Lavoro 19 luglio 2016

Legge Cirinnà, il ruolo dei medici: «Figura necessaria nell’ascolto dei minori»

Incontro formativo interdisciplinare in occasione della Giornata Nazionale sulla Famiglia. Spoletini (Presidente Centro Nazionale Studi e Ricerche Diritto Famiglia e Minori): «I medici sono l’ “orecchio” di avvocati e magistrati: fondamentale formazione per non farsi trovare impreparati»

Avvocati e magistrati possono seguire una vicenda familiare dal punto di vista legale, ma è il medico a dover “prestare orecchio” ai diretti interessati, minorenni in primis. Per questo la sinergia tra le diverse professionalità è fondamentale. La Giornata Nazionale sulla Famiglia, organizzata dal Centro Nazionale Studi e Ricerche sul diritto della famiglia e dei minori, ha dato l’occasione alle parti in causa per discutere di di unioni civili, evoluzione della famiglia e tutela dei diritti dei minori, alla luce dell’entrata in vigore della legge Cirinnà (n.76/2016). L’incontro diventerà poi un corso di formazione per medici e avvocati, valido ai fini dell’aggiornamento professionale. Ai microfoni di Sanità Informazione, Lello Spoletini, Presidente del Centro Nazionale Studi e Ricerche Diritto Famiglia e Minori e organizzatore del convegno, ha spiegato i motivi per cui una sinergia professionale di questo tipo è di fondamentale importanza per grandi e minori.

«Un appuntamento importantissimo, anche se consideriamo un fattore importante: quando si parla di famiglia, quando si parla di problematiche e di crisi all’interno della famiglia, ci si deve riunire tutti quanti intorno ad un tavolo per poterne discutere con attenzione. Il senso di questa giornata è proprio questo. Alla conferenza nazionale sulla famiglia sono presenti avvocati, psichiatri, psicologi e magistrati, ovvero tutte le professionalità che debbono prestare la massima attenzione nel momento in cui c’è una famiglia che si disgrega, sia essa una famiglia fondata sul matrimonio, sia essa, invece, una famiglia di fatto. Contestualmente ogni volta che c’è una problematica che interessa soprattutto il minore dobbiamo intervenire, e dobbiamo farlo lasciando da parte quelle classiche dinamiche processuali in cui si bada semplicemente a chi vince e a chi perde. All’interno del diritto di famiglia, in una causa di separazione o di divorzio, non c’è nessuno che vince e non c’è nessuno che perde. Dobbiamo invece dare importanza e attenzione al minore presente in quella famiglia che si sta disgregando. Il senso di questa giornata dunque è proprio questo: cercare di intervenire lì insieme a tutte le professionalità coinvolte, ma soprattutto capire le nuove norme che sono state promulgate in quest’anno, nello specifico la legge n.76/2016, in modo da recepirla e intervenire di conseguenza».

L’importanza del tema merita ovviamente un seguito. Grazie alle potenzialità offerte da internet, questa giornata diventerà un corso di formazione per avvocati e medici. Si tratta dunque di un’occasione per sfruttare le nuove tecnologie per affrontare un argomento così importante.  

«Si tratta di un aspetto importantissimo, perché la formazione è il punto fondamentale, il punto nodale di professioni difficili come quelle dell’avvocato, dello psicologo o dello psichiatra. Ognuno deve imparare con attenzione tutto quel che serve ad operare al meglio quando davanti a noi c’è un minore.  Ma è un lavoro che va fatto in sinergia. Un avvocato non può, per ovvie ragioni, ascoltare il minore come possono fare invece psicologo e psichiatra, che in qualche modo diventano l’orecchio del giudice in alcuni casi e dell’avvocato in tanti altri».

Questa sinergia tra medici e avvocati può ripresentarsi anche in altri ambiti, proprio alla luce delle tante evoluzioni normative a cui stiamo assistendo?

«Senza dubbio. Diciamo che l’interdisciplinarietà in questo momento è importante perché non si può essere un bravo avvocato senza curare tutte quelle che sono le specialità che intervengono in un determinato processo. Nel processo di diritto di famiglia serve sinergia con i medici, in un altro processo ci potrebbe essere interdisciplinarietà con ingegneri, architetti, e così via».

Articoli correlati
Perché i medici odiano i computer?
«Nel 2015, sono stato costretto a seguire un corso di informatica di 16 ore. Della dozzina di chirurghi che erano con me, nessuno voleva stare lì». Il rapporto tra medici e computer nelle parole del chirurgo statunitense Atul Gawande, professore alla Harvard Medical School
Aggressioni ai medici, Francesca Perri (Ares 118 Lazio): «Problema culturale. Veniamo colpiti perché rappresentiamo uno Stato assente o che non aiuta abbastanza»
Nell’intervista esclusiva a Sanità informazione Francesca Perri, medico 118 e sindacalista Anaao-Assomed, reclama interventi concreti dalle istituzioni: «Noi facili bersagli della rabbia sociale». L’operatore del territorio è più esposto: «Noi siamo tre-quattro persone sull’ambulanza, la prima cosa che ci viene detto appena arriviamo è sempre: ‘Quanto ci avete messo!’»
Corruzione in sanità, Silenzi: «Medici siano i ‘custodi’ delle risorse. Bene trasparenza, ma non demonizzare privato»
«Ogni decisione terapeutica ha delle ripercussioni non solo sulla salute ma anche sui costi del SSN», sottolinea il vicepresidente della Società Italiana Medici Manager che aggiunge: «Importante permettere al cittadino di conoscere le strutture sanitarie in base ai dati sugli esiti e quelli che sono gli indicatori di qualità»
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Il medico ti allunga la vita: la campagna dell’OMCeO Bari rivolta ai cittadini
Una grande torta con le candeline – ben 105 – campeggia da qualche giorno sui cartelloni pubblicitari delle strade di Bari, accompagnata dalla scritta “Il tuo medico ti allunga la vita”. È la nuova campagna di comunicazione dell’Ordine dei medici di Bari per promuovere la continuità di rapporto con il proprio medico, che “ti fa […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...