Lavoro 28 ottobre 2014

Giovani Medici: pronti, partenza… via con l’accesso alla specializzazione

Iniziati oggi i test per la formazione specialistica. SIGM in prima linea per evitare irregolarità

Immagine articolo

Al via i quiz di ammissione alle scuole di specializzazione in medicina. Si comincia oggi con la prova generale, e si prosegue domani con la prova di area medica, il 30 con quella di area chirurgica, per finire il 31 quella dei servizi clinici.

Ma, ancora una volta, ad accompagnare i test un mare di polemiche. Solo pochi giorni fa il Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi ha lanciato la petizione per chiedere al Ministero dell’Istruzione che venissero garantiti i presupposti per un regolare svolgimento delle prove stesse.
Lo scopo è quello di scongiurare il verificarsi, nel corso delle selezioni, di tutte quelle criticità che possano vanificarne il valore e che fin troppo spesso hanno falsato i risultati fino al più recente passato.

Nello specifico, la petizione ha chiesto che nel corso dei test venga garantita la presenza in sede delle Forze dell’Ordine, di un adeguato numero di Commissari e sorveglianti e di almeno un Commissario Ministeriale esterno all’ambito regionale. Necessaria è inoltre l’assenza totale di potenziali conflitti di interesse tra Commissari e sorveglianti ed i candidati e l’impossibilità di interazione tra questi ultimi. Richiesta anche l’adozione di ogni accorgimento per impedire l’utilizzo, da parte degli studenti, di qualsiasi supporto tecnologico.

L’iniziativa ha raccolto in poco tempo l’adesione di circa mille futuri camici bianchi e quella del Segretariato Italiano Giovani Medici. “Saranno migliaia gli aspiranti specializzandi – dichiarano dal SIGM – che sosterranno le prove di ammissione alle scuole di specializzazione in medicina e moltissima è la paura che si ripetano i disservizi e le presunte irregolarità, che, secondo le moltissime segnalazioni pervenuteci, si sarebbero registrate durante le prove di accesso ai corsi regionali di formazione specifica di medicina generale”.

Dal canto suo, il Miur, recependo le richieste avanzate dalle due organizzazioni, ha emanato una circolare a tutte le Università, stabilendo che non dovranno far parte del personale di sorveglianza docenti dei corsi o delle specializzazioni in medicina. Un passo in avanti che ha come fine quello di rendere più omogenea la composizione delle commissioni nelle varie sedi.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi
Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esame non piace a nessuno: si muove anche il Parlamento. Irregolarità e ricorsi: migliaia di studenti vanno in tribunale
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»
Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi
di Serena Santi e Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...