Lavoro 27 Settembre 2022 12:08

Medici marchigiani colpiti dall’alluvione, pronti i sussidi Enpam

All’approvazione dello stato di calamità l’ente contribuirà per risarcire danni a beni immobili e mobili

Medici marchigiani colpiti dall’alluvione, pronti i sussidi Enpam

La disastrosa alluvione che ha colpito la Regione Marche, in special modo le province di Ancona e di Pesaro Urbino, ha fatto registrare un bilancio pesantissimo in termini di vite umane e di danni collaterali. L’ente di previdenza Enpam non rimane sordo all’appello ed anzi, per manifestare la propria vicinanza nei confronti della popolazione colpita, ha annunciato contributi economici per ripristinare gli studi medici e odontoiatrici danneggiati dall’alluvione.

Alluvione nelle Marche: previsti aiuti economici

All’approvazione formale dello stato di calamità, l’Enpam potrà contribuire per i danni ai beni immobili (studio o prima casa) o mobili (come ad esempio automezzi, computer o attrezzature) appartenenti a medici e odontoiatri. Inoltre, per chi svolge la libera professione sono previsti aiuti aggiuntivi. Le domande di aiuto economico, complete della documentazione richiesta, potranno essere presentate tramite gli Ordini provinciali dei medici e degli odontoiatri, in particolare, in questo caso, quelli di Ancona e Pesaro. Avranno diritto ad aiuti anche i pensionati Enpam e gli eventuali familiari superstiti.

I sussidi Enpam per calamità naturali

In caso di calamità naturali, infatti, Enpam prevede l’erogazione di aiuti economici per i suoi iscritti (attivi, pensionati o familiari titolari di pensione indiretta o di reversibilità) qualora dovessere subire danni alla prima abitazione o allo studio professionale, ma anche a beni mobili come ad esempio automezzi, computer e attrezzature, mentre come anticipato i liberi professionisti possono chiedere ulteriori requisiti.

I requisiti

Per avere diritto ai sussidi è necessario essere residenti nei Comuni colpiti da calamità naturali, ed è altresì necessario che lo “stato di calamità” sia riconosciuto con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri. I danni devono riguardare la prima abitazione o lo studio professionale, di cui si è proprietari o usufruttuari. Se si è comproprietari, il danno sarà risarcito in misura proporzionale alla quota di proprietà. Per i danni a carico di beni mobili di proprietà, come le attrezzature di studio o la mobilia, il sussidio si può chiedere anche se non si è proprietari dell’immobile.

Gli importi

La somma massima rimborsabile è di circa 17mila euro (l’importo è indicizzato annualmente), mentre per chi svolge esclusivamente la libera professione l’importo è maggiore. L’Enpam può contribuire anche a pagare fino al 75% degli interessi sui mutui edilizi accesi da iscritti o familiari superstiti per ricostruire o riparare la casa e/o lo studio professionale danneggiati. Il limite massimo del rimborso è di circa 9 mila euro l’anno per un periodo non superiore a cinque anni. Si ricorda che i sussidi assistenziali per calamità naturali sono esenti da tasse e non sono vincolati a soglie di reddito.

Solidarietà da Enpam ai medici marchigiani colpiti

Sul portale della Fondazione le parole del presidente Enpam Alberto Oliveti, che per oltre 40 anni ha esercitato come medico e pediatra proprio a Senigallia: «A tutti i cittadini va la solidarietà dell’ente dei medici e dei dentisti. Ciò che possiamo fare in questo momento è assicurare che tutti gli aiuti possibili arriveranno per fare in modo che gli studi privati e quelli dei medici convenzionati danneggiati tornino accessibili al più presto. Staremo accanto a tutti i colleghi anche per quanto riguarda le loro case».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa