Lavoro 11 maggio 2016

Quelle 16 ore di lavoro che “spaccano” i medici di famiglia

Parere positivo al rinnovo della convenzione da FIMMG. Forti critiche da Cgil Medici e SMI, che annuncia protesta a Montecitorio e rilancia: «Prescrizioni? Non basta la sospensione, serve nuova legge»

Appropriatezza prescrittiva e assistenza H16 al centro del braccio di ferro tra medici di famiglia e ministero della Salute.

Dopo le polemica per il taglio alle prescrizioni che ha portato alla sospensione del provvedimento, si è sollevato un polverone anche sull’atto di indirizzo per il rinnovo della convenzione di medicina generale e dei pediatri di libera scelta approvato dal Comitato di settore Regioni-Sanità secondo cui gli studi dei medici di famiglia resteranno aperti – sette giorni su sette – per le 16 ore al giorno dalle 8 alle 24. Nelle ore notturne l’assistenza sarà invece affidata all’Emergenza-Urgenza-118. Inizialmente si era parlato di una copertura H24, ma l’atto di indirizzo si ferma a 16 ore.Un monte ore comunque sufficiente ad accendere polemiche al pari delle 11 ore di riposo che continuano spesso ad essere negate ai medici ospedalieri. In questo caso la violazione della direttiva europea 2003/88, che doveva essere applicata con l’entrata in vigore della legge 161 (dal 25 novembre dello scorso anno), ha già prodotto migliaia di ricorsi. Non è escluso, ora, che anche la vicenda dell’H16 possa finire all’attenzione dei tribunali di tutta Italia.

Solo la FIMMG con il segretario Giacomo Milillo approva il provvedimento, parlando di «staffetta che consente di avere più medici disponibili nell’arco della giornata» e non manifesta alcun timore che possano esserci ripercussioni su organici e retribuzioni.

Per Massimo Cozza, segretario di Cgil Medici, invece, «questa decisione avrà inevitabilmente ricadute sull’affollamento dei pronto soccorso perché il 118 non sarà in grado di risolvere l’emergenza come in molti casi poteva fare la guardia medica a domicilio». Cozza è poi preoccupato «per come possano essere penalizzate le zone rurali o quelle di montagna dove il punto di riferimento è sempre stato proprio la guardia medica, che ora non sarà più in servizio di notte».

Forti le remore di Pina Onotri. Il segretario dello SMI, il sindaco dei Medici Italiani, ritiene che l’ «atto di indirizzo provocherà un buco nel settore e manderà a casa migliaia di medici a tempo determinato che operano nei servizi di continuità assistenziale. Questo – prosegue – avrà ripercussioni sulle liste d’attesa oltre che sul carico di lavoro per il 118». Lo SMI ha già organizzato una manifestazione di protesta sotto Montecitorio per l’11 maggio. Il malcontento, però, non si limita al rinnovo della convenzione, ma si estende anche al decreto sull’appropriatezza prescrittiva, entrato in vigore tra le proteste e poi sospeso. «Una prima vittoria l’abbiamo ottenuta – commenta Pina Onotri – e sono state riconosciute le nostre posizioni con il fatto che le sanzioni ai medici sono sospese. Però va rimarcato che quello è un decreto attuativo di un Ddl e quindi può essere in pratica rivisto solamente con uguale provvedimento legislativo, che non c’è stato ad oggi. Quindi aspettiamo, in tal senso, un atto concreto».

Articoli correlati
MMG, Scotti a Grillo: «No a sanatorie, non svendere futuro giovani medici». La replica del Ministro: «Valorizzeremo merito»
Botta e risposta tra il Segretario della Fimmg e la titolare della Salute sul tema dei medici precari e della formazione dei medici di famiglia: «I provvedimenti annunciati dal ministero – spiega Scotti - altro non farebbero che gettare alle ortiche il grande lavoro fatto per ottenere l’incremento delle borse»
Ponte Morandi, il racconto del medico: «Noi camici bianchi genovesi in prima linea. Ora la città ha voglia di ripartire»
Stefano Alice era in servizio quel fatidico 14 agosto: dal suo studio si vede il viadotto crollato. «Nelle prime ore libere che ho avuto – racconta - mi sono unito alle squadre dei soccorsi per organizzare l’assistenza agli sfollati». Al Congresso Fimmg omaggio alle vittime con un flash mob
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Fimmg, Scotti rieletto segretario. Studio CGIA Mestre: «Più anziani al lavoro ma più malati. Investire in prevenzione»
Nell'Esecutivo Nazionale Pier Luigi Bartoletti, Nicola Calabrese, Fiorenzo Massimo Corti, Domenico Crisarà, Renzo Le Pera, Malek Mediati. L'Italia ha tra i più elevati tassi di lavoratori anziani in Europa. Ma aspettativa di vita degli italiani dopo i 50 anni è rappresentata da anni non in salute. Il Segretario Fimmg: « I medici di famiglia si candidano a essere i nuovi economisti di questo Paese»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Aggressioni, Rostan (LeU): «Serve credito d’imposta per studi medici che intendono dotarsi di impianti di sicurezza»
La vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera al Congresso Fimmg:  «Abbiamo registrato oltre tremila episodi negli ultimi tempi con il 65% di medici e infermieri che, almeno una volta nel corso della loro carriera, hanno subito violenze o intimidazioni. Per questo ho chiesto incontro a Salvini»
FIMMG, Scotti fa bilancio del Congresso: «Dignità per MMG. Formazione sia centralizzata. Leghiamo redditività medici a salute pazienti»
Il segretario della Federazione dei medici di Famiglia continua a invocare risorse per il settore «o i cittadini rischiano di dover pagare servizio sanitario». Rapporto tra spesa sanitaria e Pil «non scenda sotto il 6,5% come dice l’OMS»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila