Lavoro 9 Settembre 2019 15:47

«Infermiere e sindacalista, vi racconto cosa significa lavorare al San Giovanni Bosco di Napoli»

Luigi Paganelli, infermiere e RSU FP-CGIL, racconta a Sanità Informazione il clima che si respira nel nosocomio napoletano, teatro di molteplici aggressioni: «Qui l’utenza viene già prevenuta»

«Infermiere e sindacalista, vi racconto cosa significa lavorare al San Giovanni Bosco di Napoli»

«A fine turno si fa la conta ‘oggi tre li m… tua , ‘due bestemmie’. Non è normale, ma succede così al San Giovanni Bosco tutti i giorni», è il crudo racconto di Luigi Paganelli, infermiere dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli e sindacalista RSU FP-CGIL. Il nosocomio napoletano è stato negli ultimi mesi teatro di diverse aggressioni, tra le ultime e la più violenta quella ai danni di una dottoressa.

Alla donna, percossa dalla madre e dalla zia di un paziente, è stato diagnosticato un trauma facciale ed un ematoma contusivo alla coscia. «La dottoressa aggredita ha ancora mal di testa e non riesce a tornare al lavoro – spiega Paganelli che conosce la vittima -, vorrebbe rientrare ma non ce la fa e non per la paura, perché lei è una tosta», ma per le conseguenze dell’aggressione.

Un clima di tensione e frustrazione che l’infermiere e sindacalista spiega sia dovuto anche a causa di una campagna mediatica negativa. «Le aggressioni sembrano che siano aumentate anche perché stiamo subendo e abbiamo subito nei mesi scorsi una campagna mediatica martellante. Siamo stati in ordine di tempo: l’ospedale delle formiche, poi siamo diventati l’ospedale della camorra. L’utenza già viene prevenuta in ospedale».

LEGGI: AGGRESSIONI AI CAMICI BIANCHI, A NAPOLI VERTICE FNOMCEO-OMCEO. SCOTTI: «SPERIAMO IN CELERE RISPOSTA LEGISLATIVA»

A rendere i pazienti diffidenti anche le condizioni esteriori dell’ospedale. «Se hai visto qualche foto, – spiega ancora – vedi in che condizioni sta. Quell’ospedale ha poco più di 40 anni, togliendo l’Ospedale del Mare, è l’ospedale più giovane di Napoli e sembra che abbia 150 anni. Non hanno mai fatto un lavoro di ristrutturazione e io lavoro lì da venti anni. Non ricordo un lavoro di manutenzione ordinaria».

«Le aggressioni ci sono quotidianamente», racconta ancora Paganelli che in quella struttura ci lavora tutti i giorni con turni che possono variare dalle sei alle dodici ore, in base alla carenza del personale. «Se non sono fisiche sono verbali. Anche quella è un’aggressione. Il contesto è degradato e di certo non ha aiutato, questa campagna mediatica contro l’ospedale». E si sfoga: «In questo ospedale noi salviamo vite umane. Abbiamo una cardiologia che è tra le prime in Campania per le angiografie. Un day surgery che solo a luglio ha fatto oltre 300 interventi. Abbiamo molte eccellenze, ma quando lo vedi, vedi un rudere».

Quale allora la soluzione? «Serve lo status di pubblico ufficiale e in automatico deve partire la denuncia, perché molti lavoratori, dopo che sono stati aggrediti non denunciano perché hanno paura di ritorsioni successive. Se tu sei un vigile o un poliziotto e vieni aggredito, l’aggressore viene arrestato immediatamente, non serve andare al commissariato». Intanto, l’ex commissario e nuovo Direttore Generale, Ciro Verdoliva è riuscito a ottenere un paio di guardie giurate per bloccare gli accessi secondari, «perché prima entravano tutti a qualsiasi ora e non c’erano controlli fuori», spiega ancora Paganelli. «Oggettivamente il nuovo direttore sta cercando di darci una mano. Ovviamente anche lui è bloccato da vincoli burocratici. Abbiamo fiducia in lui ma ovviamente è a tempo questa fiducia».

I giornali che sono visti parte del problema, potrebbero diventare parte della soluzione. «Se non si inizia a leggere sui giornali che chi ha aggredito un operatore sanitario in un ospedale sta agli arresti domiciliari, sta pagando una multa per le suppellettili che ha danneggiato, non se ne uscirà mai fuori. A volte hanno degli attacchi isterici dove ti distruggono tutto il reparto e quello è un danno economico che fanno alla collettività, ma non pagano. Anche se vengono fermati ed identificati noi non abbiamo mai sapute se l’azienda abbia mai proceduto giuridicamente per il rimborso dei danni. A noi come organizzazione sindacale non ci risulta».

Articoli correlati
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
PNRR, al via la sfida per l’integrazione sociosanitaria tra territorio e digitalizzazione
A Napoli il Laboratorio Sanità 20/30, tra punti cruciali gli investimenti per la formazione e i contratti per la dirigenza
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari
Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni