Lavoro 2 Gennaio 2018

Legge Lorenzin, il plauso dei chiropratici: «Finalmente nuove professioni sanitarie svincolate da sostegno politico»

L’Associazione Italiana Chiropratici si congratula con le Istituzioni e annuncia: «Dal 2019 Roma ospiterà il primo corso di laurea in Italia, della durata di 8 anni, dell’Università americana Life»

La chiropratica sarà la prima professione sanitaria a partecipare alla nuova procedura di regolamentazione professionale prevista dalla Legge Lorenzin. L’Associazione Italiana Chiropratici si congratula in una nota con le Istituzioni e in particolare con l’Onorevole Mario Marazziti «per gli importanti cambiamenti apportati al sistema delle professioni sanitarie attraverso l’approvazione definitiva in Senato del Ddl Lorenzin».

LEGGI ANCHE: DDL LORENZIN APPROVATO IN VIA DEFINITIVA AL SENATO: ISTITUITE PROFESSIONI SOCIOSANITARIE

La chiropratica, riconosciuta attraverso una legge di dieci anni fa come professione sanitaria primaria, ha «vissuto sulla propria pelle le anomalie del vecchio sistema legislativo» che regolamentava le categorie professionali, un sistema basato per troppo tempo su «“elargizioni” di prerogativa politica, sulla continua ricerca dell’appoggio politico giusto o, ancora, del beneplacito di categorie professionali già esistenti, chiamate a pronunciarsi sulla possibilità di riconoscere altre professioni», prosegue la nota.

«D’ora in poi – sottolinea il Presidente dei chiropratici John Williams – grazie al lavoro svolto dalle istituzioni, il riconoscimento delle nuove professioni sanitarie sarà svincolato dalle pratiche consolidate di vecchia concezione», essendo basato su tempi certi e i passaggi di responsabilità ben definiti tra le Istituzioni competenti. Per questo motivo «l’Associazione Italiana Chiropratici è particolarmente lieta di esprimere la propria soddisfazione nei risultati della riforma appena approvata e di poter lavorare di concerto con le Istituzioni nell’interesse dei cittadini e dei pazienti italiani».

L’Aic è anche fiduciosa «del buon esito della futura discussione che avrà luogo tra Ministero della Salute, Miur, Consiglio Universitario Nazionale e Consiglio Superiore della Sanità sulla formazione dei professionisti sanitari», continua la nota.

I chiropratici sono dei professionisti laureati riconosciuti soprattutto per i loro interventi terapeutici sulla colonna vertebrale, ma anche per tutte le articolazioni del corpo, la muscolatura e i problemi bio-psico-sociali che provocano disfunzioni dell’apparato neuro muscolo scheletrico. Ma come si diventa chiropratico? In Italia non esiste ancora un corso universitario dedicato. La legge numero 244 del 2007 ha disciplinato la figura del chiropratico prevedendo la necessità di una specifica laurea magistrale e ha previsto l’istituzione di un registro presso il Ministero della Salute, che avrebbe dovuto essere attuato con regolamento entro 6 mesi dall’entrata in vigore ma che ad oggi non è stato ancora emanato.

«Nel frattempo – annuncia il Presidente Williams -, la più grande università americana, la Life University, ha deciso di aprire un corso di laurea a Roma. Prenderà il via nel 2019 e sarà una laurea della durata di 8 anni: tre anni di prerequisiti (molto simili a quelli degli studenti di medicina) e 5 anni di corso chiropratico».

Articoli correlati
Formazione ECM, Vicario (FNOPO): «L’aggiornamento per noi è un punto vitale»
Con il rinnovo del codice deontologico degli infermieri, anche le ostetriche sono al lavoro per adeguare il proprio corpus. Tra i punti di maggiore interesse emerge quello dell’Educazione Continua in Medicina
I medici non si aggiornano. A rischio sospensione 4 su 10
Secondo l’ultimo rapporto del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie relativo al triennio 2014-2016, solo il 54% degli operatori è in regola. Un dato che risulta particolarmente allarmante se si considera la scadenza del nuovo triennio 2017-2019
Riconoscimento laurea quinquennale in chiropratica, AIC: «Incontro positivo al Ministero della Sanità»
L'Associazione Italiana Chiropratici ha incontrato il sottosegretario alla sanità On. Coletto e la vice presidente della Commissione Cultura Scienza e Istruzione, On. Latini, che hanno accolto con favore le istanze dei professionisti italiani sul percorso di formazione dei chiropratici
Vaccini, scatta obbligo certificazione: due bambini allontanati nel Lazio da scuola. Grillo: «Numeri della copertura vaccinale sono alti, il dibattito ha funzionato»
I presidi: «Rischiamo denunce per abuso di atti d’ufficio ma applichiamo soltanto la legge». Nel Movimento Cinque Stelle fronda chiede che i ragazzi siano fatti entrare a scuola
di Isabella Faggiano
Vaccini, scatta l’ora x: niente scuola per bambini 0-6 anni senza certificazione. Grillo: «Tutti hanno avuto il tempo per mettersi in pari»
Multe ai genitori, invece, per i bambini di elementari, medie e superiori fino a 16 anni. Intanto vaccinati in aumento secondo i dati del Ministero: in molti casi superata soglia del 95%
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...