Lavoro 2 Settembre 2019

Non specializzati in corsia, società mediche bocciano la delibera della Regione Veneto

«La delibera preoccupa particolarmente in quanto esprime una visione semplicistica e pseudologica dei problemi sanitari», dichiarano in una nota congiunta i presidenti Simi (Società italiana di medicina interna), Simeo (Società di medicina emergenza-urgenza) e Sigg (Società di gerontologia e geriatria)

Immagine articolo

La delibera della Regione Veneto che prevede di assumere 500 medici non specializzati e di formarli con un corso di 92 ore e un tirocinio di due mesi, per poi assumerli nei Pronto soccorso e nei reparti di geriatria, si basa su una «palese mispercezione del fabbisogno formativo e del patrimonio culturale e prassico di uno specialista di area medica», è «in contrasto con la legislazione di riferimento europeo» e crea tutta una serie di problemi. Ad esempio, l’aumento del rischio di errori e quindi di contenziosi, con un conseguente aumento delle tariffe assicurative per i medici. Lo sostengono in un comunicato congiunto il presidente nazionale Simi (Società italiana di medicina interna), Antonello Pietrangelo, il presidente nazionale Simeu (Società di medicina emergenza-urgenza), Francesco Pugliese Incalzi e il presidente nazionale Sigg (Società di gerontologia e geriatria) Raffaele Antonelli.

«La delibera preoccupa particolarmente in quanto esprime una visione semplicistica e pseudologica dei problemi sanitari, avvilendo la formazione specialistica dell’area medica, sostanzialmente negandone la necessità, quasi che si trattasse di una pretesa accademica e non del percorso riconosciuto in tutto il mondo civile come l’unico in grado di garantire l’operatività di un, internista, geriatra o urgentista», scrivono i tre presidenti.

LEGGI: VENETO, SCONTRO BURIONI-ZAIA SU NEOLAUREATI IN CORSIA. A SETTEMBRE “PROPOSTA STRONG” SU CARENZA MEDICI

«Tralasciando i profili di illegalità di una simile delibera, palesemente in contrasto anche con la legislazione di riferimento europeo, si giungerebbe così alla coesistenza di specialisti e pseudospecialisti, si moltiplicherebbero errori medici e conseguenze umane ed economiche dei medesimi, si arrecherebbe globalmente un danno economico al Sistema sanitario nazionale, oltre a screditarne notevolmente l’immagine. Ma, di più, si violerebbe la Costituzione che tutela il diritto alla salute come universale: sarebbe invece preservato in modo casuale in rapporto a chi dispenserà l’assistenza medica».

Ciò detto, «si prende atto della fattiva volontà della Regione Veneto, in mancanza di risposte convincenti da parte delle Istituzioni nazionali, di affrontare la grave situazione della carenza di medici, e ci si compiace dell’implicito riconoscimento dell’assoluta necessità di reclutare soprattutto specialisti internisti, geriatri e urgentisti», ammettono Pietrangelo, Pugliese Incalzi e Antonelli, che chiedono al ministero dell’Istruzione, al ministero della Salute e alla conferenza Stato Regioni di adeguare il numero di borse di specializzazione, alle scuole di specializzazione di promuovere percorsi formativi e professionalizzanti per gli specializzandi coinvolgendo anche gli ospedali non universitari, e alla conferenza dei rettori e delle università italiane e la conferenza dei presidenti dei Clm di medicina e chirurgia, di collaborare per rimodulare il percorso formativo pre laurea, «rendendo centrale l’acquisizione di competenze sul malato complesso».

Articoli correlati
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Duemila posti in più, fondo ad hoc e meccanismo ‘recupera-borse’: ecco la riforma delle specializzazioni e della laurea abilitante targata M5S
Il pentastellato Manuel Tuzi ha presentato alla Camera il testo. Tra le novità un fondo che avrà un iban pubblico finanziabile da soggetti privati, da medici, da enti, fondazioni e federazioni in maniera trasparente. «Serviva un intervento strutturale che aumentasse la capacità formativa degli atenei oltre le 11.500 unità» sottolinea il deputato M5S
Borse di specializzazione, quante saranno nel 2020? Facciamo chiarezza
Un mail bombing dell’associazione Giovani medici per l’Italia lancia l'allarme sul numero di contratti di specializzazione finanziati in Legge di Bilancio. Abbiamo chiesto chiarimenti a FederSpecializzandi
Manovra, mille borse di specializzazione in più. Novità per precari della sanità e fondo apparecchiature
La Commissione Bilancio ha approvato l’estensione del termine (dal 30 giugno 2019 al 31 dicembre 2019) in cui maturare i requisiti per la stabilizzazione. I fondi per le apparecchiature saranno estesi anche ai pediatri di liberi di scelta oltre agli MMG. Due milioni per il registro tumori
Legge di Bilancio | FederSpecializzandi, Sigm, Movimento Giotto e Aim: «Non bastano 900 borse in più, ne servono 2mila»  
Nell'appello la richiesta di «affiancare le Regioni nel processo di pianificazione del fabbisogno di medici in risposta al bisogno di salute della popolazione, e, dall’altro, potenziare il sistema di accreditamento delle Scuole di Specializzazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano