Lavoro 23 Luglio 2021 15:51

Medici e PNNR, mozione al Consiglio nazionale FNOMCeO: «Coinvolgere i professionisti»

Bocciato, o meglio rimandato a settembre, il Documento “Agenas” sulle Case di Comunità, previste dalla Missione 6 Salute del Piano nazionale di ripresa e resilienza

Medici e PNNR, mozione al Consiglio nazionale FNOMCeO: «Coinvolgere i professionisti»

Bocciato, o meglio rimandato a settembre, il Documento “Agenas” sulle Case di Comunità, previste dalla Missione 6 Salute del Piano nazionale di ripresa e resilienza. A esprimere il giudizio, questa mattina a Roma, il Consiglio nazionale della FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, il massimo organismo esponenziale della Professione.

«Non è sufficiente a dare risposte esaustive alle necessità di riorganizzazione del Servizio sanitario nazionale, per soddisfare i bisogni di salute dei cittadini – hanno affermato i 106 presidenti degli Ordini italiani, in una mozione approvata all’unanimità -. Le rilevanti risorse impegnate, infatti, serviranno a potenziare le strutture o a sostenere interventi di carattere tecnologico che di per sé non sono sufficienti a determinare un processo riformatore che al SSN necessita. Senza un investimento sui professionisti non si migliora il sistema».

In particolare, fanno presente i medici, «da qui al 2026 verranno realizzate le strutture di 1288 Case della Comunità ma non è dato di conoscere la copertura agli oneri del personale necessario per avviarle».

Apprezzamento viene espresso invece «per l’impegno profuso per risolvere l’annoso problema dell’imbuto formativo, sebbene molte criticità restino per il mancato avvio quest’anno del Corso di formazione in medicina generale». Un ringraziamento al Ministro della Salute, Roberto Speranza, per aver portato a 17.400 le borse di specializzazione e aver aumentato di 900 quelle per la Medicina Generale è stato condiviso dall’Assemblea.

Le richieste della FNOMCEO

Di seguito le otto richieste avanzate dal Consiglio Nazionale della Federazione:

  • che vi sia un analogo investimento economico destinato ai professionisti per permettere ai medici le migliori condizioni di operare con competenza e qualità in sicurezza;
  • che si apra un tavolo di confronto con i rappresentanti della professione perché i processi di riforma non siano appannaggio di “pochi” ma si avvii un dibattito nel Paese;
  • che si dia una risposta ai temi sulle disuguaglianze che in questi ultimi 20 anni non sono state colmate nel Paese;
  • che sia effettivamente valorizzato il ruolo del medico, ruolo caratterizzato dal rispetto dei principi di autonomia e di responsabilità e dal rapporto di fiducia tra medico e paziente, che rende peculiare l’esercizio della professione medica. Un ruolo che ha un risvolto sociale importante così come si è evidenziato nel corso della pandemia e che ha garantito la tutela della salute collettiva;
  • che si avvii una reale riforma del SSN che valorizzi i ruoli e le funzioni degli attori del SSN, nel rispetto delle specifiche competenze, evitando il rischio di sovrapporre alle effettive necessità di riorganizzazione del SSN le spinte di promozione categoriale di alcune professioni;
  • che si definisca l’ambito delle peculiari competenze mediche attraverso atti ordinamentali a garanzia della tutela della salute dei cittadini;
  • che si affronti in modo concreto il rapporto tra ospedale e territorio, rapporto che i professionisti sentono come una necessità e che può essere ottimizzato anche per il tramite di sistemi informatici sviluppati sulla base di un processo di analisi sostenuto da chi ha in cura l’assistito;
  • che sia rilevata e garantita la dignità professionale e la sicurezza su lavoro per tutti i sanitari che costantemente sono impegnati a garantire l’assistenza in costante deficit di personale.

«Il mondo medico che rappresentiamo è da tempo pronto a raccogliere la sfida per un’evoluzione efficace, equa e sostenibile del nostro Servizio sanitario nazionale – concludono i presidenti degli Ordini -. Solo dall’interazione e dalla condivisione tra chi ha la responsabilità delle scelte programmatorie e i professionisti che saranno chiamati a realizzarle, può svilupparsi il migliore e più efficace modello di organizzazione sanitaria al servizio dei cittadini».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Smi, Cgil Medici e Simet a Speranza: «Rilanciare medicina generale con contratto innovativo e dignitoso»
Pina Onotri, Andrea Filippi e Mauro Mazzoni, in rappresentanza dei tre sindacati, scrivono una lettera al Ministro della Salute sul contratto dei MMG e sul Pnrr
Gli anestesisti contestano Anelli: «Il documento Fnomceo disegna contorni aberranti per il 118»
Aaroi Emac disapprova l’audizione in Senato della Federazione degli Ordini dei Medici sulla riforma del 118
La proposta FNOMCeO: chiedere status vaccinale a chi accede a SSN e provare a convincere indecisi
Come convincere chi non vuole fare il vaccino? Prima di pensare all'obbligo il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Anelli fa una proposta a Speranza
Cure domiciliari, richiesta di FNOPI: «Infermiere sia protagonista in autonomia»
FNOPI chiede alle Regioni di non prendere decisioni senza aver prima concordato tutto. In una lettera alle istituzioni Mangiacavalli ricorda come nelle cure a casa la figura infermieristica sia presente il triplo delle altre
Igienisti dentali, Di Marco (CDN): «PNRR occasione unica per assistiti con vulnerabilità sanitaria e sociale»
La presidente della Commissione d'Albo nazionale degli Igienisti Dentali Caterina Di Marco: «Una presenza maggiore nel SSN contribuirebbe a ridurre le spese terapeutiche sia per patologie odontoiatriche che sistemiche, come cardiopatie, diabete, parti pre-termine»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco