Lavoro 17 Giugno 2022 10:07

Medici legali SIMLA: «Mal pagati e ignorati, oggi più che mai necessaria la riforma voluta anche da Falcone»

A denunciare lo stato di frustrazione della categoria è Franco Marozzi vicepresidente della Società italiana di medicina legale e delle assicurazioni che suggerisce una riforma del sistema secondo il modello francese

Medici legali SIMLA: «Mal pagati e ignorati, oggi più che mai necessaria la riforma voluta anche da Falcone»

Lavorano a stretto contatto con la Magistratura e le Forze dell’Ordine, recuperano informazioni e prove nelle indagini che risultano poi decisive nella soluzione dei casi; fanno autopsie sui cadaveri, forniscono dati necroscopici elaborati e certificati, definiscono epoca della morte, causa del decesso, cronologia delle lesioni, tutti elementi indispensabili per la soluzione dei casi, eppure, a fronte di un supporto decisivo, operano secondo tariffari vecchi di due decenni e vengono pagati anche a distanza di anni. Sono i medici legali.

A denunciare la condizione difficile della categoria è Franco Marozzi, vicepresidente della Società italiana di medicina legale e delle assicurazioni (SIMLA) che lancia un appello alle istituzioni: «È necessaria una riforma del sistema secondo il modello di molti paesi europei dove esistono strutture medico legali, di solito istituti universitari, con laboratori e dove operano patologi forensi, che di fatto sono dipendenti  del Ministero di Grazia e Giustizia o del Ministero della Salute, e che hanno competenza su ambiti territoriali definiti come le regioni o le contee negli Stati Uniti».

Questione di dignità

Sono circa 4000 i medici legali che svolgono la loro attività in Italia, esercitano nei tribunali come periti e consulenti di Giudici e PM, una categoria con un ruolo di primo piano in ambito giudiziario che chiede dunque più attenzione: «Abbiamo un ruolo decisivo nei processi eppure siamo misconosciuti». Non ha mezzi termini Marozzi che aggiunge: «Non si tratta di un problema solo sindacale legato alle tariffe molto basse che ancora si applicano e alle lungaggini terrificanti che dobbiamo sopportare per ottenere un degno riconoscimento economico per le prestazioni che facciamo, spesso anche in condizioni difficili, ma è una questione di dignità verso i professionisti. Meritiamo rispetto anche perché siamo la voce di chi non ha più voce: vittime di omicidi, di lesioni, di abusi e maltrattamenti. Per questo chiediamo si appronti una vera riforma dell’intero sistema giudiziario, se non verrà fatto, la conseguenza sarà un impoverimento del mondo scientifico, una riduzione del numero delle autopsie e l’impossibilità di avere un servizio di medicina legale che si possa occupare anche del vivente in relazione a tutti i reati che ledono la salute dei cittadini».

Una riforma alla francese

La Società Italiana di medicina legale e delle assicurazioni con il suo vicepresidente ha le idee chiare, frutto di una esperienza maturata in 125 anni di attività: «La nostra proposta è quindi di adeguare il sistema italiano al modello europeo – conclude Marozzi -, con un approccio completamente nuovo come accade già in Francia, o Germania, dove i medici legali sono assunti in grandi centri specializzati e organizzati con le migliori tecnologie sul piano clinico e di laboratorio e si occupano delle vittime, ma anche dei viventi, di tutti coloro che subiscono violenze nel quotidiano e che oggi  in Italia non hanno uno specifico riferimento specialistico. Se oggi esistono già dei consulenti di medicina legale riferibili al Pronto soccorso è perché vengono fatte da iniziative che sorgono spontaneamente con la collaborazione dei medici legali senza alcuna organizzazione sul piano nazionale».

È un fiume in piena il vicepresidente Marozzi tanto che ricorda pure un aneddoto che risale ai primi anni ’90 quando il compianto giudice Giovanni Falcone andò a Roma come consulente del ministero della Giustizia e disse che era necessaria una riforma della medicina legale italiana. «Hanno portato via Falcone e la riforma non è mai decollata. È giunto il momento di metterla in atto», chiosa.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Assistenza ospedaliera, medici legali “dimenticati”. SISMLA non ci sta e scrive al Ministro Speranza
Pedoja (segretario SISMLA): «La revisione del decreto 70 del 2015 in merito alla definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici degli ospedali proposta dal Ministero della Salute non tiene conto del ruolo dell’area medico legale»
di Federica Bosco
Elezioni, Regimenti (Lega): «Formazione professionale continua e lotta al precariato le mie priorità»
La presidente dell’associazione Medicina Legale Contemporanea è in corsa nel collegio senatoriale Fiumicino – Ostia – Ciampino. «La presenza di medici in Parlamento può migliorare la sanità italiana», afferma a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...