Lavoro 9 Dicembre 2015 17:13

«I turni massacranti continuano. A rimetterci sono medici e pazienti»

Parla Mirella Triozzi, responsabile nazionale Smi Dirigenza Medica: «La politica se ne frega, il medico penalizzato non ha altra strada che i ricorsi per tutelare il presente e ottenere giustizia sul pregresso»

«I turni massacranti continuano. A rimetterci sono medici e pazienti»

La nuova legge c’è… ma le vecchie abitudini, si sa, sono dure a morire. Nonostante l’entrata in vigore, lo scorso 25 novembre, della normativa di adeguamento sugli orari di lavoro, si preannuncia un estenuante tiro alla fune che alla fine si ripercuoterà, inevitabilmente, sulla salute. Di tutti. Medici e pazienti.


E la cui unica soluzione si troverà, ancora una volta nelle aule dei tribunali. E la classe medica? proprio non ci sta. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Mirella Triozzi, Responsabile nazionale SMI, il sindacato della dirigenza medica, che, al momento dell’intervista, era reduce da un turno di un’intera notte su un’ambulanza. («Secondo lei, io ora sarei forse nelle condizioni di fare qualche ora extra?»)

La dottoressa porta la sua testimonianza in veste di medico, oltre che di rappresentante di categoria: «Voglio ricordare che i riposi, così come le ferie, sono un dovere del medico a cui non bisogna sottrarsi, perché è nel riposo e nella giusta concentrazione che risiede la vera qualità dell’assistenza. La Lorenzin ha detto che non volerebbe mai con un pilota che ha guidato 78 ore, così come credo non si farebbe mai curare da un medico che ha lavorato 24 ore ininterrottamente».

Con l’entrata in vigore della legge, in teoria, questo non dovrebbe succedere più. In concreto, secondo lei, cosa accadrà? «I casi sono due: o tolgono qualcosa al medico, continuando a fargli fare gli stessi turni, o tolgono qualcosa al paziente, riducendo l’assistenza, e questo è più probabile visto che i direttori generali andrebbero incontro nel primo caso a fior di multe. Realisticamente temo che alcuni servizi spariranno o avranno liste d’attesa lunghissime».

In alcune Regioni si inizia a parlare di deroghe. Come può eventualmente difendersi il medico? Abbiamo notizia di tanti medici che stanno facendo ricorso…
«La deroga è una competenza del contratto nazionale, e si è avuto un anno di tempo per farlo. Alla fine, il metodo che si è trovato è stato questo: dire ai direttori di unità operativa: “Arrangiatevi, queste sono le regole”. Molti direttori di unità operativa o fanno un torto al medico e si beccano una denuncia, o riducono e in qualche modo modificano i servizi. Non vedo alternative, e la politica se ne f…».

Come valuta il fatto che i medici hanno già iniziato a fare ricorsi in Tribunale?
«I ricorsi sono sul pregresso, e il pregresso è pieno di anomalie: medici con rapporto libero professionale costretti a timbrare un cartellino, medici a progetto costretti a fare altro, ecc. La tipologia di ricorsi riguarda il modo in cui il medico è stato penalizzato. I colleghi hanno bisogno di lavorare, ma quando capiscono che ciò che gli viene chiesto non è ciò che hanno firmato, hanno tutto il diritto di portare avanti una battaglia legale».

Articoli correlati
Non voler visitare un paziente può essere reato
Una recente sentenza sancisce che il non voler visitare un paziente può portare ad una richiesta di risarcimento danni o peggio
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Pediatri, medici del 118, guardie mediche: la carenza di camici bianchi investe il Molise
Nella regione si registra una grave carenza di pediatri ospedalieri e il Punto nascite di Isernia rischia di chiudere. Crudele (OMCeO Isernia): «Non bisogna fare avvisi per sei mesi a tempo determinato, ma concorsi che diano una stabilità». De Gregorio (OMCeO Campobasso): «La coperta è corta, abbiamo troppe sedi di guardia medica»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...