Lavoro 19 Dicembre 2022 17:12

Enpam, i vantaggi sull’Irpef con la pensione integrativa

L’adesione ad uno strumento di previdenza complementare come Fondosanità consente di risparmiare sulle tasse

Enpam, i vantaggi sull’Irpef con la pensione integrativa

Fine anno fa rima con tasse. E mai come quest’anno, con l’impennata del costo della vita, avvalersi di strumenti che consentano di risparmiare sulle imposte è un’esigenza sentita da tutti, compresi i professionisti in camice bianco. Per gli iscritti Enpam, un’ulteriore possibilità per ridurre il proprio imponibile fiscale del 2022 – oltre ai riscatti esaminati in precedenza – è rappresentata dall’adesione a una forma di previdenza complementare. Si tratta di una scelta importante da valutare prima possibile per garantirsi un tenore di vita in linea con le proprie esigenze ed aspettative.

I vantaggi di una pensione integrativa

Per i professionisti che vogliono costruirsi una pensione integrativa, Enpam mette a disposizione la possibilità di aderire a Fondosanità, il fondo chiuso riservato a medici, chirurghi e odontoiatri e ai loro familiari. Tutte le somme versate sul proprio fondo entro la fine dell’anno sono infatti deducibili dall’imponibile fino a un tetto di 5.164,57 euro, compresi i versamenti per i familiari fiscalmente a carico entro tale cifra. È importante sapere che per i giovani medici fino ai 35 anni l’iscrizione a FondoSanità è gratuita. Inoltre, è possibile recuperare le somme non dedotte nei primi 5 anni per un periodo compreso tra il sesto e il venticinquesimo anno di partecipazione: un’opzione che permette di aumentare il tetto di deducibilità.

Termini e scadenze 2022

È molto importante tenere a mente le scadenze: se il 15 dicembre rappresentava la data entro cui sarebbe stato indicativamente preferibile effettuare i pagamenti per agevolare la contabilizzazione, il 31 dicembre è il termine ultimo entro cui fare versamenti deducibili o detraibili l’anno successivo. Tuttavia, in questo 2022 l’ultimo giorno dell’anno cadrà di sabato, pertanto i bonifici dovranno risultare eseguiti entro il giorno precedente, cioè venerdì 30 dicembre.

Condizioni da ricordare

Come viene sottolineato anche sul sito della fondazione Enpam, la possibilità di dedurre o detrarre queste somme dall’imponibile è valida solo per i professionisti che versano l’imposta sulle persone fisiche (Irpef). Per chi invece deve versare l’imposta sostitutiva perché in possesso di partita IVA con regime forfettario, non sono previste detrazioni e normativa restringe il campo delle spese che possono essere oggetto di detrazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...