Salute 7 Maggio 2020

Mind-Vr, la realtà virtuale che aiuterà i sanitari a superare il disturbo post-traumatico da stress

Parla l’ideatrice, Federica Pallavicini, ricercatrice all’Università Bicocca di Milano: «Necessario dare supporto emotivo a chi ne ha più bisogno». Nel visore l’operatore troverà educazione alla patologia, esperienza del trauma e infine un ambiente rilassante

di Gloria Frezza
Immagine articolo

Stress, depressione e ansia. L’emergenza Covid-19 sta avendo conseguenze emotive molto pesanti sul personale sanitario che ne affronta la parte peggiore. Sono 240mila i medici e 350mila gli infermieri che ogni giorno vivono ricoveri, terapie intensive e morti troppo rapide per essere accettate. Aiutare la loro condizione mentale è necessario perché nel post-virus si possa tornare a una progressiva normalità. È nato anche per questo Mind-Vr, un progetto ideato da tre psicologhe per aiutare il personale sanitario a gestire, tra gli altri, il disturbo post-traumatico da stress con l’aiuto della realtà virtuale.

A Sanità Informazione ne ha parlato l’ideatrice, la dottoressa Federica Pallavicini, assegnista di ricerca nel dipartimento di Scienze Umane per la Formazione dell’Università di Milano Bicocca. Insieme a Fabrizia Mantovani e Chiara Caragnano punta a mettere la tecnologia al servizio del benessere psicologico dei sanitari.

LEGGI ANCHE: COVID-19: UN OPERATORE SU TRE MOSTRA SEGNI DI BURNOUT E UNO SU DUE HA SINTOMI DI STRESS PSICO-FISICO

Nato all’interno della campagna di crowdfunding promossa dall’università Bicocca con Produzioni dal Basso, Mind-Vr non era stato pensato con questo intento. «Inizialmente – racconta Pallavicini – pensavamo di concentrarci su pazienti ricoverati in dialisi o bambini in oncologia per induzioni di stati emotivi positivi. Poi a febbraio la situazione è cambiata, ci siamo trovate anche impossibilitate a entrare fisicamente in ospedale, allora ci siamo rese conto della necessità di dare supporto a chi ora ne ha più bisogno, gli operatori sanitari».

Al progetto si sono allora unite figure che si trovano al centro dell’emergenza: Massimo Clerici, ordinario di Psichiatria e responsabile del reparto Psichiatria al San Gerardo, gli psicologi Guido Veronesi e Alessandro Pepe, che da subito hanno aperto un servizio di supporto psicologico per medici e infermieri, e Marco Vettorello, anestesista del Niguarda, che ha lavorato con i pazienti più gravi. «L’idea non è nata in un bel momento – ammette la dottoressa Pallavicini – ma ci siamo trovate anche con la voglia di fare qualcosa di utile con le nostre competenze scientifiche. Sentirci parte della risoluzione di un problema ci è sembrata la cosa più naturale».

L’utilizzo delle realtà virtuale nella gestione dello stress, spiega, si rifà a un trattamento classico della psicologia clinica, lo stress inoculation training. Si tratta di un percorso diviso in fasi che punta in primo luogo all‘educazione del paziente al disturbo e alle strategie di gestione, e in seguito all’esposizione dello stesso a situazioni stressanti che possa rielaborare a livello cognitivo ed emotivo, tramite immaginazione guidata. «Circa 20 anni fa – aggiunge la ricercatrice – negli Stati Uniti è stato creato il primo programma di trattamento, che si chiama “Cyber Sit”, seguendo questa stessa tecnica. Gli studi hanno dimostrato che la realtà virtuale è efficace tanto quanto le tecniche classiche nel caso di persone con scarse capacità immaginative, in quanto dà uno stimolo esperienziale di cui la persona può risentire per un miglior lavoro con il terapeuta».

LEGGI ANCHE: STRESS DA COVID-19, AL NIGUARDA IPPOTERAPIA PER MEDICI ED OPERATORI SANITARI

Anche il personale sanitario coinvolto in futuro in Mind-Vr seguirà le tappe del Sit tramite un visore. Nella prima fase il soggetto incontrerà, camminando nella realtà virtuale, alcune scritte che illustrano la sintomatologia del disturbo da stress post-trauma e delle immagini che illustreranno tecniche di rilassamento. «La seconda fase – illustra Pallavicini – sarà quella di esposizione. Vogliamo creare tre situazioni di modello emotivo differente: come primo livello il sanitario si troverà in un pronto soccorso neutro, senza persone o colleghi, poi a salire saranno inseriti dei pazienti in condizioni meno critiche e progressivamente più critiche, ad esempio intubati e circondati da colleghi che discutono». L’ultimo step conterrà un contenuto rilassante, ma anche qui ci sarà una novità. Invece di trovarsi in scenari naturali o su un’isola deserta, il team costruirà per i sanitari una scena ambientata nello spazio.

Dopo la realizzazione Mind-Vr seguirà varie strade: sarà disponibile su una nota piattaforma di contenuti di realtà virtuale, sarà distribuito a terapeuti che potranno utilizzarlo in supporto con i pazienti in cura e si metterà un visore a disposizione di medici e infermieri che potranno provarlo all’interno del loro reparto.

«Per ora gli unici progetti in questa direzione – prosegue l’ideatrice – sono Mind-Vr e “Secret Garden”, entrambi ideati da team basati in Lombardia. Non è casuale che siano entrambi nati qui». Gli operatori lombardi hanno infatti affrontato le fasi critiche di questa emergenze e da tre mesi sono in prima linea, rischiando di pagare il prezzo più alto emotivamente. Già due i suicidi di infermieri provenienti dalla regione.

«La nostra speranza –  conclude Pallavicini – è che questo sia il primo di tante soluzioni di questo tipo che possano essere di supporto psicologico tramite realtà virtuale e videogiochi. L’apertura di una visione verso queste nuove tecnologie è un vero primo passo in una situazione come questa».

 

Articoli correlati
Quando il medico è anche caregiver. Boschero (Cisl Medici): «Le aspettative sono maggiori, rischio burnout»
«I medici genitori di figli disabili o figli di persone anziane con malattie degenerative vengono caricati di responsabilità. I possibili peggioramenti o non miglioramenti del familiare si possono riflettere sulla sua autostima»
di Vanessa Seffer
Coronavirus, lo psicologo: «L’incubo peggiore di chi lavora in ospedale è contagiare i propri cari»
Piero Gaspa cura il progetto di sostegno psicologico per il personale sanitario in prima linea nell'emergenza al San Giovanni Addolorata di Roma: «Non c’è stato sentore di una crisi, ma serve a prevenire e ovviare al sovraccarico emotivo. Medici e professionisti sanitari soffrono un accumulo di tensione, lavoriamo per evitare che diventi patologico»
Coronavirus. Burnout e conseguenze psicologiche sugli operatori sanitari. Lettera da un ospedale
Gli operatori della sanità, con i loro diversi ruoli e mansioni, si trovano ad affrontare un’emergenza senza precedenti, fronteggiando quotidianamente un pericolo insidioso, invisibile, che sollecita al massimo grado il Ssn, aumentando i carichi di lavoro e la tensione fisica e psichica. In un simile contesto, l’incremento degli stressor ambientali espone ad un tangibile rischio […]
Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»
«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emotivo così importante ne usciranno massacrati psicologicamente. Per la popolazione senso di angoscia e impotenza». L’intervista a Giorgio Nardone, psicologo e psicoterapeuta
Embodiement e Avatar, l’anoressia si studia con la realtà virtuale immersiva
Lo studio pubblicato su Journal of Clinical Medicine è stato condotto da un team di ricerca della Sapienza e della Fondazione Santa Lucia IRCCS. L’obiettivo è integrare tecnologie innovative nei futuri percorsi psicoterapeutici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...