Lavoro 1 Settembre 2014 17:29

Giovani Medici: “Bene il concorso nazionale, ora il MIUR si impegni a mantenerlo”

Soddisfazione da parte del SIGM per il nuovo sistema di accesso alle specializzazioni

Giovani Medici: “Bene il concorso nazionale, ora il MIUR si impegni a mantenerlo”

Sono soddisfatti, i Giovani Medici del SIGM, per la pubblicazione del Decreto Ministeriale recante il Bando di accesso alle scuole di specializzazione di medicina per l’anno 2013/2014, che applica per la prima volta il concorso a graduatoria nazionale.

Molte delle aspettative e delle istanze messe in campo dai Segretariato Giovani Medici, anche attraverso manifestazioni di piazza e campagne di sensibilizzazione, hanno infatti trovato risposta grazie al concreto impegno dimostrato dalle istituzioni.

Con un totale di 5505 contratti di formazione messi a concorso (circa 300 in più del precedente anno accademico), i Giovani Medici ritengono che l’adozione della graduatoria nazionale, e quindi di un sistema di selezione meritocratico, oggettivo e trasparente, sia stata la vera leva – si legge in un comunicato –  che ha reso forte e credibile, in questi lunghi mesi, la richiesta di stanziare finanziamenti aggiuntivi per la formazione specialistica dei medici.

Ciò che desta perplessità, tuttavia, è la previsione, nel bando, di vincoli rispetto all’assegnazione di alcuni contratti aggiuntivi a finanziamento di Regioni e Province Autonome. Se, infatti, tale richiesta dovesse giungere in futuro da tutte le Regioni, si rischierebbe di minare alle fondamenta l’intero impianto della graduatoria nazionale. Nella stessa nota i Giovani Medici sottolineano che sarebbe inaccettabile, in linea di principio, una graduatoria unica di “merito” che però preveda dei distinguo basati su criteri di residenza o sul luogo di conseguimento del diploma di laurea.

Su questo punto l’Associazione Italiana Giovani Medici chiede al Ministero per l’Istruzione e la Ricerca un impegno concreto affinché per i concorsi a venire si preservi il valore della graduatoria nazionale, che si adotti una uniformità di trattamento per tutte le Regioni erogatrici di finanziamento, e che, se pure vengano richiesti e applicati vincoli, questi valgano solo per il periodo successivo al conseguimento del diploma di specializzazione.

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Giornata mondiale emofilia, Cassone (FedEmo): “I dati dei pazienti confluiscano nel Registro Mec dell’Iss”

Al via all’ISS, con la collaborazione di AICE, un nuovo applicativo ideato appositamente per la raccolta dei dati, da mettere a disposizione dei Centri e delle Regioni. FedEmo: “Il Registr...
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...