Lavoro 14 Ottobre 2021 14:26

Isole senza sanitari, Donigaglia (Anspi): «Manca il 25% del personale. Servono incentivi economici»

Il presidente dell’Associazione nazionale sanitaria delle piccole isole: «Le isole sono territori poco appetibili perché costa raggiungerle e viverci. Le scarse casistiche di prestazioni e interventi chirurgici compromettono la preparazione sul campo e la possibilità di far carriera»

di Isabella Faggiano

Se sulla terra ferma i vuoti in organico sono ancora tollerabili, o per lo meno arginabili, sulle isole si sono trasformati in delle vere e proprie voragini. Ai bandi di concorso per medici e professionisti sanitari non si presenta quasi più nessuno. L’ultimo caso è quello di  Lipari, dove la selezione pubblica è andata deserta, lasciando gli isolani senza un’adeguata assistenza sanitaria.

Perché nessuno vuole lavorare sulle isole

«Le isole sono territori poco appetibili perché costa raggiungerle e viverci», spiega Gianni Donigaglia, presidente dell’Anspi, l’Associazione nazionale sanitaria delle piccole isole. Immaginiamo un giovane medico, che pur non avendo ancora messo su famiglia, decidesse di lavorare in un ospedale isolano: dovrebbe affittare una casa e sostenere il costo dei viaggi di andata e ritorno per fare visita ad amici e parenti sulla terra ferma. E tutto a proprie spese.

«I contratti di medici e professionisti sanitari che prestano servizio sulle Isole non prevedono nessun tipo di premio, né rimborso spese. I meccanismi incentivanti, spesso, non sono a regime e i tetti di spesa previsti sono del tutto insufficienti», dice Donigaglia. Ma le tasche non sono le uniche a rimetterci. Anche la possibilità di migliorare la propria preparazione sul campo o di far carriera sono compromesse. «Le casistiche che ci si trova ad affrontare, soprattutto per i chirurghi, sono piuttosto modeste», aggiunge il presidente dell’Anspi. Mancanze di stimoli economici e professionali che oggi si sono trasformate in un’assenza di personale non più sostenibile: «La carenza di medici e sanitari sulle isole è di circa il 25% del reale fabbisogno».

Soluzioni possibili

L’Anspi, che al tema ha dedicato il suo ultimo Congresso Nazionale (il 19esimo), è da sempre in prima linea per proporre soluzioni concrete. «Già due anni fa, durante un’audizione concessaci alle Camere, avevamo proposto l’istituzione di un fondo speciale per la sanità isolana. Suggerimento – sottolinea Donigagalia – che oggi continuiamo a ribadire. Per offrire un’assistenza sanitaria adeguata ai cittadini delle isole, in linea con quella garantita negli altri luoghi d’Italia, sarebbe necessario un fondo annuo di circa 700-800 milioni di euro. Il personale sanitario impiegato nelle aziende sanitarie pubbliche isolane è di circa mille unità. Una cifra irrisoria rispetto a quella operante in tutta la penisola, che sfiora cifra 800mila. Per questo – sottolinea Donigaglia – riteniamo che sia piuttosto semplice adoperarsi per trovare una soluzione ad hoc, per questa ristretta categoria di lavoratori, piuttosto che –  conclude –  mettere mano all’intero contratto collettivo nazionale di lavoro della Sanità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Responsabilità del medico in caso di omessa informazione
Novità sul consenso informato, grazie ad una recente sentenza della Corte di Cassazione. Quando è responsabile il medico?
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Elezioni amministrative, ecco i professionisti della salute in corsa
Sono oltre 12 milioni gli elettori chiamati al voto per rinnovare i consigli comunali in più di 1100 comuni. Al voto anche la regione Calabria. Numerosi i medici e i professionisti sanitari tra i candidati
di Francesco Torre
Ogni anno i medici regalano all’azienda 10 milioni di ore di straordinario e 5 di ferie arretrate. Il report Anaao
Complice la pandemia e la cronica carenza di personale, i diritti dei medici e dirigenti sanitari vengono sempre meno rispettati e nel 64,2% dei casi le ore in eccedenza non vengono neppure pagate
Poliambulanza Brescia: «Sospesi 21 sanitari no vax, tra di loro nessun medico»
Sono ad oggi 21 su 2.045 gli operatori sanitari di Poliambulanza, struttura ospedaliera di Brescia, privata accreditata con il Servizio sanitario nazionale, sospesi perché risultati non vaccinati contro Covid. «Pochissimi», commenta l’azienda in una nota in cui ha diffuso i numeri dei procedimenti avviati. Fra i dipendenti in questione nessun medico, viene precisato. Gli operatori […]
Medici, Bologna (Coraggio Italia): «Evitare task shifting per meri fini economici, fondamentale monitoraggio dei risultati»
«Il Pnrr Salute potrà funzionare solo se si riparte dalle competenze professionali sanitarie che si acquisiscono durante il percorso universitario». Lo afferma la deputata di Coraggio Italia Fabiola Bologna, oggi all’incontro con l’intersindacale ‘Alleanza per la professione medica’, alla presenza del ministro Roberto Speranza. «Bisogna evitare il task shifting per meri fini economici- aggiunge- affinché […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?