Lavoro 28 Febbraio 2014 15:14

Medici italiani in Svizzera: Consulcesi tenta una mediazione

Il direttore generale dell’Associazione, Simona Gori: “Faremo di tutto per garantire ai medici italiani la possibilità di operare in piena serenità oltre frontiera”

Medici italiani in Svizzera: Consulcesi tenta una mediazione

Per quanto a noi possibile, faremo di tutto per garantire ai medici italiani la possibilità di operare in piena serenità oltre frontiera, interagendo e collaborando eventualmente con le istituzioni preposte”. È questo l’impegno che assume Simona Gori, Direttore Generale di Consulcesi, la più importante associazione medica del nostro Paese e tra le principali in Europa, in relazione alla vicenda che sta preoccupando e non poco decine di professionisti sanitari “transfrontalieri”.

Ma ricostruiamo la vicenda. Pochi giorni fa i cittadini svizzeri sono stati chiamati a partecipare ad un referendum in cui veniva loro chiesto se volessero o meno modificare la Costituzione federale per introdurre “tetti massimi annuali” nel numero di lavoratori provenienti dall’estero e diretti in territorio elvetico. Il 50,3 per cento degli aventi diritto ha dato il suo consenso a questa modifica. Ciò significa che i cittadini non svizzeri avranno molte più difficoltà rispetto a prima a lavorare in territorio elvetico.

Stiamo aprendo linee di comunicazione e collaborazione con le istituzioni locali.

In aggiunta a tutto questo, non molto tempo fa l’Ufficio Sanità ticinese ha stabilito che i Good Professional Standings, ovvero i certificati redatti dal Ministero della Salute italiano necessari per valutare la qualità di un medico, non possono più essere accettati perché basati su un’autodichiarazione. Ciò non avveniva solo pochi mesi fa, quando il documento era fornito dagli ordini professionali provinciali. La conseguenza è che 150 camici bianchi italiani non possono più esercitare in Svizzera.

Su questa chiusura nei confronti dei professionisti sanitari italiani, Sanità Informazione aveva chiesto un parere a Roberto Carlo Rossi, presidente dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano, il quale ha confermato di essersi subito attivato nei confronti delle autorità svizzere per tentare di risolvere la situazione.

“Seguiamo da vicino la vicenda anche perché – aggiunge Simona Gori, a nome dell’Associazione che rappresenta, ad oggi, oltre 50.000 associati – oltre alla struttura operante nel nostro Paese, gestiamo un’importante sede proprio nel Canton Ticino. In questi giorni stiamo aprendo linee di comunicazione e collaborazione con le istituzioni locali al fine di risolvere la questione nel migliore dei modi”.

Articoli correlati
Suicidio assistito, eutanasia e rinuncia ai trattamenti salvavita: ecco cosa si può fare e cosa è vietato in Italia
Gobber (SICP): «Con la sentenza n.242 del 2019 la Corte Costituzionale aveva chiesto al Parlamento di legiferare in materia di suicidio assistito. Ad oggi, in Italia, resta una pratica illegale. È, invece, del tutto legittimo che il paziente rinunci a qualsiasi intervento sanitario, anche salvavita»
di Isabella Faggiano
In Brianza si produrrà Sputnik V, il vaccino russo
Accordo tra la Adienne Pharma Biotech e la Russia, anche senza il consenso dell'Ue. Entro fine anno 10 milioni di dosi, con l'inizio della produzione a luglio
La Svizzera ha finito i posti in terapia intensiva, chiesto intervento dell’esercito
Dalla Ssmi svizzera la richiesta ai pazienti di rendere subito note le disposizioni sull'interruzione eventuale di cure salvavita in terapia intensiva
Svizzera, un medico italiano denuncia: «Sanitari positivi asintomatici in corsia»
Una testimonianza da un medico italiano a lavoro in Svizzera. Per rispondere alla mancanza di personale, medici positivi e asintomatici rimandati in reparto
di Federica Bosco
Covid-19, gli svizzeri già nella fase 2. Un medico italiano dell’ospedale di Sion racconta come hanno fermato l’epidemia
«Lockdown parziale, tamponi solo a sintomatici, nessuna terapia pionieristica e ospedali dedicati con cinque livelli di criticità. Ma arrivati al terzo la curva ha iniziato a scendere»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi