Lavoro 1 Settembre 2021 17:00

Mmg dipendenti in Lombardia? «Una follia» ribatte la FIMMG

Si parla insistentemente di medici di famiglia dipendenti in Lombardia, ma potrebbe succedere davvero? Il “no” di FIMMG è piuttosto netto nelle parole della segretaria regionale, ecco perché

Mmg dipendenti in Lombardia? «Una follia» ribatte la FIMMG

Sono sempre più insistenti quelle voci che vorrebbero in Lombardia l’interessamento a proposte di «politici di spicco», per trasformare i medici di famiglia, oggi legati come tutti i colleghi al Servizio sanitario da una convenzione, in dipendenti. Definita “una follia” secondo la Federazione dei medici di medicina generale lombarda.

«Chiunque conosca il mondo delle cure primarie sa che una scelta di questo tipo determinerebbe un collasso di un sistema già in difficoltà e che richiede, invece, interventi seri di sostegno», ha spiegato il sindacato all’Adnkronos Salute. La segretaria regionale Paola Pedrini ha elencato le ragioni per le quali passare alla dipendenza significherebbe mettere a rischio il Sistema sanitario nazionale. Prima di tutto per il rapporto di fiducia tra mmg e paziente, stretto a filo doppio con la possibilità di libera scelta del cittadino. Possibilità che sono «già oggi rese difficili dalla carenza di medici di famiglia, che non sarebbero possibili in un regime di dipendenza. Prevedibile poi un aumento di contenziosi, conflittualità e peggioramento della qualità percepita».

Le ragioni del NO

Un rapporto di dipendenza, secondo FIMMG, «determinerebbe la necessità di fornire direttamente ai medici i mezzi di produzione (auto, locali, personale di studio, servizi, utenze, attualmente in carico al medico di famiglia) – secondo Pedrini – con una conseguente necessità di investimenti rilevanti, ben al di là di quelli previsti per le ‘case della comunità’, vista la necessità di mantenere la capillarità territoriale».

Servirebbe poi un ulteriore aumento di mmg, che ancora oggi sono in numero insufficiente. Ancora, «i sostenitori del rapporto di dipendenza pensano a una maggiore facilità di copertura delle aree disagiate. Ma in un mercato del lavoro con grave carenza di professionisti, improbabile veder accettati bandi per la dipendenza in aree considerate disagiate. Questa situazione è già verificabile nei piccoli ospedali periferici: i bandi vanno spesso deserti», prosegue Pedrini ad Adnkronos Salute.

Chiude infine con il fatto che rivedere il contratto dei medici di famiglia precederebbe degli interventi legislativi: «Tempi lunghi, vasto consenso politico, risultati peggiorativi in termini di servizio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
Ambulatori aperti di sera e nel weekend: il nuovo corso della sanità lombarda
Grazie al PNRR Regione Lombardia mette in campo strategie per abbattere le liste d’attesa ma resta l’incognita del personale. Medici e infermieri sono ancora insufficienti per soddisfare le esigenze del territorio
Mancano infermieri? Uneba Lombardia si rivolge alle Università del Sud America
Il progetto prevede l’arrivo nei prossimi mesi di infermieri da Perù, Paraguay e Argentina a cui verrà fatto un corso di lingua italiana, fornito un alloggio e una formazione per equiparare il titolo a quello delle università europee. Degani (presidente Uneba Lombardia): «Risposta contingente ad un problema strutturale, ma lanciamo un appello al governo affinché venga rivisto il numero chiuso nelle facoltà italiane»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...