Lavoro 1 Dicembre 2015

«I sistemi informatici certificano i nostri turni massacranti»

Anestesisti e rianimatori ospedalieri battaglieri sul rispetto degli orari di lavoro. Il presidente di Aaroi e Emac, Alessandro Vergallo: «Superare il sistema regionalistico e puntare sui ricorsi per dare efficacia alla legge 161/2014»

Immagine articolo

, sia il 10 che il 18 novembre, è mancato qualunque approccio tecnico alla legge 161/2014. Abbiamo consegnato un documento di disamina tecnico-normativa di dodici pagine che non è stato nemmeno preso in considerazione. Fortunatamente, alcune regioni come Veneto e Lombardia si sono mosse in qualche modo, tentando di dare una propria interpretazione. Ma è chiaramente una mossa unilaterale. D’altra parte non avevano un mandato che permettesse loro di fare altrimenti; il nostro interlocutore era l’Aran, ma anche la Conferenza delle Regioni, che però non si è presentata ed ha invece mandato avanti l’Agenzia con il ruolo di ambasciatore ma senza potere decisionale. E questo ci ha profondamente delusi. Noi siamo perfettamente in grado di interloquire sulle capacità organizzative, però devono chiamarci. Ci proponiamo di aiutare le istituzioni nazionali, prima di tutto a interpretare la norma ed evidenziare quelle che sono le criticità, dopo di che, siamo in grado di capire quali sono gli ambiti, si spera più ristretti possibile, a cui è possibile derogare per consentirci di lavorare nel pieno delle nostre condizioni psico-fisiche. Un anestesista, un rianimatore, un medico dell’emergenza riposati e in piena efficienza fisica sono una garanzia di sicurezza per se stessi e, molto di più, per il cittadino».

Fino ad ora, però, la normativa europea sugli orari di lavoro non è stata rispettata. In tanti casi sono già stati avviati dei ricorsi, promossi dai medici nei confronti dello Stato inadempiente. È un aspetto che va tenuto in considerazione.
«Siamo a conoscenza della possibilità di fare ricorso, del tema dei ricorsi e del motivo del contendere. L’Aaroi sostiene che un ricorso deve avere ragionevoli possibilità di poter essere avviato e vinto qualora l’orario effettuato, quindi timbrato, corrisponda a una effettiva attività certificata e attestata dalla documentazione ufficiale dell’ospedale. Per quanto riguarda noi, siamo pronti; tutta la nostra attività ormai in quasi tutti gli ospedali d’Italia, viene registrata elettronicamente, attraverso sistemi elettronici e cartelle cliniche che vanno a finire in un sistema informatico da cui è facilissimo desumere qual è il grado di efficienza di sistema: in termini tecnici, il grado di saturazione di attività, banalmente per le sale operatorie, piuttosto che per le terapie intensive».

Articoli correlati
Batticuore “numero chiuso”: gli aspiranti medici si raccontano da Nord a Sud
Firenze, Napoli e Ferrara: Sanità Informazione ha registrato gli umori e le considerazioni dei ragazzi pre e post test d’ammissione a Medicina 2019
Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»
La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diventa guardia attiva; in Portogallo viene pagato il 50% delle ore anche se non si viene chiamati
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Medici sfruttati, Danielle Ofri (New York Times) a Sanità Informazione: «Ecco tre consigli ai colleghi italiani…»
ESCLUSIVA | La dottoressa Danielle Ofri dell’ospedale Bellevue di New York è l’autrice dell’editoriale sullo sfruttamento dei medici e dei professionisti sanitari che, tradotto da Sanità Informazione, è stato condiviso da oltre 50mila persone. Le abbiamo chiesto tre consigli e perché, secondo lei, i problemi di chi lavora nella sanità statunitense sono così simili a quelli che affrontano i medici italiani...
Lecce, primo caso di fecondazione post-mortem. Avrà un figlio dal marito defunto
Avrà il figlio che ha sempre desiderato dal marito deceduto un anno fa. E’ il primo caso in Puglia e il terzo in Italia di ‘fecondazione post mortem’: come riporta Repubblica.it, infatti, il Tribunale di Lecce ha dato il via libera all’utilizzo degli embrioni per una giovane donna che aveva avviato il percorso prima della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali