Lavoro 19 settembre 2016

Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»

Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale

Il numero dei medici non cambia ma il lavoro è quintuplicato. Per questo molti camici bianchi si trovano costretti ad aumentare la mole del proprio lavoro per far fronte alla ormai cronica carenza di personale. Il dottor Franco Romeo, dell’Università degli Studi di Tor Vergata, intervenuto nel corso del congresso Esc (il prestigioso incontro degli iscritti alla European Society of Cardiology), ai nostri microfoni parla della difficile situazione in cui versa la realtà in cui lavora, dove l’impegno lavorativo richiesto è sempre maggiore e il personale esiguo è composto principalmente da giovani precari. Il rischio che si corre è quello di scoprire il fianco ai ricorsi dei camici bianchi che non riescono a rispettare i periodi di riposo tra un turno e l’altro.

Dottor Romeo, si parla da tempo di eliminare il blocco del turn over e riprendere con le assunzioni e, in questo senso, gli sforzi fatti sono stati numerosi. Potrebbe dirci qual è invece la situazione attuale?

«Purtroppo lavoro in un ospedale dove dal 2008 c’è stata un’interruzione nell’acquisizione di personale, e io che ho un personale giovane senza turn over mi trovo con un numero di cardiologi che viene considerato assolutamente ridicolo rispetto alla mole di lavoro che abbiamo ma noi lo facciamo. Ovviamente c’è un problema di frazionalizzazione perché ci sono altri ospedali che hanno il triplo del mio personale medico, quindi c’è ancora una vecchia pletora di medici. Assistiamo quindi ad una grave disorganizzazione e ad un mancata frazionalizzazione. E poi il problema dell’assunzione dei giovani non è da meno. È triste vedere tanti giovani che sono in una situazione precaria dopo cinque, sei o sette anni. Questo non crea quello spirito di collaborazione e di impegno che è fondamentale nella sanità. Sono giovani che vengono pagati ugualmente ma vivono in una situazione precaria che gli impedisce, ad esempio, di accedere ad un mutuo. Questa è una situazione drammatica, non si può fare finta di nulla e non si può non fare qualcosa per risolvere questi problemi».

Tra l’altro il numero di medici è, nel vostro caso, fermo dal 2008 mentre l’impegno è sempre più gravoso. Sappiamo che il medico non si tira mai indietro quindi fa turni doppi o tripli non è vero?

«Sicuramente il numero dei medici è rimasto lo stesso ma la nostra attività si è almeno quintuplicata, quindi immagini che cosa significhi e quanto sia difficile. In più, oggi per le norme europee ci sono dei limiti molto stretti e rischiamo di andare incontro alle rivalse da parte dei medici stessi nell’organizzazione dei turni. Perciò dobbiamo rispettare dei periodi di riposo tra un turno e un altro, altrimenti diventa una situazione impossibile».

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per il fondo sanitario solo 1 mld in più nel 2019. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno di corso»
A margine della presentazione dell’operazione “Estate tranquilla 2018” dei NAS, il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione sarà graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Ci vuole una programmazione più lunga, non è pensabile esaurire un intero programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila