Lavoro 9 febbraio 2018

Contratto, sbloccato l’Atto di indirizzo, Quici (Cimo): «Se c’è vera volontà di chiudere revocheremo lo sciopero»

Il Presidente della Cimo Guido Quici a Sanità Informazione: «Sotto elezioni tutti vogliono dimostrare di voler chiudere i contratti, ma dobbiamo vedere come. Se è l’ennesima presa in giro per tacitare il mondo sanitario, non firmiamo e confermiamo proteste»

Immagine articolo

L’atto di indirizzo per la dirigenza è stato sbloccato. È lo stesso Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ad annunciare il passo avanti compiuto dal Comitato di settore Regioni-Sanità, che ha chiesto all’Aran di convocare i sindacati ed aprire le trattative per il rinnovo del contratto nazionale della dirigenza medica, veterinaria, sanitaria e delle professioni sanitarie. «Ci stiamo lavorando da tempo – ha aggiunto il Ministro -, e non vi è ulteriore tempo da perdere. I professionisti sanitari hanno diritto ad avere il nuovo contratto».

Immediate le reazioni delle sigle sindacali che rappresentano la categoria, che chiedono all’Aran di non indugiare e di convocare presto le parti contrattuali, per arrivare, dopo anni di attesa, scioperi, sit in e proteste, alla firma del contratto. Sanità Informazione ha chiesto a Guido Quici, Presidente della Cimo, cosa si aspetta nei prossimi giorni.

«Innanzitutto mi aspetto che l’Aran ci convochi, ed è il minimo che possa fare. Ma poi bisognerà vedere se c’è veramente la volontà di avviare una trattativa seria. È chiaro che sotto elezioni tutti vogliono dimostrare che c’è la volontà di chiudere i contratti, ma dobbiamo vedere come li vogliono chiudere. Io siederò al tavolo, leggerò le carte e in base ai contenuti e faremo le nostre valutazioni. Può anche darsi che decida di alzarmi e di andarmene, non è detto che si debba firmare un contratto, ma non voglio neanche essere troppo riluttante. Sono proprio curioso di vedere cosa ci porteranno…».

Sono tre le possibilità che Quici prospetta: «Ovviamente speriamo che ci sia la volontà di avviare una trattativa seria, che si chiuda in un determinato periodo di tempo. La seconda è la stipula di un contratto ponte che sia solo di natura economica, cosa che la Cimo non proporrà mai, ma se ce la prospettano vedremo i contenuti e valuteremo. La terza è che la convocazione sia una finta per tacitare il mondo sanitario prima delle elezioni».

«In base a quello che vogliono fare e all’atteggiamento che riscontreremo – prosegue -, decideremo anche se mantenere o revocare lo sciopero del prossimo 23 febbraio. Se ci convocano subito e vediamo che si tratta di una presa in giro non vedo perché dovremmo revocarlo; se c’è invece un avvio serio della trattativa, con un calendario di incontri, i fondi e proposte operative, credo che sia doveroso e giusto bloccarlo».

Per quanto riguarda i contenuti dell’Atto di indirizzo, bisogna ancora aspettare: «Io immagino che sia più o meno quello che conoscevamo e su cui ho espresso già molte critiche, sia sugli aspetti giuridici che economici. Dobbiamo vedere se ci sono le risorse necessarie per poter chiudere il contratto, ma ho grossi dubbi che ci siano visto che c’è questa partita a ping-pong tra governo e Regioni. Sappiamo che in tutto il 2018 non vedremo un centesimo e che le risorse inizieranno ad essere esigibili dal 2019. È l’unica cosa che so in questo momento, per il resto – conclude -, viviamo alla giornata».

Articoli correlati
Contratto medici: quei numeri delle Regioni che non tornano
CIMO esprime piena soddisfazione per la rottura delle trattative sul contratto della dirigenza medica in ARAN e l’apertura dello stato di agitazione comunicato insieme alle altre organizzazioni sindacali. Sottolinea, inoltre, che una delle principali ragioni che impedisce il rinnovo del contratto è strettamente legata agli accantonamenti che le regioni avrebbero dovuto sostenere, e che pare […]
di Guido Quici - Presidente Nazionale CIMO
Contratto medici, l’Intersindacale annuncia lo stop alle trattative e lo stato d’agitazione: a ottobre scioperi e manifestazioni
Oltre al mancato finanziamento del contratto della categoria, sono le notizie (non buone) che arrivano dal Governo per il Def ed il momento critico per il SSN, «che rischia di inabissarsi» ad aver portato i sindacati sulla strada della protesta. L'annuncio del Ministro Grillo: «Per il 2019 il Fondo Sanitario Nazionale sarà incrementato di un miliardo»
Contratto medici, l’Intersindacale al Governo: «In assenza di novità stop a contrattazione». E annuncia protesta
«Se il Governo e le Regioni non sapranno rispondere alle nostre richieste dopo che tutte le altre convenzioni dei sanitari e tutti i contratti dei comparti della pubblica amministrazione sono stati chiusi, ne trarremo le debite conseguenze», scrivono i sindacati in una lettera inviata al presidente del Consiglio, ai ministri coinvolti e alle Regioni
Contratto, Quici (CIMO): «A queste condizioni non firmiamo». E propone passaggio medici sotto ministero Salute
Tra i tanti temi affrontati dal presidente nel corso dell’intervista esclusiva a Sanità Informazione, la proposta di una scheda curriculare che registri il percorso dei medici: «Dagli ECM alla casistica, così imbrigliamo i dg a scegliere i migliori professionisti». Sul ricalcolo delle “pensioni d’oro” aggiunge: «È una truffa» 
Contratto, Giulia Grillo: «Tema non scomparso dall’agenda, in settimana incontro con i sindacati»
«Siamo in contatto con le organizzazioni sindacali, proprio in settimana le incontreremo» così il Ministro della Salute a margine del summit OMS in corso a Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila