Lavoro 2 Settembre 2019

Non specializzati in corsia, società mediche bocciano la delibera della Regione Veneto

«La delibera preoccupa particolarmente in quanto esprime una visione semplicistica e pseudologica dei problemi sanitari», dichiarano in una nota congiunta i presidenti Simi (Società italiana di medicina interna), Simeo (Società di medicina emergenza-urgenza) e Sigg (Società di gerontologia e geriatria)

Immagine articolo

La delibera della Regione Veneto che prevede di assumere 500 medici non specializzati e di formarli con un corso di 92 ore e un tirocinio di due mesi, per poi assumerli nei Pronto soccorso e nei reparti di geriatria, si basa su una «palese mispercezione del fabbisogno formativo e del patrimonio culturale e prassico di uno specialista di area medica», è «in contrasto con la legislazione di riferimento europeo» e crea tutta una serie di problemi. Ad esempio, l’aumento del rischio di errori e quindi di contenziosi, con un conseguente aumento delle tariffe assicurative per i medici. Lo sostengono in un comunicato congiunto il presidente nazionale Simi (Società italiana di medicina interna), Antonello Pietrangelo, il presidente nazionale Simeu (Società di medicina emergenza-urgenza), Francesco Pugliese Incalzi e il presidente nazionale Sigg (Società di gerontologia e geriatria) Raffaele Antonelli.

«La delibera preoccupa particolarmente in quanto esprime una visione semplicistica e pseudologica dei problemi sanitari, avvilendo la formazione specialistica dell’area medica, sostanzialmente negandone la necessità, quasi che si trattasse di una pretesa accademica e non del percorso riconosciuto in tutto il mondo civile come l’unico in grado di garantire l’operatività di un, internista, geriatra o urgentista», scrivono i tre presidenti.

LEGGI: VENETO, SCONTRO BURIONI-ZAIA SU NEOLAUREATI IN CORSIA. A SETTEMBRE “PROPOSTA STRONG” SU CARENZA MEDICI

«Tralasciando i profili di illegalità di una simile delibera, palesemente in contrasto anche con la legislazione di riferimento europeo, si giungerebbe così alla coesistenza di specialisti e pseudospecialisti, si moltiplicherebbero errori medici e conseguenze umane ed economiche dei medesimi, si arrecherebbe globalmente un danno economico al Sistema sanitario nazionale, oltre a screditarne notevolmente l’immagine. Ma, di più, si violerebbe la Costituzione che tutela il diritto alla salute come universale: sarebbe invece preservato in modo casuale in rapporto a chi dispenserà l’assistenza medica».

Ciò detto, «si prende atto della fattiva volontà della Regione Veneto, in mancanza di risposte convincenti da parte delle Istituzioni nazionali, di affrontare la grave situazione della carenza di medici, e ci si compiace dell’implicito riconoscimento dell’assoluta necessità di reclutare soprattutto specialisti internisti, geriatri e urgentisti», ammettono Pietrangelo, Pugliese Incalzi e Antonelli, che chiedono al ministero dell’Istruzione, al ministero della Salute e alla conferenza Stato Regioni di adeguare il numero di borse di specializzazione, alle scuole di specializzazione di promuovere percorsi formativi e professionalizzanti per gli specializzandi coinvolgendo anche gli ospedali non universitari, e alla conferenza dei rettori e delle università italiane e la conferenza dei presidenti dei Clm di medicina e chirurgia, di collaborare per rimodulare il percorso formativo pre laurea, «rendendo centrale l’acquisizione di competenze sul malato complesso».

Articoli correlati
Test di Medicina, il rettore Luigi Dei (UniFi): «Laureati troppo vecchi a causa dell’imbuto formativo»
Il doppio imbuto formativo, all’ingresso e a metà percorso «ci porta ad avere dei medici con età media in ingresso professione troppo alta rispetto all’Europa», spiega il rettore dell’Università di Firenze, Luigi Dei che commenta il tanto discusso numero chiuso
«Mancano internisti, geriatri e urgentisti: i sostituti non si improvvisano»
di Antonello Pietrangelo (Presidente nazionale SIMI), Francesco Pugliese (Presidente nazionale SIMEU) e Raffaele Antonelli Incalzi (Presidente nazionale SIGG)
di di Antonello Pietrangelo (SIMI), Francesco Pugliese (SIMEU) e Raffaele Antonelli Incalzi (SIGG)
Carenza medici, Veneto assume 500 neolaureati. FNOMCeO e sindacati all’attacco: «Così si svilisce professione e si abbassa la qualità delle cure»
La Giunta guidata da Luica Zaia ha deliberato l’assunzione di 500 giovani medici, laureati e abilitati, ma non ancora in possesso della specializzazione: sarà sufficiente la frequentazione di un corso. Anaao Assomed annuncia l’impugnazione del provvedimento. Anelli: «Con il pretesto dell’emergenza si mandano allo sbaraglio professionisti con minori competenze»
Patto per la Salute, Lanzarin (Veneto) con Grillo: «Finanziamento non può essere a rischio»
Una distensione, quella tra Ministero e Conferenza delle Regioni, che sembrava già essere nell’aria, come dimostrano le parole dell’assessore alla Sanità Regione Veneto, Manuela Lanzarin: «Il finanziamento della sanità non può essere a rischio, perché stiamo parlando della salute dei cittadini»
Contratto medici, sentenza Corte costituzionale: «Oneri contrattazione collettiva sono a carico delle regioni»
La Consulta ha respinto il ricorso del Veneto per l'assistenza in favore dell’autonomia degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali