Lavoro 7 aprile 2015

Numero chiuso: il MIUR svela le date, gli studenti chiedono il bando

L’8 settembre la prova per l’accesso a Medicina. Attesa per il decreto che definirà modalità d’accesso e contenuti della prova

Immagine articolo

L’attesa è finita: chi ha deciso di diventare medico dovrà cerchiare sul calendario la data dell’8 settembre. Il MIUR ha ufficializzato il calendario per l’accesso ai corsi di laurea rimasti – tra polemiche, annunci e dietrofront – ancora a numero chiuso.

Le prove di Medicina e Chirurgia e di Odontoiatria e Protesi Dentaria si svolgeranno l’8 settembre; esattamente come aveva anticipato il Ministro all’Istruzione Stefania Giannini durante uno degli ultimi Question Time alla Camera. Gli studenti, però, non sono ancora soddisfatti e attendono la pubblicazione del bando per il 2015. In una postilla della nota attraverso cui sono state annunciate le date, il MIUR ha scritto che “le modalità ed i contenuti della prova saranno definiti con successivo decreto”. Dunque per conoscere gli argomenti delle domande delle prove d’accesso, le scadenze per iscriversi e le modalità di funzionamento della graduatoria, occorrerà ancora attendere. Nello specifico, il calendario completo delle prove si aprirà  il 4 settembre con le Professioni Sanitarie. Cinque giorni dopo (e quindi il 9) sarà la volta di Medicina veterinaria; per il 16 è stato invece fissato il test di Medicina e Chirurgia in lingua inglese.

Fari puntati ad ogni modo soprattutto sul test di Medicina dell’8 settembre. L’idea di rivedere il numero chiuso, rifacendosi al modello francese con accesso libero a tutti e uno sbarramento alla fine del primo anno, è stata accantonata. L’intenzione però è quella di migliorare, dove possibile, il sistema vigente. Gli obiettivi sono sostanzialmente due: rivedere i criteri di selezione ed evitare l’ormai consueta valanga di ricorsi che solo lo scorso anno ha generato oltre 5mila iscrizioni in sovrannumero, scatenando l’ira dei rettori. E proprio i rettori saranno chiamati a collaborare, con l’istituzione di un tavolo ad hoc, per far sì che la scrematura avvenga attraverso un test con meno domande di cultura generale, tendente a premiare maggiormente le competenze scientifiche. Va evidenziato che lo scorso anno per i 10mila posti a disposizione si erano presentati alle prove più di 60mila aspiranti matricole.

Nonostante le tante tegole sul capo dei medici e le difficoltà oggettive legate alla professione, arrivare ad indossare il camice bianco rappresenta ancora il sogno di tanti giovani. Ma farcela è sempre più difficile. Una volta terminato il percorso accademico, anche la scuola di specializzazione è un campo minato. Anche in questo ambito c’è una riforma in fieri per garantire maggiore qualità sia nel percorso formativo che nella selezione dei candidati. Senza sottovalutare la necessità di trovare modalità d’accesso che garantiscano regolarità e trasparenza al fine di evitare un altro pasticcio come quello dell’ottobre dello scorso anno, che ha portato ad una valanga di ricorsi ed ora ad una sfilza di riammissioni fino al “caso pilota” delle ultime ore.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi
Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esame non piace a nessuno: si muove anche il Parlamento. Irregolarità e ricorsi: migliaia di studenti vanno in tribunale
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»
Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi
di Serena Santi e Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...