Lavoro 10 Febbraio 2015

Orari di lavoro, quei turni insostenibili che fanno male al medico e al paziente

Ma ora sono le aziende a spingere i dipendenti a fare ricorso contro lo Stato per la violazione della direttiva europea 2003/88. Lo sfogo dei camici bianchi

Immagine articolo

I medici italiani sottoposti a turni massacranti hanno un nuovo alleato. Cresce infatti il numero di aziende sanitarie che spingono i propri camici bianchi a ricorrere per ottenere il rispetto della direttiva europea 2003/88.

Le azioni legali organizzate per il riconoscimento del giusto rimborso per le ore di lavoro in più, infatti, vedono sul banco degli imputati lo Stato, e non le aziende, le quali sono anzi danneggiate dalla mancanza di personale e dall’eccessivo lavoro cui vengono sottoposti i propri dipendenti. Sul questo tema, Sanità Informazione ha intervistato il dottor Stefano Cappato, specializzato in Chirurgia Generale.

I turni di lavoro massacranti sono un’altra forte criticità per la vostra categoria, oltre che un tema su cui l’Unione europea bacchetta l’Italia.
Sì, per tantissimi anni non abbiamo potuto giovare di riposi adeguati né di orari di lavoro che tenessero conto da un lato dell’esigenza dei pazienti e dall’altro delle nostre capacità di recupero. Speriamo che, anche attraverso campagne pubbliche di informazione e la possibilità per i danneggiati di ottenere un riconoscimento economico, in Italia la situazione cambi davvero e in modo permanente, soprattutto nell’interesse del paziente.

Le istituzioni si stanno allarmando e presto ci si adeguerà alle normative europee. Intanto però questo resta un problema, sofferto sia dalla classe medica sia, di riflesso, dai cittadini.
Sicuramente. Il problema è l’impossibilità, per il medico, di avere un minimo di riposo tra i turni per garantire al paziente uno standard qualitativo costante. E’ una problematica che spesso non dipende dalle aziende, che a loro volta subiscono imposizioni regionali o statali. Purtroppo l’Italia è, come al solito, il fanalino di coda nell’adeguamento alle normative europee. Anche in Inghilterra c’era un problema di turnistica massacrante, che ha generato una profonda disaffezione per gli studi in Medicina, e di conseguenza una grave carenza di personale. Speriamo che l’Italia, invece, adeguandosi faccia capire agli studenti che la nostra professione non è usurante, ma estremamente soddisfacente.

Lei ha giustamente sottolineato che l’eventuale azione legale non è contro le aziende ma contro lo Stato. Le aziende anzi sono spesso al fianco del medico per sostenerlo in questo percorso. Un problema legato a quello delle controversie, spesso pretestuose, tra medico e paziente.
La conflittualità si esaspera nel momento in cui c’è un difetto di comunicazione tra medico e paziente, che si amplifica quando il medico è stanco e ha un carico da lavoro da portare a termine in un lasso di tempo limitato, con poco tempo per ascoltare il paziente. Nonostante la professionalità del medico, questi sono appunto fattori che creano forti divergenze.

Per ulteriori informazioni è disponibile il sito www.consulcesi.it  ed il numero verde 800.189.091

Articoli correlati
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...