Lavoro 28 Ottobre 2021 20:59

Intimidazioni ai medici veterinari, Grasselli (FVM): «Fenomeno in clamoroso aumento da anni»

Il commento del Presidente della Federazione Veterinari, Medici e Dirigenti Sanitari dopo l’ennesimo caso a Foggia: «Situazione per noi ormai ingestibile»

Intimidazioni ai medici veterinari, Grasselli (FVM): «Fenomeno in clamoroso aumento da anni»

L’auto incendiata ad un medico veterinario di medicina pubblica, dipendente della Asl di Foggia, che opera nel settore degli alimenti di origine animale, riaccende i riflettori sulla questione sicurezza degli operatori sanitari.

La denuncia viene da Sivemp (Sindacato Italiano Veterinari Medicina Pubblica), secondo cui il gesto avrebbe avuto il «chiaro intento di dissuadere il veterinario del Sistema Sanitario Nazionale dal pretendere un puntuale rispetto della legge in tema di sicurezza e protezione dei consumatori, cioè dallo svolgere il suo lavoro a garanzia della filiera alimentare e della salute pubblica».

Si tratta, purtroppo, solo del più recente episodio di intimidazione, e che sia Sivemp il Sindacato dei Veterinari del Ssn che FVM (Federazione Veterinari, Medici e Dirigenti Sanitari) denunciano ripetutamente da tantissimi anni. Tant’è che da qualche anno si richiesta dei medici veterinari pubblici del Sivemp è nato l’Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e sociosanitarie. Un organismo che nasce da una richiesta di maggior assistenza avanzata diversi anni fa da parte del settore, ormai stremato dai continui episodi di reazione e intimidazione contro l’applicazione delle norme di tutela sanitaria.

«Questo osservatorio – spiega a Sanità Informazione Aldo Grasselli, Presidente FVM – è entrato in funzione, poi ha avuto uno stop, poi è ripartito, ma senza assunzione di una qualsiasi iniziativa concreta. Noi abbiamo partecipato per un periodo ai lavori, abbiamo alimentato la documentazione e la casistica, ma poi ce ne siamo dissociati perché non vedevamo prospettive. Anche perché l’osservazione di un fenomeno come quello di cui parliamo è un momento diagnostico. La diagnosi è ormai stata fatta ed è chiara ed evidente: esistono dei territori e dei settori in cui c’è un sostanziale rifiuto delle norme di sanità pubblica, anche a livello di crimine organizzato. A noi ora interessa la terapia: cioè la repressione delle intimidazioni e il sostegno alla sanità veterinaria da parte delle forze dell’ordine e della magistratura».

Una terapia che, secondo Grasselli, consiste in: «Aumentare il numero dei medici veterinari, dato che siamo in una situazione di carenza; aumentare i servizi in loro supporto e finanziarli; dare più risposte corrispondenti ai bisogni della cittadinanza e laddove si avverte una situazione di esposizione al rischio bisogna, usando una metafora calcistica, “raddoppiare la marcatura”. Non è possibile – spiega ancora Grasselli – mandare in avanscoperta, in territori in cui esiste una resistenza alle norme sanitarie, un singolo veterinario che si trova esposto a reazioni sul piano soggettivo. Bisogna mandare più veterinari in gruppo che possano operare in équipe, insieme a tecnici della prevenzione, ove occorre a forze dell’ordine e non ultimi i Nas in modo da dare il senso di una forte determinazione della Pubblica Amministrazione e della “autorità competente” in materia, che è costituita dalla ASL, dalla Regione e dal Ministero della Salute, non certo dal veterinario di turno. Queste situazioni, questi episodi di intimidazione devono finire, anche perché il veterinario ufficiale del Ssn non opera per un suo particolare interesse ma nell’interesse della collettività».

Un fenomeno, quello delle intimidazioni e delle aggressioni anche fisiche sia ai professionisti che ai loro beni e ai loro famigliari che negli ultimi anni è stato in «costante e clamoroso aumento». Un calo del numero di episodi del genere in concomitanza con la pandemia Covid-19 si può solo associare a un calo delle attività commerciali, mentre una recrudescenza del tentativo di intimidazione è associabile a un generale «rifiuto della sanità pubblica e delle sue funzioni di controllo e regolazione» (e che dunque riguarda i professionisti sanitari nel loro complesso) che ha portato ad una «situazione che per noi sta diventando molto rischiosa e ingestibile».

Uno dei problemi più importanti è quello della “personalizzazione” dell’attività di controllo ufficiale svolta dai sanitari: «Quando ci sono situazioni di possibile rischio – conclude Grasselli –, non si può lasciare solo il professionista, ma si deve intervenire sui casi critici con équipe di colleghi, affinché coloro che vogliono intimidire si rendano conto che non hanno di fronte un solo medico ma tutta la Pubblica Amministrazione e lo Stato nel suo complesso. Noi forniamo un servizio pubblico al pari di magistrati e forze dell’ordine e non è pensabile che una rappresentanza dello Stato venga lasciata da sola ed esposta ad un rischio di intimidazione e violenza che mette in pericolo la sua incolumità, quella dei suoi beni e magari anche quella dei suoi familiari».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Influenza aviaria, Ugolini (SIVEMP): «I focolai di Ostia Antica non sono un pericolo per l’uomo»
Il vice-segretario nazionale SIVEMP: «Averli identificati conferma il buon funzionamento del sistema italiano di sorveglianza epidemiologica veterinaria. Quando il virus isolato risulta ad alta patogenicità tutti gli animali presenti nell’allevamento vengono abbattuti e l’ambiente sanificato»
di Isabella Faggiano
Atti vandalici OMCeO Trento, solidarietà dai medici di Napoli. Zuccarelli: «Intollerabile attacco»
«Quanto accaduto a Trento è molto preoccupante, qualcosa che deve far riflettere. Siamo ormai entrati in una nuova fase, dopo le parole e gli insulti, ora sulla professione medica si abbattono atteggiamenti camorristici». Così Bruno Zuccarelli, presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli e provincia, commenta il gesto di vandalismo messo in atto a Trento. Nella […]
Violenze no vax e aggressioni ai sanitari, FIASO chiede sicurezza operatori nell’incontro con il Ministro Speranza
Riunione straordinaria della Presidenza Fiaso dopo gli episodi al Policlinico Umberto I, Migliore: «Urgente la stipula di protocolli operativi con le forze dell’ordine»
No Green Pass assaltano Umberto I, infermiera aggredita e Ps bloccato per ore
Un manifestante della protesta No Green Pass di sabato a Roma era lì in attesa di cure. Insieme ad amici e parenti hanno sfondato la porta d’ingresso del Ps, distrutto apparecchiature sanitarie e aggredito gli operatori. Ruggiero (Nessuno Tocchi Ippocrate): «Copione ormai noto, a Napoli c’è un’aggressione ogni tre giorni»
Fuga dai Pronto soccorso, le proposte Anaao: «Potenziare legge contro aggressioni e riconoscere indennità specifica»
Di Silverio: «Il problema ha radici profonde acuite dal Covid. I carichi di lavoro sono diventati insostenibili e la retribuzione non è commisurata all’onerosità e alla tipologia di lavoro, a cui si somma una sostanziale assenza di sicurezza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre