Lavoro 13 Aprile 2018

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pensione in cumulo

Buone notizie per i medici in pensione. L’Enpam comunica infatti che sono in arrivo gli aumenti sugli assegni in base all’inflazione e che la prima pensione in cumulo è stata liquidata. Beneficiaria di quest’ultima è una dottoressa che aveva presentato la domanda un anno fa, ma adesso, annuncia il Presidente dell’ente Alberto Oliveti, «rapidamente potranno essere liquidate tutte le pensioni di chi ha fatto richiesta». Gli adeguamenti sono invece scattati dal primo gennaio 2018 e arriveranno, con tutti gli arretrati, appena le autorità vigilanti daranno il via libera formale.

Ma di quanto aumenteranno le pensioni? «Per i redditi fino a quattro volte il minimo Inps (543,72 euro al mese) – specifica l’ente di previdenza di medici e dentisti -, i regolamenti dei Fondi di previdenza della Fondazione prevedono un incremento pari al 75% dell’indice Istat dei prezzi al consumo (nel 2017 l’1,1%). L’aumento previsto per questa fascia è quindi dello 0,83%. Per una pensione di 2000 euro al mese lordi l’aumento, quindi, sarà di circa 200 euro all’anno. Sulla parte di pensione che supera quattro volte il minimo Inps – prosegue l’Enpam – l’incremento previsto è dello 0,50% dell’indice di inflazione (cioè 0,55%)».

«A differenza del metodo applicato dall’ente dei medici e dei dentisti – prosegue la Fondazione elencando i vantaggi dell’Enpam ai medici in pensione e a chi sta per andarci -, il meccanismo di perequazione dell’Inps va dal 100% per le pensioni più basse (entro tre volte il minimo) fino a scendere al 45% per gli importi oltre sei volte il reddito minimo. Inoltre, diversamente dal sistema dell’Enpam che ha una formula di tutela con una rivalutazione per scaglioni di reddito, l’adeguamento dell’Inps interessa l’importo complessivo. Cioè – spiega l’Enpam in una nota -, se per via del proprio reddito si ha diritto a una percentuale di rivalutazione ridotta, l’istituto pubblico applica quella percentuale sull’intero assegno, non solo sulla parte che eccede determinate soglie. C’è da considerare poi – precisa – che la Fondazione ha sempre rivalutato le pensioni, mentre nel caso dell’Inps gli adeguamenti sono stati pari a zero per due anni (2012-2013), accumulando così un ritardo che si trascina nel tempo».

LEGGI ANCHE: PENSIONI IN CUMULO, È FATTA. RAGGIUNTO L’ACCORSO TRA INPS E ENPAM: PAGAMENTI DAL 20 APRILE

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Oliveti (Enpam): «Il medico di famiglia sia il primario del suo reparto»
«Il Covid ci lascia un futuro con tante fragilità, che obbligano anche la professione a pensare a quale sarà il proprio ruolo Per questo credo che il medico di famiglia debba diventare e sentirsi il primario del suo reparto di medicina fiduciaria, nell’interesse del cittadino che deve trovare un’assistenza primaria multidisciplinare»
Trattativa pensioni, Cignarelli (Codirp): «Utilizzare risorse del Recovery Fund per prepensionare lavoratori a rischio Covid»
Ai nostri microfoni, la Segretaria generale della Confederazione Dirigenti della Repubblica spiega cosa non sta andando ai tavoli di trattativa con il Ministero del Lavoro e quali sono le soluzioni per riformare il sistema (e prevedere maggiore flessibilità in uscita)
Enpam, ulteriore proroga: entro il 15 ottobre scelta tra rinvio “breve” e “lungo”
L'opzione "rinvio lungo" è riservata a chi ha avuto un calo di fatturato del 33% e ai neo iscritti, va fatta entro il 15 ottobre 2020. Confermate le scadenze per la Quota B 2020
Enpam va verso un nuovo rinvio dei contributi previdenziali
Un ulteriore rinvio per il pagamento dei contributi previdenziali già sospesi per emergenza Covid. La nuova proposta di Enpam
Scadenze fiscali, tutti i termini dei versamenti estivi per i medici di Medicina Generale
Ecco le scadenze fiscali che i medici di continuità assistenziale e di assistenza primaria dovranno affrontare nei prossimi mesi. La prima il 20 agosto per Irpef e Iva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 ottobre, sono 39.965.414 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.113.307 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...