Salute 21 Ottobre 2019 16:45

Professioni sanitarie, Bonazzi (FSI-USAE): «Accesso a dirigenza bloccato, cambiare normative»

Il segretario della Federazioni Sindacati Indipendenti – USAI Adamo Bonazzi lancia l’idea di rivedere la legge 43 del 2006 creando un’area “professionals” a livello contrattuale che si collochi tra il comparto e la dirigenza: «Ordine è punto di arrivo, ora occorre processo legislativo che dia un senso compiuto dal punto di vista giuridico ed economico all’interno dei contratti di lavoro»

Professioni sanitarie, Bonazzi (FSI-USAE): «Accesso a dirigenza bloccato, cambiare normative»

L’Ordine è una grande conquista ma ora è tempo per le professioni sanitarie di riconoscimenti anche a livello contrattuale, a partire dal tema della dirigenza. Parola di Adamo Bonazzi, segretario generale Federazioni Sindacati Indipendenti – Organizzazione costituente Usai, che ai microfoni di Sanità Informazione spiega perché al processo legislativo che ha portato all’istituzione del maxi Ordine delle professioni sanitarie (TSRM e PSTRP) vada ora affiancato un analogo percorso a livello giuridico ed economico, a partire dalla spinosa questione della dirigenza. «La legge 43 del 2006 ha stabilito per le professioni sanitarie una serie di gradini successivi» spiega il sindacalista che aggiunge: «La prima parte di questa scala sta dentro il comparto, non sta dentro la dirigenza che è riservata solo a pochi professionisti. Quindi è evidente che fino a che c’è la 43 la dirigenza tout court per le professioni sanitarie del comparto oggi non è possibile». La soluzione può essere dunque la creazione di «un’area cuscinetto» riservata ai quadri e che si collochi a metà «tra il comparto e la dirigenza».

Segretario, in questi giorni si parla delle professioni sanitarie, a Rimini si è svolto il primo Congresso nazionale. Sono oltre 200mila professionisti in Italia tra pubblico e privato. Quali sono le principali problematiche dal punto di vista sindacale che lei si trova ad affrontare?

«Questi lavoratori nel tempo sono cresciuti. Gli ultimi 20 anni hanno visto uno sviluppo di questa categoria in modo sostanziale. Questo Congresso è il punto di arrivo di un processo che è cominciato nel 1983 con i tecnici di radiologia e con i relativi albi e che poi ha visto i sindacati e anche le associazioni combattere prima per i profili, poi per la 42 del 1999 e per tutte le leggi che si sono susseguite fino all’arrivo della legge Lorenzin che ha riordinato il settore. Quest’Ordine che è unico per 19 professioni è sicuramente un punto di arrivo. Sindacalmente noi dobbiamo fare in modo che questo processo legislativo abbia un senso compiuto dal punto di vista giuridico ed economico all’interno dei contratti di lavoro».

Uno dei temi è quello del contratto, mentre u altro tema è quello della dirigenza. Cosa si può fare da questo punto di vista?

«Il tema della dirigenza è un tema piuttosto complicato perché con poca visione, quando è nata la legge 43 del 2006 ha stabilito per le professioni sanitarie una serie di gradini successivi: la prima parte di questa scala sta dentro il comparto, non sta dentro la dirigenza che è riservata solo a pochi professionisti. Quindi è evidente che fino a che c’è la 43 la dirigenza tout court per le professioni sanitarie del comparto oggi non è possibile. Questo è un ostacolo che va rimosso. Credo che però derivi dalla parte politica, non è un problema contrattuale. Contrattualmente c’è un problema più semplice, che si risolverebbe creando quello che il Codice civile già prevede, cioè l’area dei quadri, potremmo chiamarla l’area dei professionals, una parola oggi molto utilizzata: naturalmente questo risolverebbe il problema perché l’area dei quadri anche nel privato sta tra il comparto e la dirigenza. È un’area cuscinetto che risolverebbe il problema perché le professioni inizialmente sarebbero in questa area e poi avrebbero uno sviluppo nell’area dirigenziale».

Articoli correlati
Il Consiglio di Stato: «L’Oss non è una professione sanitaria». Il Migep: «La partita è ancora aperta»
Quattro gli obiettivi che la Federazione Migep OSS e il sindacato Shc OSS intendono raggiungere con coesione tra tutti gli operatori: istituire un registro nazionale, comporre un tavolo tecnico, inaugurare un osservatorio e rivedere la formazione
di Isabella Faggiano
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Gli Audiometristi puntano agli “ambulatori 4.0”
Rodolfo Sardone, presidente SIA: «Digitalizzare la sanità non basta. È necessario formare il personale sanitario che utilizza le nuove tecnologie, fin dall’università. L’abilitazione digitale è necessaria anche tra i pazienti, soprattutto i più anziani»
di Isabella Faggiano
Per la logopedia ogni età è quella giusta
Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»
di Isabella Faggiano
Gli igienisti dentali al tavolo tecnico sull’odontoiatria. Di Marco (CDAN): «Implementare la nostra presenza nel SSN»
Telemedicina tra app e tutorial, l’igienista dentale: «Da un lato eseguiamo procedure, dall’altro siamo i coach dei nostri pazienti per la cura della sua salute orale. È il mantenimento domiciliare che fa la reale differenza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM