Lavoro 1 Dicembre 2015

«I sistemi informatici certificano i nostri turni massacranti»

Anestesisti e rianimatori ospedalieri battaglieri sul rispetto degli orari di lavoro. Il presidente di Aaroi e Emac, Alessandro Vergallo: «Superare il sistema regionalistico e puntare sui ricorsi per dare efficacia alla legge 161/2014»

Immagine articolo

, sia il 10 che il 18 novembre, è mancato qualunque approccio tecnico alla legge 161/2014. Abbiamo consegnato un documento di disamina tecnico-normativa di dodici pagine che non è stato nemmeno preso in considerazione. Fortunatamente, alcune regioni come Veneto e Lombardia si sono mosse in qualche modo, tentando di dare una propria interpretazione. Ma è chiaramente una mossa unilaterale. D’altra parte non avevano un mandato che permettesse loro di fare altrimenti; il nostro interlocutore era l’Aran, ma anche la Conferenza delle Regioni, che però non si è presentata ed ha invece mandato avanti l’Agenzia con il ruolo di ambasciatore ma senza potere decisionale. E questo ci ha profondamente delusi. Noi siamo perfettamente in grado di interloquire sulle capacità organizzative, però devono chiamarci. Ci proponiamo di aiutare le istituzioni nazionali, prima di tutto a interpretare la norma ed evidenziare quelle che sono le criticità, dopo di che, siamo in grado di capire quali sono gli ambiti, si spera più ristretti possibile, a cui è possibile derogare per consentirci di lavorare nel pieno delle nostre condizioni psico-fisiche. Un anestesista, un rianimatore, un medico dell’emergenza riposati e in piena efficienza fisica sono una garanzia di sicurezza per se stessi e, molto di più, per il cittadino».

Fino ad ora, però, la normativa europea sugli orari di lavoro non è stata rispettata. In tanti casi sono già stati avviati dei ricorsi, promossi dai medici nei confronti dello Stato inadempiente. È un aspetto che va tenuto in considerazione.
«Siamo a conoscenza della possibilità di fare ricorso, del tema dei ricorsi e del motivo del contendere. L’Aaroi sostiene che un ricorso deve avere ragionevoli possibilità di poter essere avviato e vinto qualora l’orario effettuato, quindi timbrato, corrisponda a una effettiva attività certificata e attestata dalla documentazione ufficiale dell’ospedale. Per quanto riguarda noi, siamo pronti; tutta la nostra attività ormai in quasi tutti gli ospedali d’Italia, viene registrata elettronicamente, attraverso sistemi elettronici e cartelle cliniche che vanno a finire in un sistema informatico da cui è facilissimo desumere qual è il grado di efficienza di sistema: in termini tecnici, il grado di saturazione di attività, banalmente per le sale operatorie, piuttosto che per le terapie intensive».

Articoli correlati
Codici: «Ricorso al Tar contro l’obbligo del vaccino antinfluenzale per tutelare anche il personale sanitario»
 «Si allarga la campagna di adesione al ricorso presentato dall’associazione Codici contro l’ordinanza con cui la Regione Lazio ha disposto l’obbligo del vaccino antinfluenzale per gli over 65 ed il personale sanitario. Non solo i cittadini, anche gli operatori stanno dimostrando interesse nei confronti dell’azione legale che il 9 giugno sarà discussa nella prima udienza […]
Il 12 marzo è la giornata contro le aggressioni ai medici, D’Autilia (CEOM): «Episodi di violenza in aumento in tutta Europa»
Il vicepresidente del Consiglio degli Ordini dei Medici Europei spiega a Sanità Informazione quali sono le differenze (turni di lavoro, stipendi, formazione continua) tra la classe medica italiana e quella del resto del vecchio continente. E il quadro che ne esce non è dei migliori…
«La legge sulle 11 ore di riposo degli ospedalieri non viene applicata. A rischio la sicurezza dei pazienti»
di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio e componente Esecutivo nazionale
Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»
Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronuncia della Corte di Giustizia europea che faccia giurisprudenza»
«Il riposo deve essere di 11 ore e continuativo anche dopo la reperibilità». Anaao ricorre alla Commissione Europea
Per gli operatori sanitari del Ssn sarebbe stato violato il sistema minimo di tutele della salute e della sicurezza dei lavoratori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 giugno, sono 6.651.047 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 391.439 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 5 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco