Lavoro 9 Dicembre 2020 09:00

Pa, oggi lo sciopero nazionale dei lavoratori pubblici. A Roma il presidio al Ministero

Cgil Cisl Uil: «Grande adesione e servizi essenziali assicurati. Anche chi era a lavoro ha protestato. Per rinnovare la Pa servono assunzioni, sicurezza, stabilizzazioni e rinnovo dei contratti»

Pa, oggi lo sciopero nazionale dei lavoratori pubblici. A Roma il presidio al Ministero

«Per uscire dall’emergenza e tornare a crescere serve una pubblica amministrazione diversa: innovativa, veloce e vicina ai cittadini. Per farlo bisogna fare assunzioni, garantire sicurezza, stabilizzare i precari e rinnovare i contratti. E bisogna farlo subito, con questa legge di bilancio». Parlano dal presidio organizzato a Palazzo Vidoni, Giancarlo Cenciarelli, Roberto Chierchia, Sandro Bernardini e Maurizio Narcisi, segretari generali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio, Uil Fpl Roma e Lazio e Uil Pa Roma e Lazio. Dalla sede del Ministero della Pubblica Amministrazione sotto cui i dipendenti pubblici di tutta Italia hanno incrociato le braccia.

Grande adesione: “Non mi fermo ma protesto”

«Una grande adesione allo sciopero dei lavoratori pubblici insieme a Cgil Cisl e Uil – hanno dichiarato i segretari -. Una bellissima piazza, nonostante le restrizioni anti-Covid. E anche nei posti di lavoro, dove i servizi essenziali sono stati assicurati, chi era in servizio ha protestato indossando l’adesivo “non mi fermo, ma protesto”, dichiarano i segretari di categoria in attesa dei dati ufficiali».

«È il segno che la misura è colma e che senza una presa di responsabilità da parte del governo e di un intervento incisivo delle Regioni, si rischia grosso: dagli organici all’osso alla scarsa sicurezza sul lavoro, dallo smart-working ridotto a telelavoro alla digitalizzazione a rilento, dai salari più bassi d’Europa alla riorganizzazione mancata, lavoratori, cittadini e imprese chiedono risposte immediate».

Mancano 10mila operatori solo in Lazio

«Solo nella sanità del Lazio, nonostante i nuovi inserimenti, mancano 10mila operatori. Servono assunzioni, innesti di nuove professionalità e valorizzazione di quelle in servizio anche attraverso la formazione», hanno aggiunto Cenciarelli, Chierchia, Bernardini e Narcisi. «Senza contare che in questi anni troppo spesso si è fatto ricorso ai contratti a termine e alle altre forme di lavoro atipico. La Pubblica amministrazione italiana conta 170mila precari, tanto che la Commissione europea ha aperto una procedura di infrazione. Nei piccoli e medi comuni e in particolare nel settore educativo-scolastico, senza l’apporto di questi lavoratori si metterebbero a rischio i servizi. Così come nella sanità, visto che il Ssr del Lazio per funzionare conta su quasi un 10% di contratti a tempo determinato, somministrati e partite Iva».

«I contratti di sanità, funzioni centrali e funzioni locali sono scaduti da due anni. La pandemia ha dimostrato che il lavoro pubblico è essenziale per il Paese e che occorre rinnovare e rilanciare i servizi pubblici per cittadini e imprese. Per questo pretendiamo più risorse per i contratti di tutti i lavoratori pubblici. Servono investimenti nelle persone, nell’organizzazione, nei processi di lavoro, nei dispositivi e nei protocolli di prevenzione e protezione», hanno rimarcato i segretari. «Riorganizzare e valorizzare il lavoro per rendere la Pa più forte nella difesa contro la pandemia e per farne il vero volano della crescita economica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Fp Cgil in piazza: «Con fondi europei diamo vita ad un new deal per la salute»
Il Piano di riforma del servizio socio-sanitario è stato presentato oggi a Roma dal Segretario Maurizio Landini al Ministro della Salute Speranza
Sanità privata, Aris e Aiop dicono sì al rinnovo del contratto. Sindacati: «Ora firma definitiva»
Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl: «Vigileremo su applicazione di tutte le previsioni del nuovo Ccnl». Ministro Speranza: «Persone risorsa più importante per Ssn»
Cgil, Cisl e Uil Fp: «Sì a potenziare Ssn con infermiere di famiglia e comunità»
Dai sindacati l'invito a chiarire come funzionerà l'inserimento dell'Ifc e a valorizzare tutte le figure professionali coinvolte nelle attività territoriali
Filippi (Fp Cgil Medici): «Bene investimenti, ma ora serve un’idea innovativa di cambiamento dei servizi»
È innegabile come gli ultimi due decreti del Governo, “Cura Italia” e “Rilancio”, sanciscano un vero e proprio cambio di rotta in termini di risorse destinate al Fondo Sanitario Nazionale rispetto agli ultimi 20 anni, caratterizzati da un progressivo definanziamento sui servizi e sul personale. Se da un punto di vista strettamente quantitativo registriamo per […]
di Andrea Filippi, Segretario Nazionale Fp Cgil Medici e Dirigenti SSN
Giornata donne nella scienza, Fp Cgil: «Servono riconoscimenti professionali e di carriera»
«Permangono discriminazioni, da rinnovo contratto medici prime risposte»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 maggio, sono 158.957.229 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.303.877 i decessi. Ad oggi, oltre 1,30 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco