Lavoro 5 Ottobre 2021 11:10

«Per il 118 servono le competenze di medici e infermieri ospedalieri». Vergallo (Aaroi-Emac) spiega le ragioni della Carta di Riva del Garda

«L’estromissione degli ospedalieri dall’emergenza-urgenza extra ospedaliera è scandalosa», spiega il Presidente degli anestesisti rianimatori, che chiede la revisione del DM 70 per aumentare i mezzi di soccorso demedicalizzati

di Francesco Torre
«Per il 118 servono le competenze di medici e infermieri ospedalieri». Vergallo (Aaroi-Emac) spiega le ragioni della Carta di Riva del Garda

«Un fronte opposto al nostro sta cercando di sdoganare il servizio 118 nella sua interezza e addirittura punta a farlo diventare una sorta di succedaneo della continuità assistenziale. Questo ci fa salire sulle barricate». Con la sua consueta schiettezza, Alessandro Vergallo, presidente del sindacato degli anestesisti rianimatori Aaroi-Emac, spiega le ragioni del no alla riforma del sistema di emergenza urgenza presentata dalla senatrice del MoVimento 5 stelle Maria Domenica Castellone che invece raccoglie il plauso della Sis 118 di Mario Balzanelli e della FNOMCeO.

Un duello che si è riproposto dopo la firma della Carta di Riva del Garda, città scelta per il 2° Congresso Nazionale Emergenza Urgenza, dove Vergallo, insieme alla FNOPI, a Nursing Up, Croce Rossa italiana, Siaarti, Siems, Simeu e altre realtà associative, ha sottoscritto un documento che spiega come dovrebbe evolvere l’area dell’emergenza urgenza.

«Inaccettabile estromettere ospedalieri dal 118»

«Noi intendiamo il sistema 118 come un soccorso che di fatto è ospedaliero – spiega Vergallo a Sanità Informazione -. Attraverso il 118 noi portiamo sul territorio tecnologie, attrezzature e competenze professionali che sono tipicamente ospedaliere. Da questo deriva il fatto che per noi le figure sanitarie coinvolte in questo sistema, quindi medici e infermieri, devono essere professionalità che hanno un contratto di lavoro pubblico, per quanto riguarda la parte medica afferente il contratto collettivo nazionale dei medici ospedalieri».

Il presidente Aaroi-Emac respinge al mittente l’idea in base al quale dal nuovo Set 118 andrebbero estromessi completamente gli specialisti ospedalieri lasciando spazio ai medici di medicina generale. Un’ipotesi che divide Vergallo sia dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli che dal Ddl presentato dalla senatrice Castellone.

«Per dare un’idea – continua Vergallo – in alcune Regioni avviene che il medico che lavora nel Set 118 sia proveniente dalla formazione della medicina di famiglia e afferisca a un settore dell’accordo collettivo nazionale della medicina di famiglia in quanto convenzionato. Mentre al contempo, l’infermiere che lavora con lui è un professionista che afferisce a un contratto di lavoro pubblico. Una discrasia che crea confusione».

«Rivedere il DM 70: aumentare mezzi di soccorso con il solo infermiere»

Secondo Vergallo, è necessario rivedere il DM 70 e consentire un nuovo equilibrio tra mezzi di soccorso medicalizzati e infermierizzati, aumentando quelli con solo infermiere a bordo. «L’evoluzione sia tecnologica sia professionale della figura infermieristica comporta la necessità di rivedere questo numero riducendo il soccorso dei mezzi medicalizzati – spiega il leader sindacale degli anestesisti-rianimatori -. Non si tratta di una demedicalizzazione del sistema ma semplicemente di un suo riassetto. Un medico qualificato a bordo rende il 118 più qualificato. Ma la frequenza delle chiamate dove è indispensabile un medico qualificato non è la maggioranza. E sarebbe preferibile un mezzo con un infermiere proveniente dalle aree che afferiscono alle due aree disciplinari mediche, cioè anestesia-rianimazione e emergenza-urgenza piuttosto che da un’area che non ha nulla a che fare con l’emergenza urgenza. Questo riguarda sia i medici di famiglia sia gli altri medici ospedalieri».

Nonostante i fischi al Ddl della senatrice Castellone arrivati a Riva del Garda, Vergallo assicura di essere disposto a sedersi al tavolo per un confronto costruttivo: «Siamo disponibili a confrontarci con tutte le parti politiche interessate alla riforma» spiega conciliante, anche se poi sottolinea: «L’estromissione degli ospedalieri dall’emergenza-urgenza extra ospedaliera è ancora più scandalosa in alcune delle cosiddette linee guida per l’elisoccorso. Una società che ha nome SIS 118 recentemente ha emanato delle linee guida sull’elisoccorso prevedendo che per fare soccorso ci vuole il patentino dell’ACN della medicina generale. Questo non è accettabile».

«PNRR insoddisfacente per l’ospedale»

Poi Vergallo spiega perché il PNRR non è soddisfacente sul rilancio della medicina ospedaliera: «Si sta puntando molto sulla riforma della medicina territoriale ma sull’ospedaliera non vediamo grandi spunti di implementazione in un momento in cui dovranno essere recuperate una serie di prestazioni saltate per il Covid. Servirebbe però una riforma di sistema più che una implementazione economica, perché la difficoltà della medicina del territorio si è poi riversata sull’ospedale. Le difficoltà sono legate a come è costruito il sistema più che alla dotazione di uomini e mezzi».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lavoro Usurante, apprezzamento AAROI-EMAC per le parole del Ministro Speranza
L'AAROI-EMAC (Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica) accoglie positivamente le parole di Speranza «sulla richiesta inviata al Ministro del Lavoro Andrea Orlando di estendere le tutele e le agevolazioni previdenziali previste per i lavori usuranti ai professionisti sanitari che svolgono la loro attività nei servizi di emergenza-urgenza e nei pronto soccorso»
Pediatri, medici del 118, guardie mediche: la carenza di camici bianchi investe il Molise
Nella regione si registra una grave carenza di pediatri ospedalieri e il Punto nascite di Isernia rischia di chiudere. Crudele (OMCeO Isernia): «Non bisogna fare avvisi per sei mesi a tempo determinato, ma concorsi che diano una stabilità». De Gregorio (OMCeO Campobasso): «La coperta è corta, abbiamo troppe sedi di guardia medica»
di Francesco Torre
Emergenza-urgenza, arriva la riforma: dipartimento integrato e contratto unico per una gestione uniforme in tutta Italia
La pdl, firmata dai deputati Bologna, Marin e Mugnai, prevede la creazione del medico unico dell’emergenza e istituisce le figure del personale soccorritore e dell'autista soccorritore
di Francesco Torre
Capodanno 2022. Ecco come il SIS 118 si prepara ad affrontare la notte più “lunga” dell’anno
Balzanelli (SIS 118): «Gli “incidenti” post veglione, fatta eccezione per il Capodanno 2021, continuano ad aumentare di anno in anno. Disposto un incremento di personale e mezzi di soccorso»
Covid, anestesisti sul piede di guerra: «Pronti a protestare contro l’aumento di posti in TI senza personale»
Vergallo (AAROI – EMAC): «Scaricare di nuovo l’emergenza sugli ospedali è un gioco al massacro a cui non ci presteremo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...