzione all’1% in più dei contributi da versare. Ma cosa succede se invece si supera questa data? In questo caso, si pagherà una maggiorazione dell’8%, risultato del 3% di sanzione sommata al 5% del nuovo interesse legale. Quest’ultimo infatti è stato di recente aumentato con decreto dal ministero dell’Economia e delle finanze, ed è in vigore da inizio 2023. La sanzione in questo caso sarà progressiva, calcolata in base ai giorni e ai mesi di ritardo, e potrà arrivare fino al 40% dell’importo iniziale dovuto.

Il rateizzo è valido anche per i ritardatari

Per coloro che non hanno ancora attivato la domiciliazione bancaria, l’unico sistema per pagare la Quota B è il bollettino con sistema PagoPA, in un’unica soluzione. Tuttavia Enpam offre l’opportunità, anche a chi è in ritardo con il pagamento, di dilazionare il versamento dei contributi fino a 30 mesi, attraverso l’apposita e gratuita carta di credito proposta da Enpam in convenzione con la Banca Popolare di Sondrio.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 febbraio 2023, sono 671.739.364 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.844.833 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...