Lavoro 24 Novembre 2015 16:32

«Noi sempre in corsia. Il Paese ci riconosca il giusto valore, altrimenti andremo all’estero»

Una media settimanale di settanta ore, centinaia di giorni di ferie accumulate: i medici si sfogano scrivendo a redazione@sanitainformazione.it.

«Noi sempre in corsia. Il Paese ci riconosca il giusto valore, altrimenti andremo all’estero»

Lavoro in media sessanta ore, con punte di settanta, con straordinari regolarmente non retribuiti: è una pena, dobbiamo emigrare e mettere la nostra professionalità al servizio di un altro Paese che riconosca il giusto valore a quanto facciamo».


Questo è lo sfogo del dottor Stanislao D’Auria, neurochirurgo presso l’azienda ospedaliera Santa Maria della misericordia di Udine. È un problema che, da nord a sud, tocca tutti i medici italiani. Sono centinaia le voci che si affollano nella email di Sanità informazione, che da settimane – con la campagna #BastaTurniMassacranti – ha dato spazio ai medici italiani e alle loro storie. Ma questi turni massacranti finiranno con l’entrata in vigore della Legge 161/2014 che deve mettere fine alla violazione della direttiva europea 2003/88 sugli orari di lavoro? Perplessità, scetticismo, dubbi e testimonianze che raccontano l’ennesima violazione di un diritto. Voci e parole ora all’attenzione anche del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha chiesto al nostro giornale di poter leggere le segnalazioni di chi è in prima linea, per poter dare risposte concrete. Nel frattempo, però, si parte con due certezze: la carenza di personale che rende complicata la corretta turnazione e migliaia di ricorsi già avviati che espongono lo Stato al rischio di un altro salasso.

Per Claudio Merli, primario di una UO (Unità Operativa) multizonale di Anestesia Rianimazione, «per i piccoli ospedali si preannuncia una fine pressoché certa: i grandi terranno botta un po’ meglio, i piccoli, ripeto, non hanno risorse sufficienti e di certo queste non si troveranno in due settimane. Nel nostro caso, ad esempio, ci sono ospedaliere diverse e distanti tra loro. Complessivamente siamo in sette, con festività, reperibilità notturne e tutto il resto. Con questa legge e questi mezzi a disposizione, uno dei due ospedali dovrà di fatto chiudere, l’altro dovrà ridurre talmente l’attività, da perdere il significato stesso della sua esistenza. Questa la realtà incontestabile e sfido chiunque, Ministro in primo luogo, ad affermare il contrario».

Insieme alle domande arrivano soprattutto testimonianze dirette di turni massacranti: «Il problema è che lavorando 6 ore di pomeriggio, altre 12 di reperibilità la notte e aggiungendo un altro turno di 6 ore la mattina, si finisce col lavorare 24 ore continuativamente», spiega il dottor Nicola Gambardella, in forza all’ospedale di Taormina. «Ogni punto nascita – entra, invece, più nello specifico Antonella Amendola, prendendo ad esempio le strutture ospedaliere della Toscana, regione in cui lavora – dovrebbe avere il pediatra h24 e non in regime di reperibilità. Questo garantirebbe sicurezza ed eviterebbe situazioni in cui siamo costretti al turno pomeridiano, più la reperibilità e quindi un altro turno il giorno successivo». Situazione con molti punti di contatto con l’UO di Ostetricia e Ginecologia dell’Area Vasta 2 di Jesi – Osimo Regione Marche, dove ci sono «Dirigenti con centinaia di ore di straordinario e centinaia di giorni di ferie arretrate. Ma ci sono anche prescrizioni dal lavoro notturno per alcuni Dirigenti, con ricadute pesanti sui rimanenti, assenze di guardia h24 nel polo di Osimo con l’indicazione di chiudere il punto nascita, che comunque rimane attivo da anni: insomma nulla delle normative nazionali viene rispettato», fa notare Angelo Curatola che dirige l’Azienda in questione.

Significativo anche un altro aspetto, approfondito dalla dottoressa Simonetta Fabbri, che lavora a Bologna: «Nella realtà professionale in cui vivo, siamo in parecchi medici ad effettuare turni di guardia notturna e festivi in Ospedali accreditati con un compenso netto che è meno di quello di una badante. Ci siamo documentati a proposito e, con tutto il mio rispetto per le badanti, che svolgono comunque un lavoro utile, la responsabilità che ci viene richiesta non è pagata sufficientemente».

Questi sono solo alcuni dei numerosi messaggi arrivati a redazione@sanitainformazione.it, indirizzo al quale potete continuare a scriverci, anche per segnalarci cosa è successo veramente dopo il 25 novembre.

Articoli correlati
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
«Può un infermiere nel 2022 morire di turni massacranti?»
Il nostro sindacato chiede a tutti gli infermieri italiani, in tutti gli ospedali e in tutte le strutture private, da Nord a Sud, di osservare un minuto di silenzio e di raccoglimento. Gli infermieri possono morire a causa dei turni massacranti? La scomparsa della collega Sara Sorge, deceduta in un incidente mortale, sembrerebbe accertato, dopo […]
di Antonio De Palma, presidente Nursing Up
Covid-19, Consulcesi: «Operatori sanitari allo stremo, tra turni massacranti e minacce da no vax»
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi: «Da quando è scoppiata la quarta ondata siamo stati sommersi da segnalazioni da parte di operatori sanitari: doppi turni non retribuiti, pressioni e minacce da parte dei no vax. È inaccettabile e per questo il nostro servizio di consulenza legale gratuita a disposizione di tutti coloro che necessitano di supporto»
Turni massacranti, muore chirurgo dopo 12 ore di lavoro. Quici (Cimo-Fesmed): «Medici ostaggio degli ospedali»
«Non è il primo collega, purtroppo, e non sarà l’ultimo. I medici sono abbandonati dagli ospedali, non riescono ad avere un adeguato riposo e queste sono le tragiche conseguenze. Apriremo una vertenza sulle condizioni dei medici ospedalieri»
Migliaia di medici lasciano gli ospedali, nasce Osservatorio per la “Great Resignation” in sanità
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi: «Si aggrava il problema dei turni massacranti e sempre più operatori sanitari si dimettono. A rischio il futuro del nostro Servizio sanitario nazionale». Attivo numero verde per consulenze gratuite
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...