Salute 21 Ottobre 2019

Professioni sanitarie, Bonazzi (FSI-USAE): «Accesso a dirigenza bloccato, cambiare normative»

Il segretario della Federazioni Sindacati Indipendenti – USAI Adamo Bonazzi lancia l’idea di rivedere la legge 43 del 2006 creando un’area “professionals” a livello contrattuale che si collochi tra il comparto e la dirigenza: «Ordine è punto di arrivo, ora occorre processo legislativo che dia un senso compiuto dal punto di vista giuridico ed economico all’interno dei contratti di lavoro»

Immagine articolo

L’Ordine è una grande conquista ma ora è tempo per le professioni sanitarie di riconoscimenti anche a livello contrattuale, a partire dal tema della dirigenza. Parola di Adamo Bonazzi, segretario generale Federazioni Sindacati Indipendenti – Organizzazione costituente Usai, che ai microfoni di Sanità Informazione spiega perché al processo legislativo che ha portato all’istituzione del maxi Ordine delle professioni sanitarie (TSRM e PSTRP) vada ora affiancato un analogo percorso a livello giuridico ed economico, a partire dalla spinosa questione della dirigenza. «La legge 43 del 2006 ha stabilito per le professioni sanitarie una serie di gradini successivi» spiega il sindacalista che aggiunge: «La prima parte di questa scala sta dentro il comparto, non sta dentro la dirigenza che è riservata solo a pochi professionisti. Quindi è evidente che fino a che c’è la 43 la dirigenza tout court per le professioni sanitarie del comparto oggi non è possibile». La soluzione può essere dunque la creazione di «un’area cuscinetto» riservata ai quadri e che si collochi a metà «tra il comparto e la dirigenza».

Segretario, in questi giorni si parla delle professioni sanitarie, a Rimini si è svolto il primo Congresso nazionale. Sono oltre 200mila professionisti in Italia tra pubblico e privato. Quali sono le principali problematiche dal punto di vista sindacale che lei si trova ad affrontare?

«Questi lavoratori nel tempo sono cresciuti. Gli ultimi 20 anni hanno visto uno sviluppo di questa categoria in modo sostanziale. Questo Congresso è il punto di arrivo di un processo che è cominciato nel 1983 con i tecnici di radiologia e con i relativi albi e che poi ha visto i sindacati e anche le associazioni combattere prima per i profili, poi per la 42 del 1999 e per tutte le leggi che si sono susseguite fino all’arrivo della legge Lorenzin che ha riordinato il settore. Quest’Ordine che è unico per 19 professioni è sicuramente un punto di arrivo. Sindacalmente noi dobbiamo fare in modo che questo processo legislativo abbia un senso compiuto dal punto di vista giuridico ed economico all’interno dei contratti di lavoro».

Uno dei temi è quello del contratto, mentre u altro tema è quello della dirigenza. Cosa si può fare da questo punto di vista?

«Il tema della dirigenza è un tema piuttosto complicato perché con poca visione, quando è nata la legge 43 del 2006 ha stabilito per le professioni sanitarie una serie di gradini successivi: la prima parte di questa scala sta dentro il comparto, non sta dentro la dirigenza che è riservata solo a pochi professionisti. Quindi è evidente che fino a che c’è la 43 la dirigenza tout court per le professioni sanitarie del comparto oggi non è possibile. Questo è un ostacolo che va rimosso. Credo che però derivi dalla parte politica, non è un problema contrattuale. Contrattualmente c’è un problema più semplice, che si risolverebbe creando quello che il Codice civile già prevede, cioè l’area dei quadri, potremmo chiamarla l’area dei professionals, una parola oggi molto utilizzata: naturalmente questo risolverebbe il problema perché l’area dei quadri anche nel privato sta tra il comparto e la dirigenza. È un’area cuscinetto che risolverebbe il problema perché le professioni inizialmente sarebbero in questa area e poi avrebbero uno sviluppo nell’area dirigenziale».

Articoli correlati
TSRM e radioprotezione, varato il D.Lgs. 101 sulle norme fondamentali di sicurezza. FNO TSRM e PSTRP: «Figura ne esce rafforzata»
La nuova normativa inerente i principi generali di radioprotezione, nella sezione che riguarda le esposizioni mediche, supera il paradigma pre legge 42/99 che aveva fortemente caratterizzato il decreto legislativo 187/2000, verso il nuovo modello organizzativo fondato sul lavoro d’équipe, la competenza dei professionisti, il rispetto delle autonomie, l’interdisciplinarità, le procedure, i protocolli (algoritmi decisionali)
Massofisioterapisti, F.I.MFT: «C’è ancora tanto da fare»
Nonostante l’istituzione, presso l’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, dell’elenco speciale Massofisioterapisti (dm 9/8/19, art.5), sono ancora tante le improrogabili necessità e problematiche legate alla categoria dei Massofisioterapisti. Da tempo la F.I.MFT (Federazione Italiana Massofisioterapisti) si adopera e collabora con le Istituzioni al fine […]
di Giacomo Russo, Presidente F.I.MFT (include AIMFI, AIMTES e AMS)
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»
La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, i numeri della FNO TSRM e PSTRP: oltre 151mila iscritti agli Albi, quasi 22mila agli elenchi speciali
In una lettera ai presidenti provinciali e al Ministero della Salute il Presidente Alessandro Beux ha voluto ricordare l'anniversario del primo luglio 2018, giorno dell'apertura delle iscrizioni: «Numeri impressionanti, in termini assoluti e relativi; numeri che testimoniano l’affidabilità sia di coloro che, prima, li hanno stimati sia di coloro che, dopo, li hanno determinati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...