Lavoro 13 gennaio 2015

Milleproroghe: slitta di due anni la privatizzazione della Croce Rossa

Tra i provvedimenti anche i contratti dei dipendenti Aifa e la filiera dei farmaci: le normative europee verranno recepite dal 1 gennaio 2016

Immagine articolo

Il decreto Milleproroghe ha riservato interessanti novità al comparto sanitario. Si va dai contratti a tempo determinato per i dirigenti dell’Aifa alla privatizzazione della Croce Rossa Italiana.

Prorogati al primo gennaio 2016 i controlli alla filiera dei medicinali. Recependo le normative europee questo dovrebbe scoraggiare le pratiche illegali e l’entrata in commercio di medicinali falsificati. In tema di emoderivati  prorogato al 30 giugno quanto già previsto dall’Accordo Stato Regioni del 2010. Confermate, dunque, le modalità attraverso le quali l’Agenzia italiana del farmaco assicura l’immissione in commercio dei medicinali emoderivati prodotti da plasma raccolto sul territorio nazionale nonché l’esportazione del medesimo per la lavorazione in Paesi comunitari e l’Istituto superiore di sanità assicura il relativo controllo di Stato. Ci sarà, invece, tempo fino al 31 dicembre, sempre di quest’anno, per le tariffe massime che le Regioni e le Province autonome possono corrispondere alle strutture accreditate.

Tra i provvedimenti più discussi quello sulla Croce Rossa: su richiesta del Ministero per la Salute è stata inserita una proroga di due anni, utili per attuare le soluzioni più adeguate anche in relazione al ricollocamento del personale che risultasse in esubero e all’approvazione della Delega per il riordino dell’Ente, che è contenuta nel Ddl Lorenzin attualmente all’esame del Senato. Riguardo invece i contratti a tempo determinato dei dirigenti Aifa la proroga è al 31 dicembre per quelli stipulati prima dell’entrata in vigore del Milleproroghe e con scadenza fissata al 15 marzo. Questo sarà necessario per consentire continuità nello svolgimento delle funzioni, sempre comunque nel limite dei posti disponibili in pianta organica anche se eccedenti la quota di cui all’articolo 19, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, al 31 dicembre 2015.

Articoli correlati
Vaccini, SIPPS: «Non aspettare focolaio di epidemia per procedere a vaccinazioni»
Un osservatore esterno che volesse cercare di comprendere le motivazioni che stanno spingendo la politica italiana a sostituire, a distanza di poco più di un anno dalla sua approvazione da parte del Parlamento, una legge che aveva aumentato il numero delle vaccinazioni obbligatorie da 4 a 10 ed esteso l’obbligo a vaccinazioni raccomandate già presenti […]
Vaccini, l’obbligo rimane: pronto emendamento contro rinvio. E i Nas controllano le autocertificazioni
«Proroga rischiava di generare confusione sul piano normativo», si legge nel testo della maggioranza. M5S: «Tratteremo materia con ddl ad hoc». Opposizioni all'attacco, il segretario PD Martina: «Battuto oscurantismo»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Milleproroghe, alla Camera medici compatti contro il rinvio dell’obbligo vaccinale. Villani (SIP): «Inaccettabile vedere bambini morire di morbillo»
Audizione a Montecitorio dei principali esponenti del mondo medico e della scuola. Garattini: «Cambiare sarebbe grave errore». Anelli (FNOMCeO): «Potrebbe sembrare atteggiamento antiscientifico». I presidi: «Rischio insicurezza per la salute negli istituti»
Giulia Grillo alle Regioni: presto l’intesa sui piani di efficientamento degli ospedali
Il Ministro ha chiesto al presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome Stefano Bonaccini di accelerare il percorso per migliorare la qualità delle cure. Da un anno il decreto è in stand by
Vaccini, ancora polemiche. Barillari: «Politica viene prima di scienza». M5S: «Prendiamo le distanze»
In un post su Fb il Consigliere regionale del Lazio vicino al mondo no vax attacca: «I politici devono ascoltare la scienza, collaborare, non farsi ordinare cosa è giusto e cosa è sbagliato». La replica del Movimento: «Linea è quella del Ministro Grillo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila