Lavoro 14 Ottobre 2021 14:26

Isole senza sanitari, Donigaglia (Anspi): «Manca il 25% del personale. Servono incentivi economici»

Il presidente dell’Associazione nazionale sanitaria delle piccole isole: «Le isole sono territori poco appetibili perché costa raggiungerle e viverci. Le scarse casistiche di prestazioni e interventi chirurgici compromettono la preparazione sul campo e la possibilità di far carriera»

di Isabella Faggiano

Se sulla terra ferma i vuoti in organico sono ancora tollerabili, o per lo meno arginabili, sulle isole si sono trasformati in delle vere e proprie voragini. Ai bandi di concorso per medici e professionisti sanitari non si presenta quasi più nessuno. L’ultimo caso è quello di  Lipari, dove la selezione pubblica è andata deserta, lasciando gli isolani senza un’adeguata assistenza sanitaria.

Perché nessuno vuole lavorare sulle isole

«Le isole sono territori poco appetibili perché costa raggiungerle e viverci», spiega Gianni Donigaglia, presidente dell’Anspi, l’Associazione nazionale sanitaria delle piccole isole. Immaginiamo un giovane medico, che pur non avendo ancora messo su famiglia, decidesse di lavorare in un ospedale isolano: dovrebbe affittare una casa e sostenere il costo dei viaggi di andata e ritorno per fare visita ad amici e parenti sulla terra ferma. E tutto a proprie spese.

«I contratti di medici e professionisti sanitari che prestano servizio sulle Isole non prevedono nessun tipo di premio, né rimborso spese. I meccanismi incentivanti, spesso, non sono a regime e i tetti di spesa previsti sono del tutto insufficienti», dice Donigaglia. Ma le tasche non sono le uniche a rimetterci. Anche la possibilità di migliorare la propria preparazione sul campo o di far carriera sono compromesse. «Le casistiche che ci si trova ad affrontare, soprattutto per i chirurghi, sono piuttosto modeste», aggiunge il presidente dell’Anspi. Mancanze di stimoli economici e professionali che oggi si sono trasformate in un’assenza di personale non più sostenibile: «La carenza di medici e sanitari sulle isole è di circa il 25% del reale fabbisogno».

Soluzioni possibili

L’Anspi, che al tema ha dedicato il suo ultimo Congresso Nazionale (il 19esimo), è da sempre in prima linea per proporre soluzioni concrete. «Già due anni fa, durante un’audizione concessaci alle Camere, avevamo proposto l’istituzione di un fondo speciale per la sanità isolana. Suggerimento – sottolinea Donigagalia – che oggi continuiamo a ribadire. Per offrire un’assistenza sanitaria adeguata ai cittadini delle isole, in linea con quella garantita negli altri luoghi d’Italia, sarebbe necessario un fondo annuo di circa 700-800 milioni di euro. Il personale sanitario impiegato nelle aziende sanitarie pubbliche isolane è di circa mille unità. Una cifra irrisoria rispetto a quella operante in tutta la penisola, che sfiora cifra 800mila. Per questo – sottolinea Donigaglia – riteniamo che sia piuttosto semplice adoperarsi per trovare una soluzione ad hoc, per questa ristretta categoria di lavoratori, piuttosto che –  conclude –  mettere mano all’intero contratto collettivo nazionale di lavoro della Sanità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia
La Cassazione: colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia. Una diagnosi errata può infatti provocare danni seri al paziente
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
«Il decreto specializzandi è una soluzione tampone. No al task shifting». Intervista a Filippo Anelli
Il presidente della FNOMCeO: «Chiediamo una ristrutturazione della formazione specialistica: va esercitata all’interno degli ospedali. Il task shifting può essere adottato solo nei Paesi del terzo mondo o nei teatri di guerra. Il tempo della comunicazione fra il medico e paziente, così come per legge, è tempo di cura»
Medici in fuga e maxipensionamenti, Zuccarelli (OMCeO): «Oggi fare il medico non ha più appeal»
Il punto su turni massacranti, formazione continua e aumento borse di specializzazione
Mascherine, i medici: «Si pensi anche a preparare gli ospedali per l’autunno, siamo sfiniti»
Il sindacato CIMO-FESMED: «In percentuale, i casi di Covid-19 tra gli operatori sanitari continuano ad essere di più rispetto alla popolazione. Rivedere i percorsi e riorganizzare le strutture sanitarie per consentire il ricovero di pazienti Covid e non Covid»
La denuncia di Quici (Cimo-Fesmed): «L’84% dei medici che entrano nel SSN non ha nessuna aspettativa di carriera»
Turni che superano le 48 ore, 11mila strutture complesse e semplici tagliate, un taglio del salario accessorio del 20% rispetto al 5% della riduzione del numero dei medici e poi ancora le aggressioni e il contenzioso. Il presidente CIMO spiega cosa affrontano i medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...