Lavoro 28 Ottobre 2014

Sanità ai raggi X, per i professionisti il referto parla chiaro: troppi obblighi e poche certezze

Il parere del dottor Salvatore Barbagallo, presidente dell’OMCeO di La Spezia

Immagine articolo

Tempi duri per i medici italiani, alle prese con tanti obblighi ma poche tutele. Sanità Informazione, nel cercare di far luce su cosa stia realmente succedendo al mondo della sanità, e su quali possono essere le chiavi per risolverne le criticità, ha raccolto il parere del dottor Salvatore Barbagallo, presidente dell’Ordine dei Medici – Chirurghi e Odontoiatri di La Spezia.

“Il momento di difficoltà che stiamo vivendo confluisce in problematiche che sicuramente erano già presenti – sostiene Barbagallo – ma che ora si sono acuite. Ciò comporta una maggiore gravosità della vita lavorativa del personale sanitario, già messo quotidianamente a dura prova (pensiamo ad esempio ai turni di lavoro)”.

Piove sempre sul bagnato, e lo dimostra l’obbligo assicurativo recentemente entrato in vigore anche per i medici: una ennesima tegola, con tutto il caos e le incertezze che ne conseguono. Per il presidente Barbagallo “il ristoro di un danno patito ingiustamente è sacrosanto ma, nel nostro caso, deve essere proporzionato agli emolumenti percepiti: non si può ragionare con stipendi all’italiana e risarcimenti “all’americana”. Stipulare una polizza di Rc professionale – continua Barbagallo – è sicuramente un dovere per il medico, perché i pazienti siano garantiti, ma anche perché il professionista operi in serenità, mettendo al riparo il proprio patrimonio da richieste risarcitorie. Ma – aggiunge il presidente – tutto deve essere correlato agli onorari effettivi del medico: non è pensabile, ad esempio, che un giovane medico, che opera in speciali branche chirurgiche, debba pagare una polizza equivalente all’ammontare del suo stipendio”.

Il presidente dell’Ordine spezzino ha le idee chiare anche sulla tutela dei diritti del medico, per garantire i quali è opportuno, in certi casi, adire le aule di giustizia: come nel caso dei rimborsi che i medici chiedono per i turni massacranti cui sono sottoposti, appellandosi alla direttiva europea sul tema che l’Italia ha violato: “La carenza di personale ha portato le aziende sanitarie ad occupare i medici anche oltre le tempistiche previste dal contratto di lavoro, venendo meno anche ai necessari tempi di recupero. Se le legge prevede un rimborso per questo – conclude Barbagallo – mi sembra doveroso procedere in tal senso”.

Articoli correlati
D’Amato: «Oltre 19 mila accessi nei primi sei mesi all’ospedale dei Castelli»
Oltre 19 mila accessi al Pronto soccorso, 140 assunzioni fra medici, infermieri e oss, oltre 26 mila prestazioni di specialistica ambulatoriale e l’apertura, nei giorni scorsi, di 10 posti letto di breve osservazione che consentirà di ridurre la pressione sul Pronto soccorso. Sono solamente alcuni dei numeri dell’attività del nuovo ospedale dei Castelli illustrati nel […]
Liste di attesa, il bilancio di Cittadinanzattiva: «Ancora troppo lunghe, 10 mesi per una Tac. Speranza è il nuovo Piano nazionale»
Piano nazionale di governo delle Liste di Attesa, Fava (Cittadinanzattiva): «Da aprile tutte le Regioni sono al lavoro per il recepimento della normativa. Poi, dovranno essere realizzati i piani aziendali. Per tutte le prestazioni del SSN ci saranno dei tempi massimi di attesa e i medici dovranno sempre indicare i codici di priorità»
di Isabella Faggiano
Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»
«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»
Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Giornata del Chimico-Fisico, Orlandi (FNCF): «Ambiente e salute, nostro ruolo decisivo. Politica ne tenga conto»
A Roma celebrata la prima giornata nazionale del Chimico-Fisico, professione ora inserita tra quella sanitarie. «Non mancano nella nostra categoria sfide legate all’intelligenza artificiale, ai big data, all’evoluzione delle apparecchiature e conseguentemente l’impatto sulla salute di queste tecnologie sia in ambito ospedaliero che in ambito industriale e ambientale», sottolinea la presidente dell'Ordine Nausicaa Orlandi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...