Lavoro 10 Settembre 2018

Infortuni sul lavoro e malattie professionali, Lucibello (INAIL): «Aggressioni ai medici al centro del Piano di Ricerca 2019-21»

«Patologie osteoarticolari, danni vista e udito, intossicazioni e stress da lavoro». È Giuseppe Lucibello, direttore generale INAIL, a descrivere le principali malattie professionali. Tra il 2017 e il 2018 cresciute del 3,5%: «Per un effetto dell’allungamento della vita lavorativa – ha aggiunto Lucibello – queste patologie cominciano ad abbracciare anche la forbice tra i 50 e i 65 anni. Necessario attivare misure di Active Aging»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Le aggressioni ai danni di medici e personale sanitario saranno uno degli argomenti al centro del Piano di Ricerca 2019-2021 dell’INAIL». Lo ha annunciato ai microfoni di Sanità Informazione Giuseppe Lucibello, direttore generale dell’Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro. «I numeri purtroppo – ha spiegato Lucibello – ci mostrano un fenomeno in aumento, sul quale è necessario intervenire».

Secondo i più recenti dati elaborati dallo stesso Istituto, infatti, ogni giorno, in media, tre medici sono vittime di violenza. Cifra che moltiplicata per un intero anno fa salire i casi di aggressioni a quota 1.200.

LEGGI ANCHE: IL 13 SETTEMBRE A BARI LA GIORNATA NAZIONALE CONTRO LE VIOLENZE AGLI OPERATORI SANITARI. FNOMCEO: «FORMA DI VIOLENZA DUE VOLTE CIECA»

Numeri che, pur fotografando una situazione allarmante, potrebbero non essere una riproduzione fedele della realtà: si teme che gli episodi siano stati sottostimati. Per questo, il direttore generale dell’INAIL ha assicurato che «ci sarà la massima attenzione. L’Istituto, in collaborazione con il Sistema Sanitario Nazionale ed il Sistema Sanitario Regionale si impegnerà a monitorare, sostenere ed analizzare, nello specifico, tutti questi numeri. Una stima – ha spiegato Lucibello –  che servirà anche a programmare gli interventi da mettere in atto».

Non si tratta solo di minacce verbali, ma anche di percosse, violenza fisica, fino alle aggressioni a mano armata. Ad avere la peggio, stando sempre agli ultimi dati elaborati dall’INAIL, sono le donne, vittime nel 68% dei casi. Più in generale, le aggressioni si verificano soprattutto tra le guardie mediche che, per le condizioni in cui si trovano ad operare, sono spesso più a rischio degli altri colleghi.

E mentre i dati sulle aggressioni ai danni di medici e personale sanitario rivelano un quadro sconfortante, i numeri degli infortuni sul luogo di lavoro sono in lieve miglioramento. Secondo i più recenti dati INAIL, che si riferiscono al primo semestre del 2018, gli infortuni totali denunciati sono 379.206, con un decremento dello 0,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Si sono ridotti dello 0,7%, invece, gli infortuni mortali.

I dati INAIL sono stati elaborati e presentati, presso il Parlamentino del CNEL, dall’ANMIL Onlus, in occasione della pubblicazione della seconda edizione del “Rapporto sulla Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro”.

E mentre gli infortuni diminuiscono le patologie professionali aumentano: nel primo semestre del 2017 sono stati 36.224 i casi denunciati, cifra che nel 2018 è arrivata a quota 37.501, con un aumento  del 3,5%.

«Le malattie osteoarticolari, i danni all’udito, al sistema oculare, le intossicazioni, lo stress lavoro-correlato, come conseguenza di una non corretta applicazione di quelle norme che tutelano la salute dei lavoratori – ha spiegato Giuseppe Lucibello – sono le patologie di cui ci si ammala di più sul luogo di lavoro. E per un effetto dell’allungamento della vita lavorativa – ha sottolineato il direttore generale dell’INAIL – la forbice sia degli infortunati, che dei tecnopatici, che degli affetti da malattie professionali, comincia ad allargarsi, abbracciando anche i lavoratori tra i 50 e i 65 anni. Dobbiamo, per questo, essere pronti ad attivare misure di  active aging – ha sottolineato Lucibello – un invecchiamento attivo che tenga conto di una popolazione che ha bisogno di ausili e sostegni diversi rispetto ad una popolazione giovane».

L’INAIL ha analizzato anche la regolarità dei rapporti di lavoro in materia previdenziale e assicurativa: nel semestre gennaio-giugno 2018 sono stati effettuati 87.773 controlli. Nel 65% dei casi sono spuntate irregolarità in materia di rapporti di lavoro, nell’82% in materia di vigilanza tecnica (salute e sicurezza sul lavoro).

«Stiamo investendo sulle nuove tecnologie e sugli strumenti che rendono il lavoro più sicuro – ha detto Lucibello – La robotica, il digitale non tolgono solo lavoro, ma lo tutelano. L’INAIL ha messo a disposizione delle imprese circa un miliardo e 800 mila euro a fondo perduto, da investire nei settori più a rischio».

LEGGI ANCHE: LAVORO, SE NON È MOBBING POTREBBE ESSERE STRAINING. ECCO COS’È E QUALE DANNO PSICO-FISICO PUÒ PROVOCARE

E sugli interventi da mettere in campo per arginare il fenomeno delle aggressioni ai danni di medici e personale sanitario Giuseppe Lucibello ha assicurato che «le idee non mancano». Ma per rilevarne il contenuto preferisce attendere: «Aspettiamo –  ha concluso il direttore generale dell’Inail – che prima vengano vagliate tutte le proposte dei partner di ricerca intenzionati ad aderire alle nostre iniziative».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Aggressioni operatori sanitari, approvato il Ddl in Commissione Sanità: inasprite le pene e introdotta la procedibilità d’ufficio
Previsto inoltre un Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli operatori sanitari al ministero della Salute. Il ministro Grillo: «Un passo importante contro gli odiosi episodi di aggressioni e minacce in corsia»
Medici di Famiglia, FIMMG proclama stato di agitazione. Il segretario Scotti: «Defiscalizzazioni e ‘microteam’, aspettiamo risposte su ACN»
Il Segretario della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale rilancia le proposte del sindacato per chiudere l’Accordo collettivo nazionale: «Incominciamo a ragionare su un team di fiducia, che copre l’arco orario, dando le dovute risposte e smistando le varie richieste» spiega Scotti, che poi chiede anche la decontribuzione per l’assunzione del personale. E non esclude lo sciopero: «Se nessuno ci risponde ci faremo le vacanze»
di Diana Romersi e Giovanni Cedrone
Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»
Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci
Aggressioni, Pd presenta nuovo Ddl alla Camera che introduce fattispecie specifica per il personale sanitario
L’iniziativa, lanciata dai deputati Siani, De Filippo e Lacarra, prevede una modifica dell’attuale art. 582 del codice penale in materia di aggressioni. Se la proposta venisse accettata, contro l’aggressore potrà procedersi d’ufficio senza necessità di denuncia da parte del medico. Anelli (FNOMCeO): «Il tema di come riconoscere i segnali premonitori di una violenza è entrato nella formazione ECM»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...