Lavoro 2 gennaio 2018

Legge Lorenzin, il plauso dei chiropratici: «Finalmente nuove professioni sanitarie svincolate da sostegno politico»

L’Associazione Italiana Chiropratici si congratula con le Istituzioni e annuncia: «Dal 2019 Roma ospiterà il primo corso di laurea in Italia, della durata di 8 anni, dell’Università americana Life»

La chiropratica sarà la prima professione sanitaria a partecipare alla nuova procedura di regolamentazione professionale prevista dalla Legge Lorenzin. L’Associazione Italiana Chiropratici si congratula in una nota con le Istituzioni e in particolare con l’Onorevole Mario Marazziti «per gli importanti cambiamenti apportati al sistema delle professioni sanitarie attraverso l’approvazione definitiva in Senato del Ddl Lorenzin».

LEGGI ANCHE: DDL LORENZIN APPROVATO IN VIA DEFINITIVA AL SENATO: ISTITUITE PROFESSIONI SOCIOSANITARIE

La chiropratica, riconosciuta attraverso una legge di dieci anni fa come professione sanitaria primaria, ha «vissuto sulla propria pelle le anomalie del vecchio sistema legislativo» che regolamentava le categorie professionali, un sistema basato per troppo tempo su «“elargizioni” di prerogativa politica, sulla continua ricerca dell’appoggio politico giusto o, ancora, del beneplacito di categorie professionali già esistenti, chiamate a pronunciarsi sulla possibilità di riconoscere altre professioni», prosegue la nota.

«D’ora in poi – sottolinea il Presidente dei chiropratici John Williams – grazie al lavoro svolto dalle istituzioni, il riconoscimento delle nuove professioni sanitarie sarà svincolato dalle pratiche consolidate di vecchia concezione», essendo basato su tempi certi e i passaggi di responsabilità ben definiti tra le Istituzioni competenti. Per questo motivo «l’Associazione Italiana Chiropratici è particolarmente lieta di esprimere la propria soddisfazione nei risultati della riforma appena approvata e di poter lavorare di concerto con le Istituzioni nell’interesse dei cittadini e dei pazienti italiani».

L’Aic è anche fiduciosa «del buon esito della futura discussione che avrà luogo tra Ministero della Salute, Miur, Consiglio Universitario Nazionale e Consiglio Superiore della Sanità sulla formazione dei professionisti sanitari», continua la nota.

I chiropratici sono dei professionisti laureati riconosciuti soprattutto per i loro interventi terapeutici sulla colonna vertebrale, ma anche per tutte le articolazioni del corpo, la muscolatura e i problemi bio-psico-sociali che provocano disfunzioni dell’apparato neuro muscolo scheletrico. Ma come si diventa chiropratico? In Italia non esiste ancora un corso universitario dedicato. La legge numero 244 del 2007 ha disciplinato la figura del chiropratico prevedendo la necessità di una specifica laurea magistrale e ha previsto l’istituzione di un registro presso il Ministero della Salute, che avrebbe dovuto essere attuato con regolamento entro 6 mesi dall’entrata in vigore ma che ad oggi non è stato ancora emanato.

«Nel frattempo – annuncia il Presidente Williams -, la più grande università americana, la Life University, ha deciso di aprire un corso di laurea a Roma. Prenderà il via nel 2019 e sarà una laurea della durata di 8 anni: tre anni di prerequisiti (molto simili a quelli degli studenti di medicina) e 5 anni di corso chiropratico».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Beux (Tsrm Pstrp): «Problema equivalenza titoli è ‘dramma’, serve soluzione tecnica. Ma abusivi vanno contrastati»
A quasi un anno dall’entrata in vigore della legge Lorenzin, il Governo inizia a muoversi sul fronte del riconoscimento titoli. «Aprire i percorsi per riconoscere l’equivalenza dei titoli oppure occorre l’intervento politico» così Alessandro Beux, presidente della Federazione nazionale delle Professioni sanitarie tecniche
Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»
Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Vaccini, perché in Italia sono obbligatori e in altri Paesi no? Lo spiega Rezza (ISS) sul British Medical Journal
«Non è irragionevole che il governo italiano consideri la possibilità di rivedere l’obbligatorietà dei vaccini. Ma qualunque modifica dovrebbe essere guidata da evidenze scientifiche, supportata da investimenti adeguati e valutata con attenzione, non affrettata con tanta urgenza». Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, interviene sulla questione vaccini con un lungo […]
Vaccini, il ballo delle incertezze. Cosa è cambiato davvero per medici, ASL, scuole e famiglie?
Grillo: «Autocertificazione sufficiente, dichiarare il falso è reato». Smentita di Di Maio: «Rimane in vigore vecchia Legge». La preoccupazione della comunità scientifica: «Le statistiche parlano chiaro…»
Chiropratici, l’appello al governo di Williams (AIC): «Profilo professionale e percorso formativo vanno definiti presto»
Chiedendo l’adozione in tempi rapidi dei decreti attuativi necessari per l’applicazione della Legge Lorenzin, il Presidente dell’Associazione Italiana Chiropratici pone l’accento sulla necessità di istituire un corso di laurea di cinque anni per adeguarsi agli altri stati europei ed alle indicazioni OMS: «In tre anni è impossibile formare un chiropratico»
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...