Lavoro 4 Giugno 2019

In Italia donne medico ignorano le leggi che le tutelano. Spedicato (FEMS): «Sindacati devono formare i medici sulle normative»

Dall’indagine Anaao Assomed risulta che negli ospedali italiani lavorano sempre più donne, ma trovano difficoltà nel far valere i propri diritti. Bassi anche gli indici di gratificazione professionale e di pari opportunità di carriera. «Stentano a inserirsi non solo in quelli ospedalieri, ma in tutti i contesti manageriali. Il primo motivo è, semplicemente, una resistenza al cambiamento, che è presente in modo trasversale», sottolinea la delegata della Federazione Europea dei Medici Salariati

Immagine articolo

Resistenza al cambiamento, timore di impennata dei costi, e una discreta dose di maschilismo. Sarebbero questi gli “ingredienti per un disastro”, vale a dire gli scoraggianti risultati della recente indagine promossa da ANAAO Assomed, e realizzata con la collaborazione di AAROI-EMAC e SNR, tra i paesi membri della Federazione Europea dei Medici Salariati (Fems) per conoscere le condizioni lavorative delle donne medico in Europa. Indagine in cui l’Italia è finita penultima a livello europeo per quanto riguarda la percezione di soddisfazione lavorativa da parte delle professioniste della sanità. Il dato che accomuna invece le donne medico di tutta Europa è una scarsa conoscenza delle norme a tutela della professione. Sanità Informazione ha approfondito la questione con la dottoressa Alessandra Spedicato, Delegata FEMS e relatrice del convegno di presentazione della survey.

I risultati della ricerca promossa da Anaao Assomed che ha coinvolto i Paesi aderenti alla FEMS (Federazione Europea Medici Salariati) ha evidenziato che le donne medico in Italia si sentono discriminate da colleghi e pazienti e sono in cerca di una maggiore gratificazione professionale e di maggiori possibilità di ricoprire ruoli ai vertici. Insomma, come abbiamo fatto a finire in coda alla classifica europea, davanti solo alla Bulgaria?

«La prima motivazione è sicuramente la mancanza di un contratto che ci riconosca alcuni aspetti, anche contributivi, che possono aiutare nella gestione e nella conciliazione di lavoro e famiglia. Il secondo motivo è di carattere culturale: uno studio ha dimostrato che fin dalle scuole di specializzazione gli studenti maschi sono considerati più abili, gli vengono riconosciute più possibilità e più rispetto in confronto alle colleghe donne. Questo studio risale al 2016 ed è stato condotto in Svezia, uno di quei Paesi considerati molto avanti per quanto riguarda il welfare e le politiche di pari opportunità. Un altro punto è da correlarsi ai carichi di lavoro negli ospedali italiani, che sono aumentati in modo vertiginoso nel corso degli anni, a causa della carenza di personale e del blocco del turnover, e che sono ricaduti sui professionisti in servizio. La percentuale di donne medico negli ospedali italiani sta crescendo sempre di più perchè le vecchie generazioni erano perlopiù composte da uomini che ora stanno andando in pensione, per cui gran parte della nuova forza lavoro è di sesso femminile. A questo aggiungiamo che le professioniste in gravidanza non vengono sostituite, perchè nonostante ci sia una legge che lo prevede, spesso i tempi della burocrazia in Italia per cercare una sostituzione di maternità sono così lunghi che il periodo di maternità finisce e la collega deve tornare in servizio».

LEGGI ANCHE: DOTTORESSE ITALIANE DISCRIMINATE, IN ROMANIA LE CONDIZIONI DI LAVORO MIGLIORI. TUTTI I RISULTATI DELL’INDAGINE ANAAO

Lei ha sottolineato, durante il suo intervento alla presentazione dei risultati dell’indagine, che le donne in posizioni di potere non sono solo un obiettivo da raggiungere, ma una risorsa. C’è infatti una particolare attitudine femminile al lavoro di squadra e ad aderire a un modello di leadership condivisa. Perchè questi modelli stentano a inserirsi nei contesti ospedalieri italiani?

«Stentano a inserirsi non solo in quelli ospedalieri, ma in tutti i contesti manageriali. Il primo motivo è, semplicemente, una resistenza al cambiamento, che è presente in modo trasversale. Sovvertire le abitudini è la cosa più difficile da ottenere in una qualsiasi popolazione. Il secondo motivo riguarda invece i costi: proporre una leadership condivisa, con quindi due o più vertici a gestire un’azienda – in questo caso un ospedale – moltiplicherebbe i costi. Eppure, molti studi hanno dimostrato che la gestione delle aziende ospedaliere è così complessa da rendere di fatto impossibile che sia una sola persona a poter gestire tutto. Dobbiamo iniziare a pensare ai ruoli di potere non come posizioni di predominio sui dipendenti ma come metodo per tirar fuori dai dipendenti il meglio di loro… e questa è un’attitudine prettamente femminile, basata sull’empatia, il saper aiutare il prossimo ad esprimere al meglio le sue potenzialità.  Uno studio interessante condotto quest’anno ha evidenziato vedere una donna in una posizione di potere aiuta altre donne ad acquisire consapevolezza ed empowerment nell’esprimere le proprie abilità».

Un tratto in comune per le donne in tutta Europa è risultato essere la scarsa conoscenza della normativa a tutela della professione. Cosa si può fare per migliorare questo aspetto?

«C’è innanzitutto poca educazione alla legislazione vigente e poca conoscenza tra i colleghi di quelli che sono i proprii diritti e doveri. È anche compito del sindacato formare ed informare non solo i suoi iscritti ma tutti i lavoratori che potrebbe rappresentare. In secondo luogo, le leggi in questione non vengono applicate. In Italia, ad esempio, abbiamo un’ottima legislazione in merito ai Comitati Unici di Garanzia (CUG) che potrebbero svolgere un ruolo di tutela e supervisione nei confronti dei lavoratori e lavoratrici in difficoltà. Ebbene, i CUG all’interno delle aziende ospedaliere sono di fatto inesistenti. Quello che molte colleghe italiane ed estere hanno sottolineato nella survey è che le leggi ci sono, ma se non vengono applicate siamo di fronte a due possibilità: o non sono buone leggi, o sono inutili».

Articoli correlati
Dalla riduzione dei farmaci al reinserimento lavorativo: ecco come curare ansia e disturbi cognitivi con il verde
I giardini terapeutici riducono sintomi ed effetti di patologie come Autismo, Alzheimer e Sindrome di Down. Ma ritrovare il contatto con la natura attenua stress e stati depressivi in tutti noi. Andrea Mati (paesaggista): «Progettare ospedali e RSA integrati e immersi nei parchi»
Iniquità delle cure e ospedali tech: le due facce del SSN italiano ai tempi del Coronavirus. L’analisi di Starting Finance
La start up romana, composta da giovanissimi esperti, ha misurato l'efficienza dei presidi sanitari italiani: «Due ospedali sono vere eccellenze nella battaglia contro il Covid-19: l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e il Cotugno di Napoli»
di Isabella Faggiano
SIMEU, effetto coronavirus: «Calano fino al 30% gli accessi in pronto soccorso»
«Il calo certamente è frutto del timore del contagio diffuso fra la popolazione e dell'osservanza delle restrizioni sulla frequentazione di luoghi affollati imposte a livello istituzionale» così Salvatore Manca, presidente nazionale della Società italiana di medicina di emergenza-urgenza
Meno Day Hospital e lungodegenze, nel 2018 gli ospedali italiani alleggeriti dalle cronicità. I dati del Rapporto SDO
Migliora l'appropriatezza e l'efficienza nell'uso delle risorse ospedaliere. Diminuita anche la remunerazione teorica delle prestazioni di ricovero ospedaliero a carico del SSN negli anni 2010-2018
Ospedali sicuri per sette italiani su dieci, da migliorare Pronto Soccorso e centri trasfusione
I dati emersi da un sondaggio Doxapharma su un campione di 750 persone. Preoccupano i tagli al fondo sanitario e la mancanza di personale
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»