Lavoro 2 gennaio 2018

Legge Lorenzin, il plauso dei chiropratici: «Finalmente nuove professioni sanitarie svincolate da sostegno politico»

L’Associazione Italiana Chiropratici si congratula con le Istituzioni e annuncia: «Dal 2019 Roma ospiterà il primo corso di laurea in Italia, della durata di 8 anni, dell’Università americana Life»

La chiropratica sarà la prima professione sanitaria a partecipare alla nuova procedura di regolamentazione professionale prevista dalla Legge Lorenzin. L’Associazione Italiana Chiropratici si congratula in una nota con le Istituzioni e in particolare con l’Onorevole Mario Marazziti «per gli importanti cambiamenti apportati al sistema delle professioni sanitarie attraverso l’approvazione definitiva in Senato del Ddl Lorenzin».

LEGGI ANCHE: DDL LORENZIN APPROVATO IN VIA DEFINITIVA AL SENATO: ISTITUITE PROFESSIONI SOCIOSANITARIE

La chiropratica, riconosciuta attraverso una legge di dieci anni fa come professione sanitaria primaria, ha «vissuto sulla propria pelle le anomalie del vecchio sistema legislativo» che regolamentava le categorie professionali, un sistema basato per troppo tempo su «“elargizioni” di prerogativa politica, sulla continua ricerca dell’appoggio politico giusto o, ancora, del beneplacito di categorie professionali già esistenti, chiamate a pronunciarsi sulla possibilità di riconoscere altre professioni», prosegue la nota.

«D’ora in poi – sottolinea il Presidente dei chiropratici John Williams – grazie al lavoro svolto dalle istituzioni, il riconoscimento delle nuove professioni sanitarie sarà svincolato dalle pratiche consolidate di vecchia concezione», essendo basato su tempi certi e i passaggi di responsabilità ben definiti tra le Istituzioni competenti. Per questo motivo «l’Associazione Italiana Chiropratici è particolarmente lieta di esprimere la propria soddisfazione nei risultati della riforma appena approvata e di poter lavorare di concerto con le Istituzioni nell’interesse dei cittadini e dei pazienti italiani».

L’Aic è anche fiduciosa «del buon esito della futura discussione che avrà luogo tra Ministero della Salute, Miur, Consiglio Universitario Nazionale e Consiglio Superiore della Sanità sulla formazione dei professionisti sanitari», continua la nota.

I chiropratici sono dei professionisti laureati riconosciuti soprattutto per i loro interventi terapeutici sulla colonna vertebrale, ma anche per tutte le articolazioni del corpo, la muscolatura e i problemi bio-psico-sociali che provocano disfunzioni dell’apparato neuro muscolo scheletrico. Ma come si diventa chiropratico? In Italia non esiste ancora un corso universitario dedicato. La legge numero 244 del 2007 ha disciplinato la figura del chiropratico prevedendo la necessità di una specifica laurea magistrale e ha previsto l’istituzione di un registro presso il Ministero della Salute, che avrebbe dovuto essere attuato con regolamento entro 6 mesi dall’entrata in vigore ma che ad oggi non è stato ancora emanato.

«Nel frattempo – annuncia il Presidente Williams -, la più grande università americana, la Life University, ha deciso di aprire un corso di laurea a Roma. Prenderà il via nel 2019 e sarà una laurea della durata di 8 anni: tre anni di prerequisiti (molto simili a quelli degli studenti di medicina) e 5 anni di corso chiropratico».

Articoli correlati
Fisioterapisti, dal bilancio Aifi 2018 record di iscritti e 78 eventi organizzati. Ecco analisi “sociale”
Il 2018 è stato un anno importante e «denso di avvenimenti»per l’Aifi (Associazione italiana Fisioterapisti).  «Il 2019 sarà un anno di transizione, in cui si intensificherà sempre di più l’attività di carattere tecnico scientifico e si ridurraà progressivamente quella deputata alla rappresentatività professionale, delegata all’ordine TSRM – PSTRP» fa sapere l’Aifi in una nota stampa. I […]
Professioni sanitarie, Beux (Tsrm Pstrp): «Problema equivalenza titoli è ‘dramma’, serve soluzione tecnica. Ma abusivi vanno contrastati»
A quasi un anno dall’entrata in vigore della legge Lorenzin, il Governo inizia a muoversi sul fronte del riconoscimento titoli. «Aprire i percorsi per riconoscere l’equivalenza dei titoli oppure occorre l’intervento politico» così Alessandro Beux, presidente della Federazione nazionale delle Professioni sanitarie tecniche
Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»
Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Vaccini, perché in Italia sono obbligatori e in altri Paesi no? Lo spiega Rezza (ISS) sul British Medical Journal
«Non è irragionevole che il governo italiano consideri la possibilità di rivedere l’obbligatorietà dei vaccini. Ma qualunque modifica dovrebbe essere guidata da evidenze scientifiche, supportata da investimenti adeguati e valutata con attenzione, non affrettata con tanta urgenza». Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, interviene sulla questione vaccini con un lungo […]
Vaccini, il ballo delle incertezze. Cosa è cambiato davvero per medici, ASL, scuole e famiglie?
Grillo: «Autocertificazione sufficiente, dichiarare il falso è reato». Smentita di Di Maio: «Rimane in vigore vecchia Legge». La preoccupazione della comunità scientifica: «Le statistiche parlano chiaro…»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...