Lavoro 10 settembre 2018

Infortuni sul lavoro e malattie professionali, Lucibello (INAIL): «Aggressioni ai medici al centro del Piano di Ricerca 2019-21»

«Patologie osteoarticolari, danni vista e udito, intossicazioni e stress da lavoro». È Giuseppe Lucibello, direttore generale INAIL, a descrivere le principali malattie professionali. Tra il 2017 e il 2018 cresciute del 3,5%: «Per un effetto dell’allungamento della vita lavorativa – ha aggiunto Lucibello – queste patologie cominciano ad abbracciare anche la forbice tra i 50 e i 65 anni. Necessario attivare misure di Active Aging»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Le aggressioni ai danni di medici e personale sanitario saranno uno degli argomenti al centro del Piano di Ricerca 2019-2021 dell’INAIL». Lo ha annunciato ai microfoni di Sanità Informazione Giuseppe Lucibello, direttore generale dell’Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro. «I numeri purtroppo – ha spiegato Lucibello – ci mostrano un fenomeno in aumento, sul quale è necessario intervenire».

Secondo i più recenti dati elaborati dallo stesso Istituto, infatti, ogni giorno, in media, tre medici sono vittime di violenza. Cifra che moltiplicata per un intero anno fa salire i casi di aggressioni a quota 1.200.

LEGGI ANCHE: IL 13 SETTEMBRE A BARI LA GIORNATA NAZIONALE CONTRO LE VIOLENZE AGLI OPERATORI SANITARI. FNOMCEO: «FORMA DI VIOLENZA DUE VOLTE CIECA»

Numeri che, pur fotografando una situazione allarmante, potrebbero non essere una riproduzione fedele della realtà: si teme che gli episodi siano stati sottostimati. Per questo, il direttore generale dell’INAIL ha assicurato che «ci sarà la massima attenzione. L’Istituto, in collaborazione con il Sistema Sanitario Nazionale ed il Sistema Sanitario Regionale si impegnerà a monitorare, sostenere ed analizzare, nello specifico, tutti questi numeri. Una stima – ha spiegato Lucibello –  che servirà anche a programmare gli interventi da mettere in atto».

Non si tratta solo di minacce verbali, ma anche di percosse, violenza fisica, fino alle aggressioni a mano armata. Ad avere la peggio, stando sempre agli ultimi dati elaborati dall’INAIL, sono le donne, vittime nel 68% dei casi. Più in generale, le aggressioni si verificano soprattutto tra le guardie mediche che, per le condizioni in cui si trovano ad operare, sono spesso più a rischio degli altri colleghi.

E mentre i dati sulle aggressioni ai danni di medici e personale sanitario rivelano un quadro sconfortante, i numeri degli infortuni sul luogo di lavoro sono in lieve miglioramento. Secondo i più recenti dati INAIL, che si riferiscono al primo semestre del 2018, gli infortuni totali denunciati sono 379.206, con un decremento dello 0,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Si sono ridotti dello 0,7%, invece, gli infortuni mortali.

I dati INAIL sono stati elaborati e presentati, presso il Parlamentino del CNEL, dall’ANMIL Onlus, in occasione della pubblicazione della seconda edizione del “Rapporto sulla Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro”.

E mentre gli infortuni diminuiscono le patologie professionali aumentano: nel primo semestre del 2017 sono stati 36.224 i casi denunciati, cifra che nel 2018 è arrivata a quota 37.501, con un aumento  del 3,5%.

«Le malattie osteoarticolari, i danni all’udito, al sistema oculare, le intossicazioni, lo stress lavoro-correlato, come conseguenza di una non corretta applicazione di quelle norme che tutelano la salute dei lavoratori – ha spiegato Giuseppe Lucibello – sono le patologie di cui ci si ammala di più sul luogo di lavoro. E per un effetto dell’allungamento della vita lavorativa – ha sottolineato il direttore generale dell’INAIL – la forbice sia degli infortunati, che dei tecnopatici, che degli affetti da malattie professionali, comincia ad allargarsi, abbracciando anche i lavoratori tra i 50 e i 65 anni. Dobbiamo, per questo, essere pronti ad attivare misure di  active aging – ha sottolineato Lucibello – un invecchiamento attivo che tenga conto di una popolazione che ha bisogno di ausili e sostegni diversi rispetto ad una popolazione giovane».

L’INAIL ha analizzato anche la regolarità dei rapporti di lavoro in materia previdenziale e assicurativa: nel semestre gennaio-giugno 2018 sono stati effettuati 87.773 controlli. Nel 65% dei casi sono spuntate irregolarità in materia di rapporti di lavoro, nell’82% in materia di vigilanza tecnica (salute e sicurezza sul lavoro).

«Stiamo investendo sulle nuove tecnologie e sugli strumenti che rendono il lavoro più sicuro – ha detto Lucibello – La robotica, il digitale non tolgono solo lavoro, ma lo tutelano. L’INAIL ha messo a disposizione delle imprese circa un miliardo e 800 mila euro a fondo perduto, da investire nei settori più a rischio».

LEGGI ANCHE: LAVORO, SE NON È MOBBING POTREBBE ESSERE STRAINING. ECCO COS’È E QUALE DANNO PSICO-FISICO PUÒ PROVOCARE

E sugli interventi da mettere in campo per arginare il fenomeno delle aggressioni ai danni di medici e personale sanitario Giuseppe Lucibello ha assicurato che «le idee non mancano». Ma per rilevarne il contenuto preferisce attendere: «Aspettiamo –  ha concluso il direttore generale dell’Inail – che prima vengano vagliate tutte le proposte dei partner di ricerca intenzionati ad aderire alle nostre iniziative».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, Frittelli: 76,6% delle strutture ha programma di prevenzione specifico
Il 76,67% delle strutture sanitarie ha elaborato un programma di prevenzione specifico per le aggressioni, mentre il 50% ha avviato accordi con Forze dell’ordine pubblico o altri soggetti (Polizia, Comune Polizia Municipale/Provinciale, Prefettura ecc.) in grado di fornire un supporto per identificare le strategie atte ad eliminare o attenuare la violenza nei servizi sanitari. Sono […]
Aggressioni, Rostan (LeU): «Serve credito d’imposta per studi medici che intendono dotarsi di impianti di sicurezza»
La vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera al Congresso Fimmg:  «Abbiamo registrato oltre tremila episodi negli ultimi tempi con il 65% di medici e infermieri che, almeno una volta nel corso della loro carriera, hanno subito violenze o intimidazioni. Per questo ho chiesto incontro a Salvini»
Legge Bilancio, rapporto deficit-Pil fissato al 2,4%. Sileri (Comm. Sanità): «C’è volontà di sbloccare il rinnovo del contratto dei medici»
«Stiamo lavorando contro le ingerenze politiche in sanità», commenta l’esponente Cinque Stelle. Ieri il Cdm ha approvato in via definitiva il ddl contro le aggressioni ai camici bianchi: prevista aggravante e Osservatorio nazionale
Aggressioni, Grillo: «No a equiparazione con pubblico ufficiale, troppi oneri per i camici bianchi»
Il ministro, rispondendo ad una interrogazione della deputata Rostan, ha parlato anche di Daspo per i violenti negli ospedali. Abolizione dei superticket sulle visite specialistiche, Ministro annuncia misura che sarà finanziata ricontrattando al ribasso i prezzi dei super-farmaci acquistati dallo Stato
Aggressioni ai medici, Rostan (LeU) scrive a Salvini: «Più forze dell’ordine per presidiare i nosocomi campani»
«Nella regione sessanta aggressioni denunciate dall’inizio dell’anno ai danni del personale medico e infermieristico», sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila