Lavoro 16 Settembre 2021 16:54

Malpractice, quando rischia di pagare il sanitario e come evitarlo. Soluzioni pratiche dagli esperti C&P

Nel webinar organizzato da Consulcesi & Partners analizzate le principali casistiche della responsabilità civile sanitaria

Malpractice, quando rischia di pagare il sanitario e come evitarlo. Soluzioni pratiche dagli esperti C&P

Un sinistro ogni dieci giorni e una media risarcitoria che ormai supera gli 80 mila euro. Numeri che i professionisti della sanità conoscono bene. Ma prevenire è meglio che curare, anche in tema di malpractice sanitaria. E quindi, da come redigere in maniera corretta il consenso informato, indugiando sulla migliore strategia legale da assumere in caso di richieste danni, per finire con la copertura legale migliore da inserire nella assicurazione: sono tanti i consigli pratici forniti dagli esperti di Consulcesi & Partners nel webinar dedicato alla responsabilità professionale di medici e professionisti della sanità dal titolo “Questioni pratiche in tema di responsabilità civile del sanitario.

«In un excursus che parte dalla lettera di messa in mora di un paziente ed arriva fino alla fase giudiziale passando per la procedura di mediazione o per l’accertamento tecnico preventivo ai fini conciliativi – si legge in una nota -, molti sono gli aspetti da tenere in considerazione per un corretto approccio ad un caso di malpractice», analizzati dall’avv. Francesco Cecconi e la dottoressa Mariavittoria Michelacci.

«Davanti ad un contenzioso sanitario che non ha mai cessato di aumentare osserviamo il prolificare di proposte di società che, a vario titolo, si schierano apertamente a favore della categoria dei pazienti, talvolta con messaggi ben oltre i limiti dell’etica e del rispetto della professione sanitaria – commenta Simona Gori, Amministratore Delegato di Consulcesi & Partners che ha presenziato al dibattito -. A fronte di queste realtà, rare sono invece le iniziative che si prefiggono di fornire un altrettanto elevato livello di tutela dei medici e dell’intera categoria sanitaria che, il più delle volte preoccupata delle conseguenze penali, trascura i ben più gravi rischi patrimoniali sottesi ad una controversia civile professionale».

«C&P ha quindi deciso di scendere in campo per fornire ai professionisti della sanità un servizio altrettanto qualificato e multidisciplinare, che possa garantire una prestazione difensiva realmente efficace e sinergica a tutela dei molteplici interessi personali, patrimoniali, lavorativi, disciplinari ed assicurativi generalmente coinvolti in un caso di responsabilità sanitaria» conclude Gori.

«Il primo consiglio è quello di rivolgersi immediatamente ad un avvocato specializzato in ambito sanitario per rispondere alle contestazioni e per smontare la ricostruzione dei fatti posti a fondamento della domanda risarcitoria – suggerisce l‘avvocato Cecconi rispondendo ad alcune domande inviate dai professionisti -. È decisivo affidarsi ad un legale fin dal momento in cui si riceve la lettera di messa in mora, che rappresenta il primo atto con cui un medico prende conoscenza della richiesta di risarcimento nei suoi confronti, lettera che è solitamente redatta dal legale del paziente, supportata da una perizia medico-legale confezionata da un medico legale e da uno specialista della materia».

Quindi, il consiglio di «inserire nella polizza assicurativa obbligatoria la copertura legale per essere coperti delle spese in caso di coinvolgimento in procedure giudiziarie». Come emerge dal dibattito, infatti, la copertura assicurativa della personale responsabilità civile è decisiva soprattutto in caso di condanna del sanitario in solido con la struttura che, se priva di assicurazione, potrebbe indurre l’avvocato del paziente a preferire la strada del pignoramento del patrimonio del medico. «Però – spiega Cecconi – affinché la compagnia assicurativa copra effettivamente il medico di questo rischio è opportuna la sua chiamata in causa nel giudizio nel momento in cui il medico si costituisce nella fase giudiziale ordinaria o cautelare».

Un consiglio per sanitari, questa volta offerto da Mariavittoria Michelacci, riguarda l’importanza di redigere bene il consenso informato da sottoporre e far sottoscrivere al paziente prima dell’intervento chirurgico o terapeutico poiché, come spiega la dottoressa, «è posto a tutela il diritto costituzionalmente protetto dell’autodeterminazione del paziente. È indispensabile procedere in modo ineccepibile alla redazione del consenso informato in quanto il risarcimento del danno per la violazione di questo diritto costituzionale è dovuto anche a prescindere dall’esistenza di un danno biologico».

Alla fine del procedimento giudiziale che può assolvere o condannare il professionista sanitario, quest’ultimo può poi scegliere, sempre previo confronto con i propri legali, «di procedere all’impugnazione della sentenza, che però non sospende l’efficacia esecutiva della condanna; quindi qualora un medico o un esercente delle professioni sanitarie venga condannato ad un risarcimento economico, anche se decidesse di procedere all’impugnazione, dovrà comunque onorare il pagamento previsto dalla sentenza», prosegue Michelacci.

«In caso di accertamento di responsabilità del sanitario che operi in una struttura pubblica – conclude -, questa potrebbe poi attivare l’azione di rivalsa nei suoi confronti, con il rischio di doverla rimborsare nei limiti di massimale previsti dalla Legge Gelli».  Gli esperti di Consulcesi & Partners sono a disposizione per consulenze gratuite sia attraverso i canali social che attraverso il numero verde 800.122.777.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Sulla responsabilità penale del pediatra
Una recente sentenza si è espressa sulla responsabilità penale del pediatra: non trattenere il minore per accertamenti è omicidio colposo
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
La responsabilità del medico specialista
Ci occupiamo di un caso di responsabilità del medico specialista. Per la Cassazione questi non può considerarsi un mero esecutore
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Violazione del segreto professionale del medico
Violazione del segreto professionale del medico. Cosa si rischia e come viene gestito dalle coperture assicurative di RC professionale
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 febbraio 2023, sono 670.807.149 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.833.473 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni