Lavoro 19 Settembre 2016 12:29

Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»

Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale

Il numero dei medici non cambia ma il lavoro è quintuplicato. Per questo molti camici bianchi si trovano costretti ad aumentare la mole del proprio lavoro per far fronte alla ormai cronica carenza di personale. Il dottor Franco Romeo, dell’Università degli Studi di Tor Vergata, intervenuto nel corso del congresso Esc (il prestigioso incontro degli iscritti alla European Society of Cardiology), ai nostri microfoni parla della difficile situazione in cui versa la realtà in cui lavora, dove l’impegno lavorativo richiesto è sempre maggiore e il personale esiguo è composto principalmente da giovani precari. Il rischio che si corre è quello di scoprire il fianco ai ricorsi dei camici bianchi che non riescono a rispettare i periodi di riposo tra un turno e l’altro.

Dottor Romeo, si parla da tempo di eliminare il blocco del turn over e riprendere con le assunzioni e, in questo senso, gli sforzi fatti sono stati numerosi. Potrebbe dirci qual è invece la situazione attuale?

«Purtroppo lavoro in un ospedale dove dal 2008 c’è stata un’interruzione nell’acquisizione di personale, e io che ho un personale giovane senza turn over mi trovo con un numero di cardiologi che viene considerato assolutamente ridicolo rispetto alla mole di lavoro che abbiamo ma noi lo facciamo. Ovviamente c’è un problema di frazionalizzazione perché ci sono altri ospedali che hanno il triplo del mio personale medico, quindi c’è ancora una vecchia pletora di medici. Assistiamo quindi ad una grave disorganizzazione e ad un mancata frazionalizzazione. E poi il problema dell’assunzione dei giovani non è da meno. È triste vedere tanti giovani che sono in una situazione precaria dopo cinque, sei o sette anni. Questo non crea quello spirito di collaborazione e di impegno che è fondamentale nella sanità. Sono giovani che vengono pagati ugualmente ma vivono in una situazione precaria che gli impedisce, ad esempio, di accedere ad un mutuo. Questa è una situazione drammatica, non si può fare finta di nulla e non si può non fare qualcosa per risolvere questi problemi».

Tra l’altro il numero di medici è, nel vostro caso, fermo dal 2008 mentre l’impegno è sempre più gravoso. Sappiamo che il medico non si tira mai indietro quindi fa turni doppi o tripli non è vero?

«Sicuramente il numero dei medici è rimasto lo stesso ma la nostra attività si è almeno quintuplicata, quindi immagini che cosa significhi e quanto sia difficile. In più, oggi per le norme europee ci sono dei limiti molto stretti e rischiamo di andare incontro alle rivalse da parte dei medici stessi nell’organizzazione dei turni. Perciò dobbiamo rispettare dei periodi di riposo tra un turno e un altro, altrimenti diventa una situazione impossibile».

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
Numero chiuso, valorizzazione del medico, commissione Covid: parla Andrea Crisanti
Il senatore dem attacca: «Tasso di mortalità elevato perché alcune regioni hanno remato contro le decisioni del governo, ben venga commissione d’inchiesta». Per i medici chiede di rivedere il ‘tetto salariale’ e di essere più flessibili con l’età pensionistica: «Spesso vanno in pensione colleghi al top della loro carriera e professionalità. Perdiamo delle eccellenze e le regaliamo al privato»
Salute, Regimenti (FI-PPE): «La sanità del futuro si progetta e nasce al Parlamento europeo»
«Occorre una politica della salute europea che superi i confini nazionali» ribadisce l'europarlamentare azzurra nel corso di un convegno a Strasburgo nel corso del quale hanno partecipato anche la presidente del Parlamento Ue, Roberta Metsola, il vicepresidente del Ppe, Antonio Tajani e il presidente nazionale dell’ordine dei medici e chirurghi, Filippo Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni