Lavoro 1 Dicembre 2015 16:31

«I sistemi informatici certificano i nostri turni massacranti»

Anestesisti e rianimatori ospedalieri battaglieri sul rispetto degli orari di lavoro. Il presidente di Aaroi e Emac, Alessandro Vergallo: «Superare il sistema regionalistico e puntare sui ricorsi per dare efficacia alla legge 161/2014»

«I sistemi informatici certificano i nostri turni massacranti»

, sia il 10 che il 18 novembre, è mancato qualunque approccio tecnico alla legge 161/2014. Abbiamo consegnato un documento di disamina tecnico-normativa di dodici pagine che non è stato nemmeno preso in considerazione. Fortunatamente, alcune regioni come Veneto e Lombardia si sono mosse in qualche modo, tentando di dare una propria interpretazione. Ma è chiaramente una mossa unilaterale. D’altra parte non avevano un mandato che permettesse loro di fare altrimenti; il nostro interlocutore era l’Aran, ma anche la Conferenza delle Regioni, che però non si è presentata ed ha invece mandato avanti l’Agenzia con il ruolo di ambasciatore ma senza potere decisionale. E questo ci ha profondamente delusi. Noi siamo perfettamente in grado di interloquire sulle capacità organizzative, però devono chiamarci. Ci proponiamo di aiutare le istituzioni nazionali, prima di tutto a interpretare la norma ed evidenziare quelle che sono le criticità, dopo di che, siamo in grado di capire quali sono gli ambiti, si spera più ristretti possibile, a cui è possibile derogare per consentirci di lavorare nel pieno delle nostre condizioni psico-fisiche. Un anestesista, un rianimatore, un medico dell’emergenza riposati e in piena efficienza fisica sono una garanzia di sicurezza per se stessi e, molto di più, per il cittadino».

Fino ad ora, però, la normativa europea sugli orari di lavoro non è stata rispettata. In tanti casi sono già stati avviati dei ricorsi, promossi dai medici nei confronti dello Stato inadempiente. È un aspetto che va tenuto in considerazione.
«Siamo a conoscenza della possibilità di fare ricorso, del tema dei ricorsi e del motivo del contendere. L’Aaroi sostiene che un ricorso deve avere ragionevoli possibilità di poter essere avviato e vinto qualora l’orario effettuato, quindi timbrato, corrisponda a una effettiva attività certificata e attestata dalla documentazione ufficiale dell’ospedale. Per quanto riguarda noi, siamo pronti; tutta la nostra attività ormai in quasi tutti gli ospedali d’Italia, viene registrata elettronicamente, attraverso sistemi elettronici e cartelle cliniche che vanno a finire in un sistema informatico da cui è facilissimo desumere qual è il grado di efficienza di sistema: in termini tecnici, il grado di saturazione di attività, banalmente per le sale operatorie, piuttosto che per le terapie intensive».

Articoli correlati
Turni massacranti, Avv. Tortorella: «Italia ha violato normativa europea, via alle diffide»
«Prima del 2015, quando è stata recepita la direttiva tantissimi medici hanno subìto dei danni a causa della violazione degli obblighi comunitari»
Emergenza turni massacranti, Tortorella (Consulcesi): «Sommersi da segnalazioni, via alle diffide»
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi: «Siamo stati sommersi da richieste di segnalazioni di medici e operatori sanitari che lavorano più di quanto dovrebbero senza alcun riconoscimento. I turni massacranti lasciano il segno, è il momento di far valere le proprie ragioni così come previsto dalla normativa Ue 2003/88/CE»
Test corso Medicina generale, prime irregolarità. Avv. Tortorella: «I posti sono troppo pochi»
Dopo il concorso per l'ingresso al Corso di Formazione in Medicina Generale, le prime segnalazioni parlano di numeri decisamente troppo ridotti rispetto al fabbisogno del Ssn. L'avvocato Tortorella spiega cosa può fare chi vuol fare ricorso
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...