Lavoro 26 Agosto 2021 16:31

Nasce la Federazione Italiana Psicologi: «Un nuovo modo di mettere a sistema competenze per il benessere della comunità»

Il presidente Marenco: «La sofferenza psicologica non si urla in piazza, ecco perché è fondamentale che la psicologia sia prevenzione prima ancora che cura»

Nasce la Federazione Italiana Psicologi: «Un nuovo modo di mettere a sistema competenze per il benessere della comunità»

Una nuova realtà è nata nel panorama nazionale della psicologia, sotto la spinta dei drammatici eventi che hanno coinvolto il mondo intero nell’ultimo anno e mezzo e in cui l’Italia si è trovata travolta per prima tra i Paesi occidentali. Questa nuova realtà è la Federazione Italiana Psicologi (FIP), con lo scopo dichiarato di valorizzare e promuovere la psicologia e la professione di psicologo, favorendo la costituzione di reti di psicologi, associazioni e società che si occupano di psicologia. Ne abbiamo intervistato il presidente, Giancarlo Marenco.

Come e perché nasce la Federazione Italiana Psicologi?

«La FIP nasce dall’incontro di molti psicologi operanti in contesti e ambiti diversi e dalla comprovata esigenza di mettere a sistema una serie di obiettivi comuni per lo sviluppo della nostra professione. La pandemia, se in prima battuta ha coinvolto massivamente il personale sanitario specializzato in tutto ciò che riguarda la salute “fisica” della persona, d’altro canto ha evidenziato bisogni e difficoltà di tipo psicologico esasperati o in alcuni casi slatentizzati dalla situazione continuativa di enorme stress e sofferenza cui a vario titolo tutti noi siamo stati sottoposti. Durante il secondo lockdown la richiesta di assistenza psicologica, sia nel pubblico che nel privato, ha avuto un’impennata tra tutte le fasce d’età, ma soprattutto nella fascia preadolescenziale e in generale nell’età evolutiva. La Federazione ha l’obiettivo di fornire uno sguardo d’insieme a quelle che sono oggi le esigenze e le richieste di matrice psicologica nella nostra società.».

La pandemia che ruolo ha giocato per una nuova presa di coscienza dei reali bisogni psicologici?

«La sofferenza psicologica non si urla in piazza. Questo vale in generale ma è stato ancor più vero in pandemia, nelle situazioni di disagio strettamente legate a questo contesto: prendiamo ad esempio chi ha subìto una lunga quarantena, chi è rimasto solo avendo i familiari ricoverati o deceduti, chi ha perso il lavoro, il personale sanitario in burn-out… Purtroppo, il sostegno psicologico offerto in prima battuta da personale sanitario e USCA è stato carente, per mancanza di tempo e per la necessità impellente di insistere sul lato clinico. Questo ha avuto ovviamente un peso».

Quali sono i punti cardine nel Manifesto FIP?

«Innanzitutto che vengano attivate risposte ed azioni appropriate su più livelli (del singolo, delle organizzazioni, della comunità) in ogni ambito che richieda una chiave di lettura psicologica, con un dialogo attivo e costante con le altre professioni; una politica di prevenzione che riguardi non solo il settore sanitario ma tutti i contesti sociali: scuola, welfare, sport, formazione. Sul sostegno psicologico nelle scuole abbiamo investito particolarmente perché sappiamo quanto la DAD abbia inciso negativamente non solo sui discenti ma anche sul personale scolastico. Infine, il modello di salute a cui tendiamo è quello che considera la persona nella sua totalità e quindi anche il benessere psicologico. È importante che il lavoro dello psicologo non intervenga solo a bisogno conclamato, viceversa che sia parte integrante di un nuovo modo di intendere i concetti di prevenzione, salute e benessere. Un progetto su cui stiamo insistendo è l’inserimento di un supporto psicologico negli ospedali per i familiari dei ricoverati, indipendentemente dal Covid».

La misura del bonus psicologo 2021 come è vista dagli “addetti ai lavori”?

«Il bonus psicologo è stata una proposta ad opera proprio della nostra vicepresidente Elisabetta Camussi, all’epoca nella task force del governo Conte, all’interno del Piano Colao: l’assunto di partenza è che non sempre i servizi pubblici riescono a rispondere adeguatamente ai crescenti bisogni psicologici delle persone. Ben venga quindi dare la possibilità al cittadino che non può permettersi di rivolgersi al privato di usufruire di questo voucher che prevede una serie di incontri gratuiti con uno psicologo. Questa però resta una misura di emergenza, mentre è evidente che la vera svolta per il benessere psicologico della comunità passi per un potenziamento dei servizi pubblici di psicologia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Hurry sickness, il “mal di fretta” è una patologia o uno stile di vita?
Ne soffre il 95% dei manager. Lo psicoterapeuta: «La perdita di sonno, la mancanza di concentrazione e la costante sensazione che il tempo non sia mai abbastanza ci segnalano che qualcosa non va»
di Isabella Faggiano
Covid-19, Dad e generazioni perse, Sellini (AUPI): «Ormai non è più un’emergenza, servono provvedimenti strutturali»
Secondo il Segretario Generale dell’Associazione Unitaria Psicologi Italiani, gli stanziamenti previsti per gli psicologi nel Decreto Sostegni bis sono «una buona notizia ma rappresentano interventi parziali»
Europei, Lazzari (CNOP): «Vittoria Italia nutre speranza e prospettiva di ritorno alla normalità»
«La vittoria degli azzurri agli Europei di calcio, sul piano psicologico, nutre la speranza delle persone ed è un’affermazione della normalità, con la prospettiva di un ritorno a una dimensione meno emergenziale. Avvicina anche ad una situazione di ripartenza». Così David Lazzari, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli psicologi che aggiunge: «L’affermazione della nazionale di […]
Giornata mondiale del bacio, lo psicologo: «La pandemia ci ha privato del nostro alfabeto emotivo»
Michele Spaccarotella: «Quando tutto sarà finito torneremo a baciarci come prima, ma avremo bisogno di tempo per dimenticare restrizioni e timori»
di Isabella Faggiano
Al via i saldi estivi, ma quando lo shopping diventa una malattia?
Lo psicoterapeuta Claudio Dalpiaz, in un’intervista a Sanità Informazione, delinea l’identikit dello shopper compulsivo e offre consigli utili a coloro che, pur non avendo comportamenti patologici, vorrebbero utilizzare il portafogli in modo più consapevole. Dalla Flinders University le linee guida per diagnosi e trattamento dello shopping compulsivo
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...