Lavoro 13 Dicembre 2019

Manovra 2020, indennizzo per ex specializzandi ’78-2006. De Poli: «Ingiustizia per 118mila medici, giusto trovare un accordo»

Presentati due subemendamenti per chiudere il contenzioso generato dalla tardiva applicazione delle direttive Ue per la formazione post laurea dei medici specialisti: rimborsi forfettari di 8 e 15mila euro annui

La lunga vertenza dei medici ex specializzandi entra nella Manovra economica 2020. Due subemendamenti (Atto Senato 1586 – sub emendamento 55.0.2000) propongono infatti la soluzione transattiva su cui si dibatte da tempo per porre fine al contenzioso che sta vedendo da anni lo Stato soccombere di fronte ai ricorsi presentati dai medici che tra il 1978 ed il 2006 non hanno ricevuto l’adeguata remunerazione durante la scuola di specializzazione sebbene questo fosse previsto da precise direttive europee (75/362/CEE, del Consiglio, del 16 giugno 1975, 75/363/CEE del Consiglio, del 16 giugno 1975, e 82/76/CEE del Consiglio, del 26 gennaio 1982). La platea degli interessanti dalla vicenda è di circa 118mila medici.

I provvedimenti presentati in Senato vedono il senatore Antonio De Poli come primo firmatario, ai quali si sono aggiunti i colleghi Antonio Saccone, Gilberto Picchetto Fratin, Dario Damiani, Massimo Ferro e Raffaele Fantetti. Viene proposto un indennizzo di 8mila euro per ogni annualità del corso a quanti si sono immatricolati tra il 1978 ed il 1992 e di 15mila euro per gli specializzandi del periodo 93-2006. Alla remunerazione, a titolo fortettario, verrà inoltre aggiunta la rivalutazione monetaria decorrente dall’8 agosto 1991 alla data di entrata in vigore della presente legge, nonché gli interessi compensativi al tasso legale medio tempore maturati sulle somme rivalutate anno per anno. Ne abbiamo parlato con il primo firmatario, il senatore Antonio de Poli.

Senatore, due subemendamenti alla legge di bilancio potrebbero finalmente mettere fine all’annosa questione del contenzioso tra i medici ex specializzandi e lo Stato. Cosa prevedono?

«Si tratta di una grande ingiustizia per circa 118mila medici che in Italia ancora stanno aspettando quanto dovuto della specializzazione fatta dal 1978 al 2006. I due subemendamenti che abbiamo preparato riguardano proprio questo aspetto: il riconoscimento non solo del percorso fatto come specializzandi, ma anche dell’aspetto economico. Speriamo che questa volta il Governo ci ascolti e finalmente lo Stato italiano riconosca il percorso fatto da tutti questi centinaia di migliaia di medici che aspettano da anni il riconoscimento del proprio percorso. Oggi, che in Italia mancano decine e decine di migliaia di medici, ancora una volta lo Stato non riconosce quelli che hanno già fatto un percorso importante nel proprio iter formativo».

Ciò che lei propone è una transazione che permette di avere il giusto riconoscimento per gli anni di scuola post-laurea frequentati. In cosa consiste precisamente?

«Abbiamo pensato che era giusto venirci incontro. Siamo istituzioni dello stato, siamo parlamentari e vogliamo che la cosa vada a buon fine attraverso una soluzione tra i ricorsi dei medici ex specializzandi e lo Stato italiano. Un giusto equlibrio per dare una risposta finale a questo annoso problema».

In realtà è anche un modo per far risparmiare lo Stato, perché altrimenti le cause vanno avanti e lo Stato continua a perdere.

«Sì, è una cosa che non si capisce. Se si riesce a fare un accordo, una transazione, significa far risparmiare decine centinaia di milioni allo stato e dall’altra parte chiudere un annoso problema. Credo che sia un emendamento, una soluzione di buon senso».

 

CONSULCESI: «SOLUZIONE DI BUON SENSO. IMPORTANTE NON PERDERE DIRITTO A RIMBORSO AVVIANDO IL RICORSO»

«La questione ora è ad appannaggio dei Tribunali, ma è corretto che il Parlamento si riappropri del suo ruolo. La soluzione transattiva, già proposta da diversi Ddl in maniera bipartisan e ora inserita in Manovra, consentirebbe ai medici penalizzati di veder riconosciuto il loro diritto – afferma il Presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella -. Ne gioverebbe anche lo Stato ed il Sistema Salute con un concreto risparmio di fondi che potrebbero essere reinvestiti proprio nella sanità pubblica, a vantaggio di operatori e pazienti. Abbiamo anche sensibilizzato Bruxelles sul tema, l’abbiamo portata all’attenzione del Parlamento europeo da cui è arrivato uno sprone al Governo a chiudere la vertenza. Questo sta per accadere ed è importante che ora i medici che non lo hanno ancora fatto formalizzino il ricorso per ottenere l’indennizzo». Per ottenere le informazioni ed il supporto legale, è possibile andare sul sito Consulcesi www.consulcesi.it oppure contattare il numero verde 800.122.777.

Articoli correlati
Ex specializzandi, lo Stato paga altri 18 milioni. Il racconto della vicenda dagli inizi ad oggi
Continuano le sentenze in favore dei camici bianchi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante la scuola post-laurea. Online un reportage esclusivo che racconta ciò che è successo in questi anni, dal ritardo con cui lo Stato italiano si è adeguato alle direttive europee agli ultimi Ddl presentati in Senato
Ex specializzandi, raffica di sentenze: Stato condannato a pagare altri 18 milioni
Con le ultime vittorie salgono ad otto le pronunce positive da gennaio nonostante lo stop imposto dal Covid-19. Tortorella (Presidente Consulcesi): «Tribunali e Corti continuano a sanare ingiustizia. Impegno politico bipartisan su Ddl per l’accordo conferma volontà politica di trovare soluzione ma il provvedimento va migliorato»
Ddl ex specializzandi, il senatore Zaffini: «Lo Stato dimostri di essere Stato»
Tra i 28 firmatari dei Disegni di legge che prevedono una soluzione transattiva alla vicenda degli ex specializzandi, il senatore auspica un'approvazione rapida dei testi
Ddl ex specializzandi, indennizzi solo a chi ha fatto ricorso. Consulcesi: «Tutelare il diritto con le azioni legali»
Il sì bipartisan accelera l’iter per l’accordo transattivo. Anche la FNOMCeO appoggia l’iniziativa parlamentare per i medici specialisti 78-2006. La dottrina conferma il diritto con la pubblicazione del professor Sergio Di Amato sulla rivista della “School of law” della Luiss
Ex specializzandi, anche la FNOMCeO appoggia i Ddl per la transazione
Il presidente Anelli: «Invitiamo ad approvare i provvedimenti e a individuare le risorse necessarie per chiudere l’annosa questione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...