Lavoro 31 Gennaio 2018

Rischio paralisi per la sanità: il 23 febbraio scioperano medici, veterinari, dirigenti sanitari, infermieri e comparto

Mancata apertura delle trattative contrattuali per gli uni; risorse insufficienti e condizioni di lavoro inaccettabili per gli altri. Tutte le motivazioni che hanno portato l’Intersindacale, NurSind e Nursing Up a proclamare lo sciopero nazionale

Immagine articolo

Il 23 febbraio la sanità italiana rischia la paralisi: in quel giorno sciopereranno infatti non solo medici, veterinari e dirigenti sanitari, ma anche gli infermieri ed il comparto sanità. Per questioni tecnico-giuridiche, è stato infatti anticipato di tre giorni lo sciopero proclamato dai sindacati degli infermieri NurSind e Nursing Up, inizialmente previsto per il 26.

Diverse ma non lontane le motivazioni che hanno portato le categorie a parlare di sciopero: per i medici la mancata apertura della trattativa per il rinnovo del contratto 2016-2018; gli infermieri, dal canto loro, ritengono inaccettabile la carenza di risorse per i lavoratori del Servizio Sanitario Nazionale.

LA PROTESTA DI MEDICI, VETERINARI E DIRIGENTI SANITARI

Lo sciopero del 23 febbraio che verrà proclamato dall’Intersindacale in mancanza della convocazione per aprire le trattative contrattuali sarà solo l’ultima delle iniziative in programma: la richiesta di un incontro urgente al Ministro della Funzione pubblica in quanto organo politico che deve vigilare sull’attività dell’Aran; la denuncia alle Procure della Repubblica per omissione di atti di ufficio rispetto alla sentenza della Corte Costituzionale del luglio 2015 che ha stabilito lo sblocco dei contratti; il presidio alla sede Aran il 15 febbraio e assemblee in tutte le Aziende Sanitarie il 22 febbraio.

«Non è più possibile – si legge in una nota stampa diffusa dall’Intersindacale – negare a migliaia di professionisti in barba alla Costituzione il diritto a contrattare le condizioni che regolano il proprio lavoro».

LO SCIOPERO DEGLI INFERMIERI E DEL PERSONALE DI COMPARTO 

«Dopo aver cercato inutilmente risposte sul rinnovo del CCNL – dichiara il sindacato Nursing Up in una nota -, il comparto sanità si ferma per protestare contro i tagli lineari delle dotazioni organiche, il demansionamento degli infermieri e di tutti i professionisti sanitari, le pretese di deroghe indiscriminate alle ore di riposo giornaliere e al riposo settimanale».

«Dopo nove anni di blocco contrattuale – aggiunge Andrea Bottega, Segretario nazionale NurSind – gli infermieri non intendono accettare compromessi al ribasso. Saranno 24 ore di sciopero a partire dalle 7 del mattino. Nelle prossime ore ne stabiliremo anche le modalità. Non è esclusa neppure l’ipotesi di una manifestazione a Roma», conclude.

Per il sindacato degli infermieri Nursing Up è inaccettabile: il perdurare del blocco del trattamento economico del personale del SSN, «perché non saranno certo 85 euro medi promessi a tutti i lavoratori a colmare il vuoto lasciato da 9 anni di congelamento contrattuale»; il mancato riconoscimento della progressione economica (passaggio di fascia) e di quella verticale (passaggio di categoria) per infermieri, caposala e altri professionisti sanitari del comparto; la mancata valorizzazione dell’anzianità di servizio tramite scatti di carriera, il mancato riconoscimento delle ore necessarie all’aggiornamento professionale, la mancata possibilità di svolgere attività libero professionale; il mancato riconoscimento economico del tempo per indossare la divisa e di quello per il passaggio delle consegne; il permanere della crisi occupazionale infermieristica che vede oltre 25mila infermieri disoccupati; il sovraccaricare di lavoro il personale infermieristico «per via del mancato ricambio generazionale dovuto al blocco del turnover e alle esasperanti condizioni lavorative, logica conseguenza e alle ristrettezze economiche e al drastico contenimento dei costi messi in campo dalle aziende sanitarie», precisa la nota.

«La misura è colma – afferma il Presidente del sindacato degli infermieri Antonio De Palma -, ora gli infermieri sono davvero stanchi di aspettare. Vogliamo riprenderci la nostra dignità di lavoratori che si traduce in un’adeguata retribuzione e riconoscimento: condizioni degne di una società civile».

Articoli correlati
Nuovo codice deontologico degli infermieri. Mangiacavalli (FNOPI): «Strumento di guida per la professione»
Nel testo un intero articolo è dedicato all’ECM, l’Educazione Continua in Medicina. Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI: ««Abbiamo anche voluto rimarcare che l’infermiere adempie agli obblighi previsti»
Carenza medici, in Emilia Romagna ne mancheranno 8mila entro il 2025: ecco i dati diffusi da Amsi
Secondo gli ultimi dati aggiornati, all'appello mancherebbero 350 medici, 150 infermieri e 50 fisioterapisti
D’Amato: «Oltre 19 mila accessi nei primi sei mesi all’ospedale dei Castelli»
Oltre 19 mila accessi al Pronto soccorso, 140 assunzioni fra medici, infermieri e oss, oltre 26 mila prestazioni di specialistica ambulatoriale e l’apertura, nei giorni scorsi, di 10 posti letto di breve osservazione che consentirà di ridurre la pressione sul Pronto soccorso. Sono solamente alcuni dei numeri dell’attività del nuovo ospedale dei Castelli illustrati nel […]
Liste di attesa, il bilancio di Cittadinanzattiva: «Ancora troppo lunghe, 10 mesi per una Tac. Speranza è il nuovo Piano nazionale»
Piano nazionale di governo delle Liste di Attesa, Fava (Cittadinanzattiva): «Da aprile tutte le Regioni sono al lavoro per il recepimento della normativa. Poi, dovranno essere realizzati i piani aziendali. Per tutte le prestazioni del SSN ci saranno dei tempi massimi di attesa e i medici dovranno sempre indicare i codici di priorità»
di Isabella Faggiano
Patto per la salute, Aceti (Fnopi): «Perché la “clausola di salvaguardia” economica tagliafondi non va»
Il portavoce FNOPI, Tonino Aceti, commenta  La “clausola di salvaguardia economica” inserita nella bozza di Patto per la salute che subordina il diritto alla salute all’economia. Una visione questa già analizzata dalla Corte costituzionale con la sentenza 275/2016 che ha fatto scuola sul delicatissimo tema del giusto bilanciamento tra garanzia dei diritti incomprimibili/fondamentali e il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...