Lavoro 9 Febbraio 2018

Contratto, sbloccato l’Atto di indirizzo, Quici (Cimo): «Se c’è vera volontà di chiudere revocheremo lo sciopero»

Il Presidente della Cimo Guido Quici a Sanità Informazione: «Sotto elezioni tutti vogliono dimostrare di voler chiudere i contratti, ma dobbiamo vedere come. Se è l’ennesima presa in giro per tacitare il mondo sanitario, non firmiamo e confermiamo proteste»

Immagine articolo

L’atto di indirizzo per la dirigenza è stato sbloccato. È lo stesso Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ad annunciare il passo avanti compiuto dal Comitato di settore Regioni-Sanità, che ha chiesto all’Aran di convocare i sindacati ed aprire le trattative per il rinnovo del contratto nazionale della dirigenza medica, veterinaria, sanitaria e delle professioni sanitarie. «Ci stiamo lavorando da tempo – ha aggiunto il Ministro -, e non vi è ulteriore tempo da perdere. I professionisti sanitari hanno diritto ad avere il nuovo contratto».

Immediate le reazioni delle sigle sindacali che rappresentano la categoria, che chiedono all’Aran di non indugiare e di convocare presto le parti contrattuali, per arrivare, dopo anni di attesa, scioperi, sit in e proteste, alla firma del contratto. Sanità Informazione ha chiesto a Guido Quici, Presidente della Cimo, cosa si aspetta nei prossimi giorni.

«Innanzitutto mi aspetto che l’Aran ci convochi, ed è il minimo che possa fare. Ma poi bisognerà vedere se c’è veramente la volontà di avviare una trattativa seria. È chiaro che sotto elezioni tutti vogliono dimostrare che c’è la volontà di chiudere i contratti, ma dobbiamo vedere come li vogliono chiudere. Io siederò al tavolo, leggerò le carte e in base ai contenuti e faremo le nostre valutazioni. Può anche darsi che decida di alzarmi e di andarmene, non è detto che si debba firmare un contratto, ma non voglio neanche essere troppo riluttante. Sono proprio curioso di vedere cosa ci porteranno…».

Sono tre le possibilità che Quici prospetta: «Ovviamente speriamo che ci sia la volontà di avviare una trattativa seria, che si chiuda in un determinato periodo di tempo. La seconda è la stipula di un contratto ponte che sia solo di natura economica, cosa che la Cimo non proporrà mai, ma se ce la prospettano vedremo i contenuti e valuteremo. La terza è che la convocazione sia una finta per tacitare il mondo sanitario prima delle elezioni».

«In base a quello che vogliono fare e all’atteggiamento che riscontreremo – prosegue -, decideremo anche se mantenere o revocare lo sciopero del prossimo 23 febbraio. Se ci convocano subito e vediamo che si tratta di una presa in giro non vedo perché dovremmo revocarlo; se c’è invece un avvio serio della trattativa, con un calendario di incontri, i fondi e proposte operative, credo che sia doveroso e giusto bloccarlo».

Per quanto riguarda i contenuti dell’Atto di indirizzo, bisogna ancora aspettare: «Io immagino che sia più o meno quello che conoscevamo e su cui ho espresso già molte critiche, sia sugli aspetti giuridici che economici. Dobbiamo vedere se ci sono le risorse necessarie per poter chiudere il contratto, ma ho grossi dubbi che ci siano visto che c’è questa partita a ping-pong tra governo e Regioni. Sappiamo che in tutto il 2018 non vedremo un centesimo e che le risorse inizieranno ad essere esigibili dal 2019. È l’unica cosa che so in questo momento, per il resto – conclude -, viviamo alla giornata».

Articoli correlati
Contagio medici e sanitari, Patto professione medica: «Colpevoli le scelte irresponsabili di Protezione civile e ISS»
Le organizzazioni sindacali valutano di presentare specifica denuncia all’Autorità Giudiziaria e chiedono al Ministro della Salute di sostituire i componenti del Gruppo Tecnico dell’Istituto Superiore di Sanità
Da quando l’azienda ospedaliera può procedere al pagamento degli arretrati previsti dalla sottoscrizione del nuovo contratto collettivo dell’Area Sanità?
Ai sensi dell’art. 2, comma 1, il contratto collettivo sottoscritto in data 19/12/2019 riguarda il periodo 1° gennaio 2016 – 31 dicembre 2018, sia con riferimento alla sua parte giuridica che per quella economica. Il contratto in parola introduce numerose novità tra le quali l’aumento della retribuzione che deve essere già presente con la retribuzione […]
Coronavirus, Cimo-Fesmed: «Finalmente chiaro il vero fabbisogno di medici e sanitari»
«Un vero e prolungato stress test quello che il Paese e in particolare la sanità italiana sta affrontando con tutte le sue energie, che sono però oggi troppo esigue a causa del continuo dissanguamento di personale e fondi del SSN». Il commento del presidente della Federazione Cimo-Fesmed Guido Quici
«Siamo come soldati che vanno al fronte a mani nude». Il grido d’allarme dei sindacati: «Mancano dispositivi di protezione»
I sindacati di categoria lamentano le difficoltà organizzative nell’emergenza Coronavirus. Onotri (SMI): «Mancano protocolli standardizzati, in periferie non tutto sta andando per il meglio». Quici (Cimo-Fesmed): «Ospedali impreparati, mancano aree per l’isolamento. Carenza medici può peggiorare». Bottega (Nursind): «In alcune realtà c’è già carenza cronica, grande stress organizzativo». E aggiungono in coro: «Politici, ricordatevi di noi anche fuori dall’emergenza»
Sanità privata, Cgil Cisl e Uil: «Aiop fa saltare il rinnovo del contratto»
«Chiediamo di bloccare subito gli accreditamenti alle strutture e di essere convocati dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e dal Ministero della Salute. Riparte fin da ora la nostra mobilitazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...