Lavoro 27 Maggio 2020

Giornata medicina emergenza-urgenza, la campagna internazionale: «Servono più medici, più infermieri, più servizi»

Al via la campagna #Emdaychallenge con le foto di medici e infermieri alla fine del turno. La coordinatrice della Giornata Roberta Petrino: «Dove c’era personale sufficiente e competente e si poteva disporre di attrezzature all’altezza della situazione, l’emergenza coronavirus è stata gestita al meglio e con migliori risultati sulla salute della popolazione»

Immagine articolo

Si celebra oggi la Giornata della Medicina d’emergenza-urgenza, 26° anniversario della nascita della European Society for Emergency Medicine. Frutto del lavoro di un gruppo di medici d’emergenza di diversi Paesi europei, l’obiettivo era quello di costruire un modello di sistema per garantire a tutti i cittadini europei una risposta professionale, competente e tempestiva a qualsiasi condizione acuta di emergenza sanitaria.

Una branca che mai come quest’anno ha dimostrato la sua importanza: l’emergenza sanitaria globale per la diffusione del virus Sars-CoV-2 ha infatti visto in prima linea medici e infermieri dell’emergenza-urgenza, che hanno creato una barriera contro il contagio impegnandosi al massimo delle energie e delle risorse a disposizione, con turni incessanti che hanno garantito cura e assistenza h24 ai pazienti Covid e anche, sempre, ai non Covid.

Una Giornata che quest’anno ha quindi un sapore diverso, celebrata com’è ormai abitudine sui social network; è stata infatti lanciata la campagna internazionale #Emdaychallenge: medici, infermieri e simpatizzanti sono invitati a postare sui social un’immagine rappresentativa contrassegnata con #Emdaychallenge e #EmergencyMedicineDay, per raccontare tutta la comunità del servizio pubblico dell’emergenza sanitaria. Molte foto di medici e infermieri di tanti Paesi nel mondo sono già state inviate e raccolte in una fotogallery: immagini scattate al termine del loro turno di lavoro, volti che mostrano le loro emozioni, la fatica, la passione, soddisfazione e frustrazione, ansia e gratificazione che si accumulano in una giornata di lavoro in emergenza. I ritratti includono il nome, il paese di provenienza, e l’ora di fine turno, a dimostrazione della staffetta continua delle cure in emergenza che non si fermano mai per non lasciare nessuno in pericolo di vita. Tra i sostenitori della campagna in Italia, anche alcuni volti noti del mondo dello spettacolo, tra cui Martina Colombari, Carolina Crescentini, Maria Grazia Cucinotta, Chiara Francini e Matilde Gioli.

LEGGI ANCHE: ITALIANI DI NUOVO IN FILA NEI PRONTO SOCCORSO. MANCA (SIMEU): «+30% DI ACCESSI RISPETTO ALLA FASE 1»

Ma oltre a celebrazioni e campagne social, il mondo dell’emergenza urgenza lancia anche un messaggio: «Per un sistema dell’emergenza efficiente, chiedi di più: più medici, più infermieri, più servizi». «La mancanza di un numero sufficiente di medici e infermieri nell’emergenza urgenza – spiega una nota – è un problema globale che riguarda molti Paesi nel mondo. La carenza di professionisti mette a rischio il diritto universale alla salute, perché non vengono garantite le risorse necessarie a realizzare l’intervento di cura più efficace nel minor tempo possibile».

«Quando abbiamo scelto il tema di quest’anno, non avremmo mai immaginato che nel giro di pochi mesi sarebbe scoppiata una pandemia, rendendo la nostra richiesta ancora più cruciale. Nei Paesi più colpiti dal virus SARS-COV2 – afferma Roberta Petrino, medico d’emergenza, coordinatrice della Giornata Internazionale della medicina d’emergenza – il sistema dell’emergenza sanitaria ha dovuto gestire uno scenario da Medicina delle catastrofi, che per diverse settimane è andato peggiorando esponenzialmente. Si sono dovuti creare nuovi percorsi di cura, sviluppare un corretto uso dei dispositivi di protezione individuale, distribuire e gestire risorse umane e materiali, adattare i protocolli di intervento alla nuova situazione. Oggi, appena fuori dalla fase 1, risulta evidente che là dove c’era personale numericamente sufficiente e competente dal punto di vista professionale, dove si poteva disporre di attrezzature all’altezza della situazione, la crisi è stata gestita al meglio e con migliori risultati sulla salute della popolazione».

«Non siamo angeli né eroi, siamo professionisti sanitari – sottolinea Salvatore Manca, presidente nazionale Simeu, che partecipa per l’Italia alla campagna internazionale -. Questa pandemia ha dimostrato, pur senza clamori, come la Medicina d’emergenza-urgenza sia una disciplina fondamentale per il nostro Ssn, ma ha anche messo a nudo alcune carenze cui si è fatto fronte grazie alla professionalità e dedizione dei medici e degli infermieri dell’emergenza sia ospedaliera che territoriale, tra queste dotazioni organiche carenti e strutture inadeguate, cui si dovrà rapidamente porre rimedio per poter far fronte in maniera ottimale ai bisogni di salute dei pazienti».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Pronto soccorso, Manca: «File più lunghe di prima. Siamo la risposta alle inefficienze del territorio e dei reparti Covid»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Da noi anche pazienti per tamponi o test sierologici e casi sospetti Covid che non trovano posto nei reparti dedicati. Ma in alcune aree d’Italia è stato dismesso il percorso differenziato, quindi in presenza di un solo positivo rischiamo di chiudere tutto il pronto soccorso»
di Isabella Faggiano
Gli urgentisti: «Istituire il Medico unico dell’emergenza per garantire reale continuità assistenziale»
L’emergenza covid-19 che ha colpito duramente il nostro paese ha messo in evidenza lacune e carenze del nostro SSN, che ha retto grazie alla grande risposta degli operatori, ma che necessita di un intervento in tempi rapidissimi: Interventi strutturali nei Pronto Soccorso in modo da rendere stabili i percorsi differenziati dei pazienti, a iniziare dalle […]
di Salvatore Manca, Presidente Nazionale SIMEU
Italiani di nuovo in fila nei pronto soccorso. Manca (Simeu): «+30% di accessi rispetto alla fase 1»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Durante il lockdown, al nord Italia il calo di accessi nei pronto soccorso ha superato il 50%. Al Sud, le richieste di cure negli stessi reparti sono diminuite di 15-30 punti percentuali»
di Isabella Faggiano
Fase 2, Simeu: «Pronto soccorso a rischio caos. Si rischia una nuova emergenza»
La Società Italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Impossibile rispettare le distanze di sicurezza nelle sale d’attesa e negli spazi del Pronto soccorso perché i reparti non ricoverano i malati fino all’esito del tampone»
SIMEU, effetto coronavirus: «Calano fino al 30% gli accessi in pronto soccorso»
«Il calo certamente è frutto del timore del contagio diffuso fra la popolazione e dell'osservanza delle restrizioni sulla frequentazione di luoghi affollati imposte a livello istituzionale» così Salvatore Manca, presidente nazionale della Società italiana di medicina di emergenza-urgenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare