Lavoro 9 Febbraio 2018 16:08

Contratto, sbloccato l’Atto di indirizzo, Quici (Cimo): «Se c’è vera volontà di chiudere revocheremo lo sciopero»

Il Presidente della Cimo Guido Quici a Sanità Informazione: «Sotto elezioni tutti vogliono dimostrare di voler chiudere i contratti, ma dobbiamo vedere come. Se è l’ennesima presa in giro per tacitare il mondo sanitario, non firmiamo e confermiamo proteste»

Contratto, sbloccato l’Atto di indirizzo, Quici (Cimo): «Se c’è vera volontà di chiudere revocheremo lo sciopero»

L’atto di indirizzo per la dirigenza è stato sbloccato. È lo stesso Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ad annunciare il passo avanti compiuto dal Comitato di settore Regioni-Sanità, che ha chiesto all’Aran di convocare i sindacati ed aprire le trattative per il rinnovo del contratto nazionale della dirigenza medica, veterinaria, sanitaria e delle professioni sanitarie. «Ci stiamo lavorando da tempo – ha aggiunto il Ministro -, e non vi è ulteriore tempo da perdere. I professionisti sanitari hanno diritto ad avere il nuovo contratto».

Immediate le reazioni delle sigle sindacali che rappresentano la categoria, che chiedono all’Aran di non indugiare e di convocare presto le parti contrattuali, per arrivare, dopo anni di attesa, scioperi, sit in e proteste, alla firma del contratto. Sanità Informazione ha chiesto a Guido Quici, Presidente della Cimo, cosa si aspetta nei prossimi giorni.

«Innanzitutto mi aspetto che l’Aran ci convochi, ed è il minimo che possa fare. Ma poi bisognerà vedere se c’è veramente la volontà di avviare una trattativa seria. È chiaro che sotto elezioni tutti vogliono dimostrare che c’è la volontà di chiudere i contratti, ma dobbiamo vedere come li vogliono chiudere. Io siederò al tavolo, leggerò le carte e in base ai contenuti e faremo le nostre valutazioni. Può anche darsi che decida di alzarmi e di andarmene, non è detto che si debba firmare un contratto, ma non voglio neanche essere troppo riluttante. Sono proprio curioso di vedere cosa ci porteranno…».

Sono tre le possibilità che Quici prospetta: «Ovviamente speriamo che ci sia la volontà di avviare una trattativa seria, che si chiuda in un determinato periodo di tempo. La seconda è la stipula di un contratto ponte che sia solo di natura economica, cosa che la Cimo non proporrà mai, ma se ce la prospettano vedremo i contenuti e valuteremo. La terza è che la convocazione sia una finta per tacitare il mondo sanitario prima delle elezioni».

«In base a quello che vogliono fare e all’atteggiamento che riscontreremo – prosegue -, decideremo anche se mantenere o revocare lo sciopero del prossimo 23 febbraio. Se ci convocano subito e vediamo che si tratta di una presa in giro non vedo perché dovremmo revocarlo; se c’è invece un avvio serio della trattativa, con un calendario di incontri, i fondi e proposte operative, credo che sia doveroso e giusto bloccarlo».

Per quanto riguarda i contenuti dell’Atto di indirizzo, bisogna ancora aspettare: «Io immagino che sia più o meno quello che conoscevamo e su cui ho espresso già molte critiche, sia sugli aspetti giuridici che economici. Dobbiamo vedere se ci sono le risorse necessarie per poter chiudere il contratto, ma ho grossi dubbi che ci siano visto che c’è questa partita a ping-pong tra governo e Regioni. Sappiamo che in tutto il 2018 non vedremo un centesimo e che le risorse inizieranno ad essere esigibili dal 2019. È l’unica cosa che so in questo momento, per il resto – conclude -, viviamo alla giornata».

Articoli correlati
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
Liste d’attesa, la proposta CIMO-FESMED per recuperare 22 milioni di ore di assistenza l’anno
Il sindacato: «Dedicare le 4 ore a settimana previste per attività non assistenziali a prestazioni mediche aggiuntive per abbattere le liste d’attesa, prevedendo una retribuzione extra-contrattuale»
Contratto comparto sanità, è fumata bianca. Aumenti fino a 98 euro e per gli infermieri indennità aggiuntiva
Dopo mesi di trattative ARAN e sindacati (Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, FIALS, Nursind, Nursing Up) hanno raggiunto un’intesa sul contratto del comparto sanità. Tra le novità l’indennità oraria per il lavoro notturno che passa da euro 2,74 a 4 euro e una nuova indennità per il Pronto soccorso. In tutto le risorse per il rinnovo ammontano a 241,6 milioni
di Francesco Torre
CCNL sanità non applicato, CIMO-FESMED: «Prevedere scadenza per stipula dei contratti aziendali»
Il sindacato dei medici dipendenti del SSN al Ministro Brunetta: «Calpestati diritti di 130.000 “eroi”»
Mascherine, i medici: «Si pensi anche a preparare gli ospedali per l’autunno, siamo sfiniti»
Il sindacato CIMO-FESMED: «In percentuale, i casi di Covid-19 tra gli operatori sanitari continuano ad essere di più rispetto alla popolazione. Rivedere i percorsi e riorganizzare le strutture sanitarie per consentire il ricovero di pazienti Covid e non Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...