Lavoro 1 Dicembre 2015 16:31

«I sistemi informatici certificano i nostri turni massacranti»

Anestesisti e rianimatori ospedalieri battaglieri sul rispetto degli orari di lavoro. Il presidente di Aaroi e Emac, Alessandro Vergallo: «Superare il sistema regionalistico e puntare sui ricorsi per dare efficacia alla legge 161/2014»

«I sistemi informatici certificano i nostri turni massacranti»

, sia il 10 che il 18 novembre, è mancato qualunque approccio tecnico alla legge 161/2014. Abbiamo consegnato un documento di disamina tecnico-normativa di dodici pagine che non è stato nemmeno preso in considerazione. Fortunatamente, alcune regioni come Veneto e Lombardia si sono mosse in qualche modo, tentando di dare una propria interpretazione. Ma è chiaramente una mossa unilaterale. D’altra parte non avevano un mandato che permettesse loro di fare altrimenti; il nostro interlocutore era l’Aran, ma anche la Conferenza delle Regioni, che però non si è presentata ed ha invece mandato avanti l’Agenzia con il ruolo di ambasciatore ma senza potere decisionale. E questo ci ha profondamente delusi. Noi siamo perfettamente in grado di interloquire sulle capacità organizzative, però devono chiamarci. Ci proponiamo di aiutare le istituzioni nazionali, prima di tutto a interpretare la norma ed evidenziare quelle che sono le criticità, dopo di che, siamo in grado di capire quali sono gli ambiti, si spera più ristretti possibile, a cui è possibile derogare per consentirci di lavorare nel pieno delle nostre condizioni psico-fisiche. Un anestesista, un rianimatore, un medico dell’emergenza riposati e in piena efficienza fisica sono una garanzia di sicurezza per se stessi e, molto di più, per il cittadino».

Fino ad ora, però, la normativa europea sugli orari di lavoro non è stata rispettata. In tanti casi sono già stati avviati dei ricorsi, promossi dai medici nei confronti dello Stato inadempiente. È un aspetto che va tenuto in considerazione.
«Siamo a conoscenza della possibilità di fare ricorso, del tema dei ricorsi e del motivo del contendere. L’Aaroi sostiene che un ricorso deve avere ragionevoli possibilità di poter essere avviato e vinto qualora l’orario effettuato, quindi timbrato, corrisponda a una effettiva attività certificata e attestata dalla documentazione ufficiale dell’ospedale. Per quanto riguarda noi, siamo pronti; tutta la nostra attività ormai in quasi tutti gli ospedali d’Italia, viene registrata elettronicamente, attraverso sistemi elettronici e cartelle cliniche che vanno a finire in un sistema informatico da cui è facilissimo desumere qual è il grado di efficienza di sistema: in termini tecnici, il grado di saturazione di attività, banalmente per le sale operatorie, piuttosto che per le terapie intensive».

Articoli correlati
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
«Può un infermiere nel 2022 morire di turni massacranti?»
Il nostro sindacato chiede a tutti gli infermieri italiani, in tutti gli ospedali e in tutte le strutture private, da Nord a Sud, di osservare un minuto di silenzio e di raccoglimento. Gli infermieri possono morire a causa dei turni massacranti? La scomparsa della collega Sara Sorge, deceduta in un incidente mortale, sembrerebbe accertato, dopo […]
di Antonio De Palma, presidente Nursing Up
Covid-19, Consulcesi: «Operatori sanitari allo stremo, tra turni massacranti e minacce da no vax»
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi: «Da quando è scoppiata la quarta ondata siamo stati sommersi da segnalazioni da parte di operatori sanitari: doppi turni non retribuiti, pressioni e minacce da parte dei no vax. È inaccettabile e per questo il nostro servizio di consulenza legale gratuita a disposizione di tutti coloro che necessitano di supporto»
Turni massacranti, muore chirurgo dopo 12 ore di lavoro. Quici (Cimo-Fesmed): «Medici ostaggio degli ospedali»
«Non è il primo collega, purtroppo, e non sarà l’ultimo. I medici sono abbandonati dagli ospedali, non riescono ad avere un adeguato riposo e queste sono le tragiche conseguenze. Apriremo una vertenza sulle condizioni dei medici ospedalieri»
Accordo Specialistica ambulatoriale, Cisl medici Lazio presenta ricorso al Tribunale Civile di Roma
«Dopo i ricorsi presentati dalla Cisl medici, la regione finalmente apre al tavolo del rinnovo dell’accordo regionale integrativo della specialistica ambulatoriale». È quanto fa sapere il sindacato in una nota. «È del 2 dicembre u.s. la lungamente attesa comunicazione della Direzione Regionale Salute e Integrazione Socio-Sanitaria – Area Risorse Umane che richiede alla OOSS firmatarie […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...