Lavoro 1 Settembre 2014

Giovani Medici: “Bene il concorso nazionale, ora il MIUR si impegni a mantenerlo”

Soddisfazione da parte del SIGM per il nuovo sistema di accesso alle specializzazioni

Immagine articolo

Sono soddisfatti, i Giovani Medici del SIGM, per la pubblicazione del Decreto Ministeriale recante il Bando di accesso alle scuole di specializzazione di medicina per l’anno 2013/2014, che applica per la prima volta il concorso a graduatoria nazionale.

Molte delle aspettative e delle istanze messe in campo dai Segretariato Giovani Medici, anche attraverso manifestazioni di piazza e campagne di sensibilizzazione, hanno infatti trovato risposta grazie al concreto impegno dimostrato dalle istituzioni.

Con un totale di 5505 contratti di formazione messi a concorso (circa 300 in più del precedente anno accademico), i Giovani Medici ritengono che l’adozione della graduatoria nazionale, e quindi di un sistema di selezione meritocratico, oggettivo e trasparente, sia stata la vera leva – si legge in un comunicato –  che ha reso forte e credibile, in questi lunghi mesi, la richiesta di stanziare finanziamenti aggiuntivi per la formazione specialistica dei medici.

Ciò che desta perplessità, tuttavia, è la previsione, nel bando, di vincoli rispetto all’assegnazione di alcuni contratti aggiuntivi a finanziamento di Regioni e Province Autonome. Se, infatti, tale richiesta dovesse giungere in futuro da tutte le Regioni, si rischierebbe di minare alle fondamenta l’intero impianto della graduatoria nazionale. Nella stessa nota i Giovani Medici sottolineano che sarebbe inaccettabile, in linea di principio, una graduatoria unica di “merito” che però preveda dei distinguo basati su criteri di residenza o sul luogo di conseguimento del diploma di laurea.

Su questo punto l’Associazione Italiana Giovani Medici chiede al Ministero per l’Istruzione e la Ricerca un impegno concreto affinché per i concorsi a venire si preservi il valore della graduatoria nazionale, che si adotti una uniformità di trattamento per tutte le Regioni erogatrici di finanziamento, e che, se pure vengano richiesti e applicati vincoli, questi valgano solo per il periodo successivo al conseguimento del diploma di specializzazione.

Articoli correlati
D’Amato: «Oltre 19 mila accessi nei primi sei mesi all’ospedale dei Castelli»
Oltre 19 mila accessi al Pronto soccorso, 140 assunzioni fra medici, infermieri e oss, oltre 26 mila prestazioni di specialistica ambulatoriale e l’apertura, nei giorni scorsi, di 10 posti letto di breve osservazione che consentirà di ridurre la pressione sul Pronto soccorso. Sono solamente alcuni dei numeri dell’attività del nuovo ospedale dei Castelli illustrati nel […]
Liste di attesa, il bilancio di Cittadinanzattiva: «Ancora troppo lunghe, 10 mesi per una Tac. Speranza è il nuovo Piano nazionale»
Piano nazionale di governo delle Liste di Attesa, Fava (Cittadinanzattiva): «Da aprile tutte le Regioni sono al lavoro per il recepimento della normativa. Poi, dovranno essere realizzati i piani aziendali. Per tutte le prestazioni del SSN ci saranno dei tempi massimi di attesa e i medici dovranno sempre indicare i codici di priorità»
di Isabella Faggiano
Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»
«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»
Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Giornata del Chimico-Fisico, Orlandi (FNCF): «Ambiente e salute, nostro ruolo decisivo. Politica ne tenga conto»
A Roma celebrata la prima giornata nazionale del Chimico-Fisico, professione ora inserita tra quella sanitarie. «Non mancano nella nostra categoria sfide legate all’intelligenza artificiale, ai big data, all’evoluzione delle apparecchiature e conseguentemente l’impatto sulla salute di queste tecnologie sia in ambito ospedaliero che in ambito industriale e ambientale», sottolinea la presidente dell'Ordine Nausicaa Orlandi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...