Lavoro 17 giugno 2014

Obbligo di POS: arriva DoctorPay

Consulcesi, “Una linea condivisa con i medici di tutta Italia”

Immagine articolo

La soluzione per affrontare di petto l’obbligo per i professionisti sanitari di accettare pagamenti con carte di credito o bancomat per cifre superiori ai 30 euro – in vigore a partire dal prossimo primo luglio – e per rendere le transazioni effettuate tramite POS più facili, sicure e veloci, sembra essere a portata di mano.

Parliamo di DoctorPay, un’applicazione mobile – prodotta da Moneynet e approvata da Consulcesi, la realtà leader in Italia e tra le principali a livello internazionale in campo medico – attraverso cui è possibile gestire le transazioni in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, in assoluta tranquillità. Sarà sufficiente avere a disposizione una connessione Bluetooth per collegare il dispositivo al proprio smartphone o al tablet.

Ci siamo impegnati fortemente – commenta Edoardo Pantano, Vicepresidente di Consulcesi– a cercare una soluzione condivisa con il mondo medico, chiedendo ai nostri 50mila camici bianchi cosa pensassero di questa problematica e quali fossero, a parer loro, le possibili soluzioni da adottare. Sentita la loro voce abbiamo tracciato una linea condivisa tra tutti, e che quindi non ci è stata imposta dall’alto. Abbiamo voluto metterci vicino al medico per offrirgli una soluzione che rispondesse effettivamente alle sue vere esigenze”.

DoctorPay offre molti servizi. Grazie ad esso è infatti possibile consultare in qualsiasi momento l’anagrafica del paziente, l’archivio delle transazioni effettuate e, non da ultimo, gestire fatturazione e contabilità. Il tutto senza canone, senza spese di attivazione e con la garanzia di transazioni sicure. In aggiunta, è presente anche l’assistenza continua da parte di Moneynet,  che provvederà alla consegna del device entro pochi giorni dall’accettazione.

 

Si tratta di una soluzione – prosegue Pantano – studiata ancora una volta nell’ottica di mettere il medico al centro dei nostri servizi, accompagnandolo per mano nel processo di innovazione che vive il mondo della sanità, garantendo  sempre il top sul piano della tutela del professionista. Ringrazio gli OMCeO, gli Enti e le Associazioni convenzionate che, attraverso gli accordi stipulati, permettono sempre ai propri iscritti di accedere alle soluzioni individuate, a condizioni agevolate”.

Per informazioni e chiarimenti, oltre 350 consulenti sono a disposizione gratuitamente e senza impegno al numero verde 800.088.211 e sul sito internet www.doctorpay.it.
Articoli correlati
Obbligo di Pos: nuove tecnologie ed App ancora meglio delle contromisure
Restano le soluzioni con le condizioni più vantaggiose mentre il Governo pensa a sanzioni ed incentivi e nonostante la riduzione dei costi di commissione
In arrivo le sanzioni per far rispettare l’obbligo di Pos 
Si pensa anche ad incentivi per spingere i professionisti ad adeguarsi alla legge
Criticato e non rispettato. Ma con l’obbligo di Pos si combatte l’evasione
Cresce l'esigenza di introdurre le sanzioni non previste dalla legge e le nuove tecnologie offrono già soluzioni per superare le criticità
Obbligo di POS: i medici di famiglia si adeguano alla legge grazie alle nuove tecnologie 
Il segretario della FIMMG Lazio, Bartoletti: "DoctorPay soluzione innovativa, intelligente, senza canone e costi per l'apparecchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...